• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Chiusura dei porti: scelta politica o violazione dei diritti (...)

Chiusura dei porti: scelta politica o violazione dei diritti umani?

Per la procura di Catania la chiusura dei porti, il sequestro dei rifugiati della nave ”Diciotti” è scelta politica non sindacabile in sede penale. Per il tribunale dei ministri non è così. La chiusura dei porti non è stata una scelta politica, perché salvare la vita umana è un obbligo dello Stato sancito da trattati internazionali sottoscritti dall'Italia.

 

Al di là del rapporto tra politica e obblighi giuridici, le decisioni della procura e del tribunale pongono il problema del rapporto tra politica ed umanità.

E allora:

La chiusura dei porti é una scelta politica, o una violazione di diritti umani? Non è una scelta politica perché non c'è una un provvedimento, ma solo un tweet. Non è una scelta politica, perché manca l'interesse pubblico che la giustifica. Non c'è un provvedimento motivato, c'è solo un tweet, che non giustifica il sacrificio imposto a 177 persone, non indica l'interesse pubblico perseguito, e non prova l'impossibilità di realizzarlo altrimenti.

Ma la politica non è un tweet. Il tweet è uno spot elettorale e non un atto politico. L'atto politico è una scelta tra opzioni diverse e contrarie, tra ragioni di interesse pubblico giustificano le une e le altre.

La chiusura dei porti che comporta una deroga a quanto stabilito dai trattati internazionali per lo sbarco dei naufraghi, avrebbe dovuto giustificare questa deroga. Non è una scelta politica! E' una scelta che viola i diritti umani, perché viola gli obblighi internazionali a loro tutela, perché colpisce persone reduci dai lager libici.

Vi é mai capitato di essere messo all'asta e venduto come uno schiavo nel 2019? Sapete cosa significa essere torturati, assaggiare il sapore della frusta, essere stuprati? Ecco queste sono le persone sequestrate da Salvini.

Vi è mai capitato di provare la fame perché non c'è cibo, di soffrire il freddo perché non ci sono coperte, di pisciare o cagare davanti a tutti, di avere le mestruazioni e non lavarsi perché c'è un solo bagno? Sapete cosa significa essere malati senza l'assistenza e l'aiuto di un medico, di una struttura sanitaria ?

Ecco queste sono le violenze provocate dalla chiusura dei porti, dal sequestro di una nave. Sofferenze, che nessuna tardiva assistenza potrà mai cancellare.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità