• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Fabio Barbera

Fabio Barbera

Satira, curiosità, informazione: la spinta per scrivere la trovo tutta lì! Ho iniziato da sedicenne producendo trenta uscite di una rivista di resistenza satirica chiamata "Gran Motel", poi sono passato alla redazione di Palermo di Striscia la Notizia, dove ho collaborato con Stefania Petyx ed il bassotto. Ho lavorato con Pino Maniaci per l'emittente di controinformazione Telejato e con l'agenzia di animazione Frappé. Nella redazione di Radio Sapienza, ho collaborato con il GR e condotto Onde Radio. A Radio Alcamo ho scritto e condotto alcune trasmissioni e dal 2006 al 2014 mi sono occupato di live, dirette, ufficio stampa e della rivista cartacea. 
Laureato alla Sapienza nella facoltà di Scienze della Comunicazione, con un master in Educazione Interculturale presso l'Università Roma Tre, con cui ho svolto un tirocinio al Centro d'accoglienza e promozione culturale Ernesto Balducci. Collaboro con "Prugna. Il colore della satira" anche per la "Vignetta del giorno" su Agoravox Italia e lavoro per Cigierre all'interno di Old Wild West.
Ci leggiamo anche su TwitterFacebookInstagramLinkedinWordpress

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 09 Settembre 2008
  • Moderatore da mercoledì 09 Settembre 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 385 57 490
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 21 21 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Fabio Barbera (---.---.---.222) 18 gennaio 2010 10:38
    Fabio Barbera

    Bell’articolo, mi ha fatto rivedere sotto un’altra ottica la Fallaci che io ho avuto solo modo di leggere come "militarizzata e delirante" quella del "fare la guerra per la pace" che mi ha provocato sdegno perché non solo sembrava priva di libertà intellettuale ma si mostrava come un manifesto politico e propagandistico dei partiti destroidi e interventisti che la adoravano. Così con le nuove generazioni come la mia ne è uscita livida e aggressiva! Questo articolo la rivaluta enormemente sui temi di libertà, laicismo e coerenza sperando che quanto scritto però sia vero! smiley Ciao,Fab

  • Di Fabio Barbera (---.---.---.192) 16 gennaio 2010 14:19
    Fabio Barbera

    Salve Riva, non capisco qual è la teoria del giornale di Feltri da sempre sostenitore di curiosi articoli sempre di colore e strani editoriali ai limiti del buon senso. Secondo quanto citato nel lunghissimo intervento risparmiare energia è inutile, quindi sprechiamo? Non sono d’accordo e fortunatamente non lo sarò mai. In un contesto del genere grullo come accusa ai movimenti verdi diventa un bel complimento.

    In questo caso comunque la politica c’entra poco e - come si evince nel video con un’intervista a Cirri e Solibello fatta durante un’edizione precedente - l’iniziativa ludica ma con un fine apprezzabile l’hanno messa in piedi quelli di Radio2: http://www.youtube.com/watch?v=S7pC...

    Viva sempre quindi le buone iniziative di risparmio energetico, di uso intelligente delle risorse, di consumo critico e di sostegno all’uso di energie rinnovabili. Ai lettori di AgoraVox dico: ci vediamo tutti nelle piazze italiane (io sarò a Roma) il 12 febbraio dalle 18.00 al grido di "M’illumino di Meno", per spegnere tutti assieme e allegramente le luci e accendere quelle a risparmio energetico (i risultati dell’esperimento di Caterpillar li vedremo l’indomani nei tabulati dell’Enel pubblicati ogni anno sul sito della trasmissione). Saluti, Fab

  • Di Fabio Barbera (---.---.---.153) 20 dicembre 2009 09:24
    Fabio Barbera

    Ciao Franceschi, ho letto il pezzo e capisco il vostro allarme nel vedere in questi giorni l’home page tutta uguale ma non sono d’accordo con questa chiave di lettura, se la composizione delle notizie vede a volte un’ondata monotematica penso che questo rifletta semplicemente cosa accade nella realtà: in questi giorni la notizia di quell’imprenditore-premier (anche se l’Italia non è un premierato) si è prepotentemente insinuata nei discorsi per strada, nelle case, negli uffici e AgoraVox è una cassa di risonanza di quella strada, anzi, di quella Agora.

    L’ondata di notizie monotematiche racconta cosa pensa la base e dà una identità al sito (in tempi di ambiguità politica dove un Rutelli va un po’ più a destra, un Fini va un po’ più a sinistra e il radicale Capezzone fa da portavoce al PDL, la coerenza non è poco, anzi, è da apprezzare). Una cosa che mi allarma, invece, è che da 15 anni il nome del piduista, figlio di un’anomalia che sta demolendo tutto e delgittimando le istituzioni, si ostina a generare l’agenda setting di media e pensieri. Non è malvagità né odio quello che lo vorrebbe fuori dalla politica: è semplice spirito di sopravvivenza! Buonefeste, Fab

  • Di Fabio Barbera (---.---.---.164) 14 dicembre 2009 17:40
    Fabio Barbera

    non è un’attività commerciale o a scopo di lucro: l’attività di tutela del cittadino merita tutta la promozione possibile. Quindi sì: è un articolo promozionale, anzi di più: un pezzo per sensibilizzare il lettore a usare il servizio offerto e a farsi sentire sempre!

  • Di Fabio Barbera (---.---.---.134) 28 novembre 2009 10:47
    Fabio Barbera

    brutta cosa la lega: populista e xenofoba (intrisa di un razzismo incostituzionale, animalisco, pervaso d’odio verso tutto ciò che non conosce). Vive una crisi profonda per colpa dell’incoerenza tra il prima: quando i leghisti gridavano "Berlusconi mafioso" e il dopo: costretti a fare da foglia di fico al cavaliere comprendone e giustificandone le nefandezze per evitare di perdere quella poltrona su cui sputavano poco tempo fa. Il leader padano gridava "Romaladrona", con la bandiera italiana ci si voleva pulire il verde deretano. Adesso, quello che ne resta del "leader", ci ha ripensato... peggio di un qualsiasi Capezzone. Se in più ci si aggiunge che questa gente è rappresentata mediaticamente da giornali come IlPadano si capisce quale profonda crisi attraversa lo stolto partitello!

    Fabio, senza U di Unità smiley


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità