• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Giovanni Pulvino

Giovanni Pulvino

Sono un professore di Scienze giuridiche ed economiche, ho iniziato ad insegnare nel 1993 e, dopo tanti anni di supplenze, sono passato di ruolo nel novembre del 2015. In quegli anni il portale web di Tiscali dava agli utenti la possibilità di esprimersi tramite le ‘Socialnews’. Ed è cosi che nel luglio del 2012 ho iniziato a scrivere articoli raccontando le vicende dei precari storici della scuola. Per un anno ho collaborato anche con ComUnità del portale Unità.it. Successivamente per integrare e proseguire quell’esperienza durata oltre 3 anni ho creato REDNEWS (28 giugno 2015), un ‘blog di cronaca, informazioni e opinioni dal profondo Sud’. Il mio scopo era ed è quello di dare voce a chi è escluso dalla società, in particolare i disoccupati, i precari, i pensionati al minimo. Nello stesso tempo intendo esprimere il punto di vista di chi vive nel Meridione, terra che è regolarmente esclusa oltreché dal benessere economico anche dai circuiti d’informazione nazionali. La linea editoriale del blog può essere riassunta con parole scritte nel IV secolo a.C. dal poeta e drammaturgo greco Sofocle: ‘L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo’. Dal 2017 il mio blog è associato a ancorafischiailvento.org.

Statistiche

  • Primo articolo lunedì 05 Maggio 2020
  • Moderatore da mercoledì 06 Giugno 2020
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 14 4 10
1 mese 3 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Giovanni Pulvino (---.---.---.159) 14 luglio 15:04
    Giovanni Pulvino

    E’ un’analisi complessa e accurata quella che ci propone Osvaldo Duilio Rossi, ne consiglio la lettura. Resta il fatto che le diseguaglianze hanno origine nel conflitto di classe e nella ingiusta distribuzione della ricchezza prodotta. Ormai siamo al paradosso, sono gli stessi milionari a chiedere di essere tassati di più ed in modo permanente. I capitalisti rinnegano, almeno in parte, il sistema economico che li ha resi miliardari, mentre molti partiti di Sinistra continuano a propugnare politiche economiche liberiste. Un mondo al rovescio, un mondo sempre più ingiusto.

  • Di Giovanni Pulvino (---.---.---.159) 1 luglio 15:07
    Giovanni Pulvino

    ’Il Nord laborioso e produttivo’ è dovuto ai sacrifici fatti da tanti meridionali emigrati negli anni Sessanta e Settanta. Il Sud ha bisogno di legalità e di investimenti pubblici. Le capacità individuali qui non mancano e neanche la voglia di lavorare. La possibile deriva leghista è dovuta al fatto che in tanti sono orfani della Destra di Governo. Nel 1946 furono i monarchici, nel dopoguerra la Dc, negli anni Novanta Berlusconi, ora cercano un nuovo partito, sarà la Lega? un altro partito? poco importa, le clientele e le mafie si affidano sempre al potere e non importa chi ci sia a rappresentarlo. Essi pongono una sola condizione: non deve essere di Sinistra, perchè sanno che tra coloro che ne fanno parte ci sono persone serie che agiscono nell’interesse collettivo, cioè senza interessi personali, per tanti meridionali e non solo questo è incomprensibile ed è il male assoluto.

  • Di Giovanni Pulvino (---.---.---.159) 30 giugno 14:36
    Giovanni Pulvino

    E’ la propaganda politica ed è tutto lecito, anche le mezze verità. L’unico modo di contrastare le false illusioni è la serietà con cui si opera a livello istituzionale. Tutto in attesa di una crescita del livello culturale e civile degli italiani e non solo.

  • Di Giovanni Pulvino (---.---.---.241) 4 giugno 21:38
    Giovanni Pulvino

    Non voglio fare il difensore di Giuseppe Conte, ma cosa sarebbe successo se al Governo avessimo avuto la Destra? L’opposizione può essere costruttiva o fine a se stessa, quella della Meloni e di Salvini che opposizione è? Gli statisti pensano al lungo periodo, mentre i politicanti guadano alla pancia del Paese. Il disastro della Sanità in Lombardia non è stato casuale. E’ stato il frutto del processo di privatizzazione attuato dal Centrodestra, in particolare dalla Lega. Il ’capitalista’ si preoccupa di fare profitti, e non importa se questo comporta disuguaglianze e povertà. L’intervento pubblico, quindi, è indispensabile. Per fortuna in questo Governo ci sono ministri di grande spessore. Faccio un solo nome: Roberto Speranza. Un uomo pacato, serio e preparato. In un momento così difficile avere alla Salute un politico competente è stata una grande fortuna. Ma non è la prima volta e non sarà neanche l’ultima che la Sinistra pone rimedio ai disastri fatti da altri. 

TEMATICHE DELL'AUTORE

Attualità Tribuna Libera Politica Cronaca

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità