• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Il Governo M5s-Lega e i migranti: ma siamo sicuri?

Il Governo M5s-Lega e i migranti: ma siamo sicuri?

Tutti i sondaggi su questo che Governo, in particolare per Salvini e Lega, sono positivissimi. Non ci sono stati provvedimenti del Governo tali da giustificare un consenso così elevato quindi è abbastanza certo che questo gradimento sia dovuto alla gestione della questione migranti.

Ora l’Italia paga l’Hotel Libia, probabilmente piuttosto caro, e comincia/tenta a recuperare risorse dal costo migranti. Per favorire gli italiani.

Tralasciamo pure le questioni umanitarie, tralasciamo anche che in mare non ci sono più “occhi” neutrali per vedere, in fondo che sarà mai, basta che non scappino dai loro Paesi e se scappano li ospitiamo noi e l’Ue all’Hotel Libia. Ora risparmiamo e “prima gli italiani”.

Io però, a vedere cosa fa 'sto governo, ho parecchi dubbi: sembra quasi che la diminuzione degli sbarchi sia sufficiente. Paradossalmente la gestione di questi presunti invasori, già presenti in Italia, non crea problemi di “gradimento”, anzi.

Sappiamo che i fondi per CAS, Centri Accoglienza Straordinaria, e SPRAR, Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati, verranno tagliati, le iniziative sembrano moltiplicarsi e a livello propagandistico funzionano, ma sono coerenti?

  • la maggior parte dei migranti è ospitato in appartamenti privati e/o strutture private, italiani che incassano un affitto: sarà ancora conveniente dare le strutture alle Cooperative Sociali?

Leggo il 03/08/18 Money.it: Giulia Bongiorno, Min.PA firma il provvedimento, 8000 Assunzioni Forze di Polizia e VVFF “ (A firma Giulia Bongiorno non l’ho trovato ma potrebbe essere un DCPM del precedente Governo, Aprile 2018 o ottobre 2017) Il Provvedimento passa al Ministero Economia e Finanza poi alla Corte dei Conti.
Notizie Ufficiali di dove sia finito il provvedimento - Zero -

  • comunque ora sappiamo che le ns. Forze sono sottodimensionate di almeno 8000 uomini.

Leggo il 01/09/18 ilgiornale.it: Il ministro (Salvini): "Chiuderemo il Cara di Mineo e il centro a
Bagnoli". In Veneto svuotato quello di Cona. Obiettivo ridurre i costi.

  • Dove metteremo alcune migliaia di persone? Posso immaginare che verranno suddivisi in CAS o SPRAR oppure semplicemente buttati fuori, ma così che senso ha?

Leggo 02/09/18 Repubblica: l'ISPI, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, su dati dello stesso Viminale, da quando Matteo Salvini ricopre l'incarico di ministro dell'Interno, i nuovi irregolari sono 12.450 in più e a questo aumento non corrisponde una crescita dei rimpatri effettivi, che sono stati invece soltanto 1.350, in calo rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

  • La famosa Circolare del Ministro restringe di molto i criteri di accoglimento delle domande dunque non ne arrivano ma nemmeno se ne respingono. Accordi in vista, nessuno, dinieghi, tutti. Quelli che non ricevono un permesso di soggiorno che fine fanno?

    Riceveranno un foglio di via che non serve ad un tubo perché sono bloccati in Italia. Diventano clandestini veri!

Leggo 03/09/18 InformazioneFiscale.it: Passo indietro dell’ANPAL: è stata ritirata la circolare pubblicata il 27 agosto 2018 che apriva all’iscrizione alle liste di disoccupazione per i migranti senza residenza. (Agenzia Naz.Politiche Attive del Lavoro - Ministro Di Maio) Un chiarimento: ai sensi art. 22, comma 1, del d.lgs. 142/2015, trascorsi 60 gg dalla domanda di asilo il soggetto può richiedere l’iscrizione alle liste di disoccupazione al CPI (Centro per l’impiego) che però ha bisogno di una residenza anagrafica.

La circolare del 27 Agosto risolveva il problema ma la procedura prevede il benestare di Ministero del Lavoro - Di Maio - ed Interni - Salvini - pertanto la circolare è stata ritirata. - Niente iscrizione - (sul sito ANPAL la circolare è stata eliminata ma naturalmente il PDF è stato salvato dal giornale)

  • di conseguenza sia chi ha un Permesso sia chi è in Attesa, se non ha un Certificato di Residenza non può lavorare. Quello CAS o SPRAR o CARA non è valido. Il risultato: i più fortunati o i migliori finiranno a lavorare in nero, altri finiranno nella microcriminalità o peggio.

Non sarebbe finita qui ma mi sembra sufficiente.

A rigor di logica, secondo le norme vigenti ed annunciate, i migranti possono:

  • diventare clandestini,
  • finire nelle periferie a 20 persone per stanza,
  • occupare abusivamente,
  • costruire baraccopoli,
  • lavorare in nero,
  • arrangiarsi con la microcriminalità,
  • finire nelle mani della criminalità organizzata,
  • preoccuparsi poco delle Forze dell’Ordine tanto sono insufficienti.

non possono: muoversi dall’Italia, sono bloccati qui.

Ma che risultato è? Io non credo che i politici facciano cose insensate, tutte hanno uno scopo, solo che non viene onestamente divulgato. 

Il target non sono i migranti, sono gli italiani. Forse a fini elettorali, forse per sviare dai problemi economici incombenti, forse a fini UE, addirittura mantenere alta la tensione. Lo sapremo più avanti. 

Credo che questo Governo stia facendo il gioco del tanto peggio, tanto meglio,

Così non finisce certo bene,

Un Saluto

Es.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità