• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Con MasterCard paghi in selfie. E in riconoscimento facciale

Con MasterCard paghi in selfie. E in riconoscimento facciale

MasterCard sta lavorando ad un nuovo sistema di controllo più sicuro per i pagamenti: l'uso del volto come chiave per sbloccare una carta di credito. Ti fai un selfie e paghi la spesa. Facendo l'occhiolino. 

Ajay Bhalla, che si occupa di sicurezza a MasterCard, ne ha parlato alla CNN: il sistema funziona tramite un'app che permette di verifcare l'indentità in due modi: o tramite impronta digitale, o tramite riconoscimeto facciale. Basta un selfie, una strizzatina d'occhio (necessaria per dire al software che di fronte ha una persona) e si dà l'ok. Più facile che ricordarsi una password, senza dubbio. 

 «La nuova generazione si fa un sacco di selfie... penso che la troveranno cool e la accoglieranno con entusiasmo», spiega. 

Il sistema è ora in fase in test e sta coinvolgendo con i principali attori sul mercato: Apple, BlackBerry, Google, Microsoft e Samsung. 

E la sicurezza, direte voi? Ajay Bhalla sostiene che le informazioni così ricevute resteranno segrete e non verranno stoccate. La foto, di fatto, non viene nemmeno fatta: l'immagine viene trasformata in un codice che la macchina applica a un database preesistente. 

Il codice creato dalla app viene inviato MasterCard, che però in questo caso lo stocca. A livello sicurezza informatica questo potrebbe essere preoccupante: Robert M. Lee, cofondatore di Dragos Security, per esempio parla immediatamente di hacking perché più informazioni stanno in un solo posto e più facile è rubarle. 

«Quello che viene stoccato è un algoritmo, non una foto»: lo conferma anche Phillip Dunkelberger, che dirige la Nok Nok Labs un'azienda che si occupa di biometrica. 

Per chiarire: il riconocimento facciale non è tanto (o non solo, o non semplicemente) un affare di immagine: il volto viene mappato, si crea un codice unico in grado di essere applicato ad altre immagini (che si trovano in database, recuperate on line, recuperate da telecamere) e usato per identiricare una persona. È proprio il codice la questione, in questo caso. Il volto è un algoritmo, una sorta di Pin, che funziona in maniera univoca. 

LEGGI ANCHE: Big Data: nasconde la gravidanza on line e viene segnalata come pericolosa
LEGGI ANCHE: Perché le aziende ti conoscono meglio della tua famiglia (tra big data e marketing)
LEGGI ANCHE : Riconoscimento facciale: perché non dovreste mettere le vostre foto su Facebook
 

Comunque per ora MasterCard è solo in fase di progettazione, i test sui clienti dovrebbero partire in autunno, con un gruppo di 500 persone. Intanto si fanno altre ipotesi alternative: il riconoscimento vocale, oppure, in partenariato con l'azienda canadese Nymi, che lavora sul riconoscimento delbattito del cuore. E non è una battuta. Romantico. 

Due cifre, per finire: MasterCard lo scorso anno ha registrato tre miliardi di transazioni. Il New York Times per il 2014 stimava l'industria biometrica (dati Frost & Sullivan) per un giro d'affari di 7,2 miliardi di dollari all'anno che dovrebbero arrivare a 20 miliardi nel 2020

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità