• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Facebook e i comportamenti degli utenti | Faccia da social

Facebook e i comportamenti degli utenti | Faccia da social

Un viaggio all’interno di Facebook per studiare i comportamenti dei suoi membri: c’è chi insulta o aggredisce, chi grida di continuo alla cospirazione, chi sembra avere la verità in tasca, chi diffonde amore e buoni sentimenti...

Castelvecchi (2017), ISBN 9788832820133.

JPEG - 32.7 Kb
Faccia da social
La copertina del libro Faccia da social

Nazi, Nalfa Beti, Cuoridoro, Tuttologi, Complottisti, Pornogastrici, Selfie Made Man, Internettuali, Webeti… Tutti apparentemente lontani gli uni dagli altri, eppure così simili fra loro.

Il mondo digitale dei social network evolve ed esprime i cambiamenti della specie umana, che vira sempre più verso un orizzonte "disumanizzato".

Arcangeli e Selis, nel libro Faccia da social (Castelvecchi, 2017) descrivono un'umanità stravolta dalla rivoluzione linguistica innescata dai social media che promettono di avvicinare le persone, ma che le separano anche, come spiegava già Sherry Turkle (2012) nel suo Insieme ma soli.

La dialettica dei social assume spesso toni minacciosi e violenti: ben 4 delle 12 "specie" esprimono tratti aggressivi, come l'Hater, il Nazi, il Leone, il Bannautore, con cui varrebbe la pensa relazionarsi secondo le indicazioni fornite nel contributo sulla comunicazione nonviolenta.

Le altre "specie" si dimostrano chiuse in sé (come i Selfie made men e i Pornogastrici, sempre in vena di esibizione) oppure incapaci di articolare un dialogo (come la Nalfa Beta il Webete).

Molti sembrano poco sensibili ai sentimenti altrui e, invece, parecchio interessati a promuovere la propria immagine, a richiedere un'attenzione che il mondo reale rifiuta, ma che la Rete dona "a modo suo".

L'infosfera cambia e ci cambia: modifica il nostro modo di relazionarci anche nel reale. Arcangeli e Selis promettono di spiegarci come avviene questo mutamento e, anzi, ci invitano a partecipare alla spiegazione, a discuterne proprio sui social network, ma seguendo poche regole: rispettare il prossimo e dimostrare comprensione.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità