• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Istruzione > Non si sospende la libertà di insegnamento

Non si sospende la libertà di insegnamento

La vicenda di Rosa Maria Dell’Aria, docente di Lettere dell’istituto tecnico Vittorio Emanuele III di Palermo, sospesa dal Ministero dell’istruzione per quindici giorni con stipendio dimezzato, è di una gravità inaudita e senza precedenti nella storia dell’Italia repubblicana e democratica. 

La professoressa è stata, infatti, duramente sanzionata per non aver controllato e censurato il lavoro di ricerca svolto da alcuni suoi studenti, i quali, affrontando il tema delle leggi razziali fasciste del 1938, hanno costruito un parallelismo tra le politiche discriminatorie di Mussolini e le politiche su migranti e rifugiati attuate dal Ministero dell’Interno Salvini.

La sospensione dell’insegnante conferma il clima di crescente e insostenibile repressione nei confronti della scuola e di tutti coloro che esprimono in modo democratico un dissenso verso il governo, il quale, non passa giorno, invece, senza che conceda legittimità politica e spazi pubblici a gruppi e movimenti neo fascisti, in aperta violazione della Costituzione italiana. L’iniziativa del Ministero dell’Istruzione contro la professoressa di Palermo è un attacco violento alla libertà di insegnamento e ai diritti civili e politici di ogni cittadino, di fronte al quale non si può rimanere muti, inermi e complici. La scuola, infatti, deve rimanere una comunità libera, un luogo in cui poter alimentare lo studio, il pensiero critico e l’esercizio pratico della democrazia.

Gli studenti di Palermo con la loro ricerca non hanno insultato nessuno, bensì hanno semplicemente applicato una di quelle competenze che sempre gli vengono richieste: rielaborare in modo personale il presente a partire da quanto letto, studiato e appreso in classe. Se gli allievi in questione hanno rilevato un collegamento tra le discriminazioni razziali durante il fascismo e le politiche portate avanti da Salvini nei confronti dei migranti, vi è solo da fare loro un applauso, in quanto dalle loro fertili riflessioni si può fare della scuola un luogo di discussione e confronto e non una caserma di obbedienza o un supermercato di consumo. E ciò è valso anche per il passato, quando gli studenti hanno mosso critiche a Berlusconi, Renzi, Moratti o Gelmini.

Il potere, invece ancora una volta, vuole che gli insegnanti si trasformino in vigilantes e esecutori degli ordini e che taglino sul nascere ogni albero di dissenso e di autonomia di pensiero. Dietro il mantra “Fuori la politica dalla scuola” si nasconde la volontà di fare dell’istruzione uno strumento controllare la società e formare stupidi e mansueti burattini. E chi non si adegua e conforma a tale prospettiva va sanzionato e punito. La vicenda di Rosa Maria dell’Aria ha messo in luce il volto becero e violento di chi ci governa. Di fronte a tali soprusi, che minacciano la debole democrazia italiana, serve una forte e consapevole mobilitazione del mondo della scuola, docenti e studenti uniti, del lavoro e della società civile. Prima che sia troppo tardi.

NOTA REDAZIONALE Aggiungo una piccola considerazione. Il processo di “normalizzazione” autoritaria della scuola a mio parere è già cominciato da anni, e l’ho sperimentato più volte di persona sia quando insegnavo negli Istituti superiori, sia nell’Università, anche se in genere era mascherato da un velo di ipocrisia democristiana. Vorrei ricordare però tra le manifestazioni più brutali degli ultimi tempi anche il licenziamento della maestra Lavinia Flavia Cassaro, l’insegnante di scuola primaria che aveva “insultato” le forze dell’ordine che stavano attaccando (come accade spesso) un corteo antifascista organizzato per protesta contro un’iniziativa di Casapound. L’episodio era accaduto a Torino il 22 febbraio 2018, non in orario scolastico, e quindi riguardava solo le sue idee personali, o al massimo la sua capacità di autocontrollo, non la sua capacità di insegnare. Un licenziamento - confermato dalla magistratura - che ricorda quello di alcuni operai della FCA condannati alla disoccupazione (probabilmente perpetua, con i tempi che corrono) per aver esposto un fantoccio che rappresentava Marchionne impiccato, durante un sit in in ricordo di alcuni compagni di lavoro spinti al suicidio. (a.m.)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Ilario Giordano (---.---.---.39) 21 maggio 15:59

    Ovviamente le tesi esposte sono un opinione dell’autore di cui se ne assume tutte le responsabilità. Fortunatamente il mondo reale è un’altro ed è molto meglio di quello prospettato nell’articolo. Tutti questi fascismi imperanti e minacciosi sono solo nella sua mente e derivano forse dalla sua formazione e credo politico. Altro aspetto, e molto più grave, è invece il fatto di voler utilizzare le istituzioni scolastiche pubbliche per propagandare (ed inculcare) certi credi politici che sono stati condannati dalla storia come antidemocratici e criminali. La scuola pubblica deve essere per definizione apolitica nel modo più assoluto e deve dare una formazione ed un senso critico ai giovani non deviato da alcuna ideologia (né di destra e neppure di sinistra). Se le faranno poi loro le opinioni sulla base della loro esperienza. Il voler imporre certe visioni distorte della realtà a soggetti che si stanno formando, dai docenti oltretutto che dovrebbero essere esempio e fornire gli strumenti di analisi, è una cosa gravissima.

    Non per nulla, fortunatamente, la cattedra tenuta dall’estensore dell’articolo è stata soppressa dalle istituzioni scolastiche al momento del pensionamento dello stesso in quanto il tipo di insegnamento e gli argomenti che si trattavano non garantivano un’analisi obbiettiva della materia.

    L’approccio dello stesso, da quanto si può ipotizzare dalle sue opinioni, è di tipo gramsciano cioè deve essere quello della graduale conquista del «cervello» di quella società, cioè delle sue casematte ideologico-culturali: la scuola, le case editrici, le redazioni dei giornali, la magistratura, l’elaborazione culturale e l’organizzazione della cultura in quanto tali. Partendo da tale lavorio nel profondo e sfruttando le eventuali crisi organiche di un determinato sistema economico-sociale-politico di stampo capitalista e moderato, un partito comunista dell’Occidente sarebbe potuto risalire alla conquista del totale potere politico.

    Sono metodi assolutamente antidemocratici e come tali da ostacolare nella maniera più decisa.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità