• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Fallimento politica USA in Medio Oriente, ammazzato ambasciatore: ma (...)

Fallimento politica USA in Medio Oriente, ammazzato ambasciatore: ma Gheddafi era un alleato fedele

Libia: attacco ad ambasciata USA, ammazzato l'ambasciatore. L'ennesima denuncia del fallimento della politica americana in Nord Africa e Medio Oriente. A monte la reiterata - e dimostrata tragicamente e drammaticamente dai fatti - incapacità americana di confrontarsi con popoli e culture di costumi e tradizioni, e, soprattutto, Storia diversa da quella occidentale e la pretesa di applicare tout court a questi delle tipologie socio politiche che implicano quella che è la tradizione occidentale. Di farlo "a forza" con dogmatismo e cinismo.

Con il rifiuto assoluto di soggettività spesso anche legittime. Si è cominciato con Saddam Hussein in Iraq - alleato fedele - che si è voluto processare ed ammazzare a qualunque costo come criminale di guerra, dittatore feroce e spietato. Gli si è fatto credere, fu Coondoleezza Rice, che avrebbe potuto annettersi il Kuwait. Lui chiese: "Davvero?" Gli fu risposto "sì". Appena lo fece ci fu la scusa per fargli guerra: era un dittatore.

Certo, Saddam Hussein era anche questo. Ma era anche, al pari di Gheddafi, un alleato fedele dell'Occidente, un leader tollerante delle diversità etniche e religiose, quali i Curdi ed i cristiani. Con la sua morte tutto questo è venuto a mancare e sono cominciate le persecuzioni: centinaia e centinaia di migliaia di Curdi e altrettanti di cristiani sono state costretti a lasciare il Paese. Sono saliti quelli vicini ad Al Qaeda. Si è fatta infine - volutamente - una politica dissennata di incremento ingiustificato del costo del grano - oltre il 70% in meno di un anno - che ha portato alla rivolta i Paesi dell'area nord africana e medio orientale.

Si è creata così l'occasione ed il pretesto per intervenire prima in maniera indiretta, poi in Libia in modo direttamente militare. Gheddafi era un alleato fedele e prezioso per l'Occidente, non discriminava le donne, ma è perché era un "comunista", e, soprattutto, senza ledere l'Occidente, s'era messo anche con la Cina e "si stava allargando troppo": era diventato - grazie ai cinesi - Presidente della Conferenza Africana etc. . Qui l'esito è stato, come l'ammazzamento dell'ambasciatore dimostra, il potere - non a quelli vicini ad Al Qaeda - ma, direttamente ad Al Qaeda.

 

 

E' opportuno ricordare anche un paio di dettagli che solitamente la stampa, specie quella occidentale, finge di ignorare (e finge bene): il principale alleato USA nell'area nord africana e medio orientale è la dinastia Wahhabi, una dinastia fondamentalista, stiamo parlando dell'Arabia SauditaBin Laden era amico di famiglia dei Bush (si veda la foto) ed era l'ex capo della CIA per il Medio Oriente. Sono fatti che portano ad una intellezione un attimino diversa dei fatti quali quella che la stampa occidentale tradizionale e specie quella filo USA ci illustrano.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares