• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Economia > La classifica delle compagnie più innovative

La classifica delle compagnie più innovative

Apple arriva al primo posto tra le 50 compagnie più innovative del mondo. La classifica, stilata come ogni anno dal sito di business statunitense fastcompany.com, ha riservato delle interessanti sorprese. L’azienda di Jobs ha sconfitto Facebook, che nel 2010 aveva guadagnato il primo posto, perché “ha dominato il panorama del business in 101 modi “ diversi con i suoi prodotti che stanno cambiando o hanno già “cambiato la nostra vita , il nostro lavoro e il nostro mondo, di giorno e di notte”. Subito dietro all’azienda di Cupertino arrivano i social network, ma Facebook viene, a sorpresa, battuto da Twitter che lo scorso anno era al cinquantesimo posto. Il network dei cinguettii ha scalato la classifica “per i cinque anni di crescita esplosiva che hanno ridefinito la comunicazione”. Altro merito di Twitter è di essere l’unico social network che è riuscito a sopravvivere all’incredibile potenza di Facebook. Quest’ultimo, nella classifica di fastcomapny.com, perde due posizioni nonostante i suoi 600 milioni di utenti, una crescita del 145% registrata nel 2010 e la nomina di “uomo dell’anno” conferita dal Times al suo fondatore Zuckerberg.

Quarta compagnia in classifica è Nissan, che ha il merito di aver creato la prima auto completamente elettrica destinata al mercato di massa. L’azienda automobilistica, nel 2010, non era neanche presente nella lista come il quinto classificato, Groupon, che ha il merito di “aver rinvigorito la vendita al dettaglio e di essere il sito più eccitante sul quale fare acquisti” che si sia visto da quando è stato creato Ebay. Al sesto posto troviamo uno dei big: Google, che nonostante “aggiorni continuamente l’esperienza di ricerca” ha perso due posizioni rispetto al 2010. Dal settimo al decimo posto troviamo nell’ordine: Dawning Information Industry, Netflix, Zynga ed Epocrates.

Molte sono state le aziende celebri declassate da fastcompany. Intel è passata dal quattordicesimo al diciannovesimo posto, Nike dal tredicesimo al ventitreesimo, Amazon crolla dal secondo al ventisettesimo e Ibm dal diciottesimo al ventinovesimo, stessa sorte è toccata a Cisco (dal diciassettesimo posto al quarantunesimo) e Samsung (dal trentaseiesimo al quarantatreesimo). Burberry, Foursquare, Ebay, Linkedin, Double Negative e Kaspersky sono alcune delle compagnie che, grazie ai loro ultimi progressi, hanno fatto il loro ingresso nella prestigiosa classifica. 

In questa classifica, che rappresenta un bilancio e un attestato di stima per le compagnie, non si vede neanche l’ombra di una rappresentanza italiana. 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares