• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Marco Barone

Marco Barone

Blogger,attivista,laureato in Giurisprudenza,"opinionista" e amante del calcio, ricercatore storico. Sempre dalla parte della difesa dei diritti umani. Ho partecipato a vari concorsi di poesia, cito in particolar modo la seconda edizione del Concorso Internazionale di Poesia Inedita "Il Federiciano", dove la poesia Cicala è stata segnalata e pubblicata nell'antologia ivi realizzata da Aletti editore; finalista al Premio Letterario Europeo Wilde edizione 2011; finalista al concorso nazionale di poesia di Libero Spazio edizione 2011; una mia poesia è stata inserita nell'antologia del concorso nazionale Poeta anch’io” di Bomarzo sul tema “I quattro elementi” edizione 2012, autore del testo della canzone" Una canzone per me" ed "il diritto e il rovescio" di cui sono stati realizzati Video Musicali, e "ancora amore", collaboratore del "giornale" non periodico CitàVecia Starigrad. I miei interventi, anche sulla 'ndrangheta e sulla società in genere sono stati pubblicati su alcuni quotidiani come il Quotidiano della Calabria, Calabria ora, La Voce di Trieste, nello spazio segnalazioni del Piccolo di Trieste,Messaggero Veneto, ecc. Mi interesso di questioni scolastiche con interventi pubblicati per siti e forum della scuola come Orizzonte scuola e Tecnica della scuola e Fuori registro ecc.
Da segnalare la questione di Ronchi dei Legionari e la sua denominazione, cittadinanza onoraria a Mussolini, che è stata revocata il 14 aprile 2014, il mio intervento è stato pubblicato sul sito del collettivo GIAP WU MING, questo il link
http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=15535

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 07 Luglio 2010
  • Moderatore da giovedì 07 Luglio 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 698 32 554
1 mese 13 0 12
5 giorni 2 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1 1 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Marco Barone (---.---.---.107) 25 gennaio 2012 13:25
    Marco Barone

    Aggiornamenti:
    Testo mail inviata a Centostazioni, gestore della Stazione di TS Centrale.


    Mercoledì 25 gennaio 2012, 13:07
    Da:
    Marco Barone
    A:
    info@centostazioni.it

    Salve, volevo cortesemente venire a conoscenza del motivo che ha comportato la rimozione delle sedute nei due atri della Stazione di Ts centrale; è stato collocato un cartello che avvisa di lavori di manutenzione straordinaria che sarebbero già in corso(?), ma la realizzazione di tali lavori, di cui non vi è traccia nel vostro sito, necessitava la rimozione delle sedute fino al 31 marzo?
    Grazie per la disponibilità,
    cordialmente
    Marco Barone.

  • Di Marco Barone (---.---.---.112) 20 gennaio 2012 20:18
    Marco Barone

    Interessante la discussione emersa, ora non so ben dire quanto questo articolo abbia fatto discutere in rete, quanto sia girato ecc, però ci tengo a precisare che io non manifesto nessuna dietrologia,esprimere delle considerazioni sul perchè in passato sarebbero accaduti episodi simili alla tragedia come da noi tutti conosciuta, credo sia riflessione dovuta. Ripeto, se la Concordia non maturava il contatto con lo scoglio, e quindi se non maturava alcuna tragedia, penso che quel gorno sarebbe stato un giorno di ritualità ben conosciuta e forse anche autorizzata. Certamente in passato lo è stata, almeno questo si desume da quelle fonti che ho citato. Ed allora ripeto, chi doveva controllare in passato ha autorizzato il passaggio vicino alla costa oltre i limiti di sicurezza? Se per alcuni questa è dietrologia che dire? Libere riflessioni, apprezzo sempre le critiche, spesso ricevo insulti di varia natura, io provoco, provoco riflessione ed incazzatura forse perchè semplicemente critico un sistema che fa schifo. E’ cosa tipica e vista e rivista tollerare cose illegali o illegittime, o ai lmiti della legalità, perchè tanto si dice..ma cosa vuoi che accada...e poi quando l’evento accade ecco le fughe, ecco le negazioni ecco lo scarica barile. Il comandante è stato complice di tal sistema, non lo assolvo, ma non è l’unico responsabile. Quelle persone uccise dal rito meritano rispetto ma anche la piena verità. m.b

  • Di Marco Barone (---.---.---.49) 19 gennaio 2012 00:04
    Marco Barone

    La cosa che dovrà a parer mio essere chiarità più di ogni altra è : come faceva a non sapere la capitaneria di porto o guardia costiera anche in passato? Se in passato ha autorizzato , se non accadeva quanto accaduto, probabilmente avremmo o no assistito ad un nulla? Nel senso che tutto rientrava nella norma? Quali distanze ha percorso in passato, vedi agosto 2011 e luglio 2008? Dalle foto viste sembra che la distanza sia la stessa...salvo scoglio.
    La costa crociera, anche in virtù dell’accordo commerciale maturato con la Liguria acconsentiva o no a tali passaggi autorizzati?
    Ed in tutto ciò non dimentichiamoci delle vittime. Sono morte delle persone a causa dell’incuria umana, sia essa autorizzata sia essa acconsentita. Il Comandante è parte attiva in tutta questa vicenda ma non è l’unico responsabile, io parlavo di caprio espiatorio, usando un termine forte, semplicemente perhè quello che sta accadendo è concentrare sul sacrificabile tutte le responsabilità che vanno, o meglio andrebbero in realtà, condivise tra i soggetti considerati. Costa, capitaneria o guardia costiera, amministrazione comunale coinvolta, devono fornire prove di non coinvolgimento in tale ritualità...ma credo che ciò sarà cosa ardua da dimostrare.

  • Di Marco Barone (---.---.---.49) 18 gennaio 2012 11:40
    Marco Barone

    Caro Paolo, accolgo sempre con attenzione le critiche, io non assolvo il comandante, ho detto che ha le sue responsabilità perchè è anche lui complice di un sistema distorto, quello che ho chiesto è perchè urlare solo ora? Dove erano i controllori anche nel 2008? Nell’agosto del 2011? Perchè nessuno ha mai detto nulla prima? Ovviamente il tutto dovrà trovare conferma nelle dovute sedi, ma il comandante ha le sue responsabilità e non è l’unico! sono tutti responsabili quelli che hanno o avrebbero acconsentito a tale ritualità, ed il sindaco come minimo dovrebbe dimettersi, se ciò verrà confermato, ed i controllori dovrebbero dare delle spiegazioni sul perchè in passato ciò veniva tollerato, se ciò verrà confermato, perchè con la tecnologia a loro disposizione, controllano tutto, e l’avvicinamento alla costa della Costa non poteva sfuggire, e la costa crociere non poteva non sapere.E ripeto se quanto detto troverà conferma, gli indizi ci sono, e sembrano essere gravi, precisi e concordanti ovvero prove di una ritualità tollerata.
    m.b

  • Di Marco Barone (---.---.---.49) 2 gennaio 2012 23:44
    Marco Barone

    Caro Fabio, hai spiegato bene ciò che è facebook, io più di una volta ho parlato di droga-facebook ecc, oggi come oggi per ovvi motivi siamo dipendenti da facebook, se poi vogliamo fare una specie di disintosiccazione di massa sono il primo a condividerla, il punto è come partire?
    ad oggi mi sembra impossibile,
    dobbiamo attendere un nuovo modello di droga comunicazione che sotituirà facebook,
    ma non sarà disintosiccazione ma solo cambio di droga...
    io ci sto provando nella vita rionale, oltre che scrivere ecc su internet con alcuni amici e compagni stiamo tirando su un giornaletto di rione, abbiamo rifiutato internet, solo carta e persone che respirano o meglio che puoi guardare in faccia di persona, sembra che la cosa stia prendendo piede, è autofinanziato, libero ecc, sembra che la gente ha bisogno di ritornare indietro nel tempo, per opporsi al progresso regresso comunicativo ...
    a presto
    m.b
    m.b.