• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > L’indigesto pensiero degli anticlericali

L’indigesto pensiero degli anticlericali

“Bersani e i suoi alleati ci accusano di collaborazionismo con gli avversari, ma questo non è assolutamente vero. In realtà vogliono farci fuori per cercare attraverso l'Udc l’appoggio delle gerarchie ecclesiastiche, proposito incompatibile con i valori di cui siamo portatori». Lo ha detto lunedì il radicale Mario Staderini aprendo il congresso del suo partito.

Sono poche righe apparse su l’Unità del 30 ottobre, che confermano quanto ipotizzato, detto e scritto fin dal giorno dell’infausto tentativo di far mancare la fiducia al governo. Infausto perché fallito, e Berlusconi è ancora lì a fare danni (evidenziati dalla costante impennata dello spread con i titoli tedeschi) tali che ci vorranno anni per rimediare; e infausto perché ha segnato – con la falsa accusa ai radicali di essere “collaborazionisti” e sodali con il nemico – la sostanziale espulsione della componente radicale dall’ambito della sinistra.

“Viene allo scoperto quello che già da tempo è stato deciso in qualche stanza chiusa del Pd – ha affermato Emma Bonino su Radio Radicale - e cioè che il nuovo Ulivo comprende Pd-Idv e Sel e che cercherà di allearsi con l'Udc e il terzo polo. Rosy Bindi dice oggi sui Radicali quello che aveva già detto nel 2010 nel corso della campagna elettorale nel Lazio, quando dichiarò che io non ero la loro candidata migliore, affermando sostanzialmente che sarebbe stato meglio se avesse vinto la Polverini”.

Parliamo di quella stessa Rosy Bindi che ha scatenato l’ignobile gazzarra contro i deputati radicali, rei di lesa maestà ed accusati falsamente di avere supportato il governo garantendogli il numero legale alla votazione sulla fiducia. Un sondaggio Datamonitor ci dice che la metà degli intervistati non sa che cosa abbiano votato i deputati radicali e dell’altra metà quasi il 60% è addirittura convinto che abbiano votato a favore del governo. Quando si dice la disinformazione (e anche quella vasta, contigua area di indecenti propagatori di falsità)!

Uno dei cinque reprobi, Maurizio Turco, l'ha detto a chiare lettere: “Dobbiamo uscire dall’angolo in cui vorrebbero relegarci. Possiamo parlare ma non ci deve ascoltare nessuno. Possiamo manifestare ma non ci deve vedere nessuno. Possiamo fare quello che vogliamo ma il cittadino non lo deve sapere, non deve avere la possibilità di scegliere o rifiutare le nostre idee, iniziative, lotte".

La guerra di tutti contro tutti in casa Centrosinistra ha già fatto la prima vittima illustre. E non si tratta tanto dei Radicali, che da sempre sono abituati alla solitudine politica, quanto della possibilità che si vada affermando – o che abbia almeno la chance di essere intravisto - un pensiero radicalmente (nel senso di “tassativamente”) laico in un paese in cui un qualsiasi politico deve a priori dichiararsi cattolico, qualunque sia la sua bandiera.

Un pensiero indigesto per le gerarchie della Chiesa, alla ricerca di un nuovo cavallo su cui puntare dopo che per anni hanno fatto finta di non vedere il marcio etico e morale della destra berlusconiana italiana. Hanno portato i bravi benpensanti a manifestare contro i PACS (ve lo ricordate il Family Day?), ma mai che abbiano detto mezza parola - per anni - sulla squallida prassi ‘giovanilistica’ del Cavaliere, la cui unica idea di donna sembra essere la giovane "escort" dalla forme siliconate. Bambole di plastica, in sintesi.

Su questo le gerarchie d'oltretevere non hanno avuto granché da dire - per anni - ma il pensiero anticlericale dei Radicali e le loro storiche battaglie su divorzio e aborto non sono proprio sopportabili. Qui scatta il diktat: o loro o noi (e con noi anche l’UDC e tutti quei “moderati” nuovi e vecchi, veri e falsi, del panorama politico contemporaneo). E Rosy Bindi si adegua. In fondo, per certi ambienti del PD era preferibile la Polverini...

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares