• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Giorgio Ambrosoli – Scegliere fra coscienza e contesto

Giorgio Ambrosoli – Scegliere fra coscienza e contesto

«Se lo Stato italiano volesse davvero sconfiggere la mafia, dovrebbe suicidarsi».

Leonardo Sciascia
 
Malgrado le sue proteste, non è stato affatto frainteso il pensiero del senatore a vita Giulio Andreotti su Giorgio Ambrosoli, il liquidatore della Banca Privata Italiana di Michele Sindona, che lo fece uccidere da un sicario proprio a causa della serietà con cui stava svolgendo l’incarico a lui affidato. Dovendo scegliere fra la propria coscienza e l’ossequio al contesto in cui si trovava ad operare, Ambrosoli scelse la propria coscienza e, così, andò proprio a cercarsela, come dice oggi il senatore Andreotti.
 
Ma cosa è il contesto? Prendiamo a caso una delle trecento pagine del libro Don Vito, scritto a quattro mani da Massimo Ciancimino e da Francesco La Licata, quella che parla di tal “Sicarro” (in dialetto siciliano “sigaro”), soprannome affibbiato da Vito Ciancimino a Masino Cannella, imprenditore delle Madonne che, nel contesto palermitano dell’era cianciminiana, rappresentava la volontà di Riina e dei corleonesi. «Cannella aveva un’impresa che fabbricava pali per l’elettrificazione e aveva un ampio giro d’affari grazie alle protezioni mafiose».
 
Cosa sarebbe accaduto ad un soggetto che avesse deciso anch’egli di mettere su un’impresa per la fabbricazione di pali della luce? E’ di tutta evidenza che non gli sarebbe andata proprio bene perché sarebbe andata proprio a cercarsela. L’esempio può essere esteso a tanti settori economici: dall’edificazione dei suoli alla raccolta dei rifiuti, dai pubblici appalti alla riscossione delle imposte, e così via. Nella Palermo di allora, una delle basi operative di Michele Sindona, bisognava proprio stare attenti a non cercarsela. Anche perché le Istituzioni non erano poi così ben schierate se l’Arma dei Carabinieri evitava di fargli sapere su cosa indagava, come la vicenda del generale Mori ci insegna.
 
Ed oggi? Forse è troppo presto per dirlo. In fondo quel che succedeva nell’era cianciminiana in Sicilia lo abbiamo saputo solamente oggi a distanza di oltre vent’anni e, se Massimo Ciancimino non avesse deciso di raccontarcelo, con ogni probabilità non ne avremmo mai saputo gran che. Oggi magari al sacco edilizio ed ai pubblici appalti si sono sostituiti altri settori, diciamo così, più alla moda; ad esempio la sanità, gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, il ponte sullo stretto, le aziende private che svolgono servizi pubblici in regime di monopolio o altro ancora. Magari non si usa più la lupara ma si utilizzano i metodi raffinati che hanno portato al suicidio del professore Adolfo Parmaliana di Vigliatore Terme in provincia di Messina.
 
Fortunatamente il governo ha in programma di intervenire con forza contro la criminalità organizzata; come hanno già fatto Giuseppe Garibaldi durante la spedizione dei Mille mandando a Bronte il fido Nino Bixio, come hanno già i Savoia inviando a Napoli il generale Cialdini, come ha già fatto Benito Mussolini mandando a Palermo il prefetto Mori, e via via sino al Generale Carlo Albero Dalla Chiesa nominato prefetto di Palermo. Con i risultati che centocinquanta anni di storia nazionale ci mostrano.
 
Se continua così, l’unica speranza per l’eliminazione della mafia in Sicilia è quella indicata da Sciascia: il suicidio dello Stato italiano. Ma questa non può che essere una battuta di spirito. Leonardo Sciascia aveva come un talento innato nel cogliere il grottesco della questione meridionale. Quanto a Giorgio Ambrosoli, egli era certamente consapevole dell’inutilità di una vita vissuta senza dignità.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.19) 10 settembre 2010 14:38

    Credo che il commento dell’on. Giulio Andreotti esalti ancora di più la figura dell’avv. Giorgio
    Ambrosoli.
    Anna Porcari 

  • Di Luigi Iovino (---.---.---.102) 10 settembre 2010 16:44
    Luigi Iovino

    il leader radicale Marco Pannella ha detto che i risultati delle forze dell’ordine contro le mafie di cui si vanta il governo attuale sarebbero il frutto della lotta tra la cosca vincente contro le perdenti...

    Provenendo da un esponente da anni a conoscenza delle cose di governo ha una certa credibilità

    Il la penso così da tempo..., sarebbe bello vedere quanti la pensano come noi...

    La frase di Andreotti su Ambrosoli più che infelice, sembra dettata da una fuoriuscita del diavoletto che si nasconde il lui da sempre... ormai Giulio è incontinente...

  • Di Paolo Praolini (---.---.---.29) 10 settembre 2010 22:49
    Paolo Praolini

    Non mi scandalizzo di questo intervento improvvido del Sen.Andreotti!
    Conosciamo bene la sua storia, le sue condanne riconosciute ma anche non quelle non ufficiali per la condotta di 50 anni di storia e politica all’interno del quale ha guidato questo paese silenziosamente attraverso tragedie e misteri di cui lui custodisce privatamente segreti e misfatti.
    Anche sul povero Ambrosoli potrebbe svelare tanti risvolti di quella triste storia, ma certamente se li porterà via con se quel giorno che...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares