• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Approvato art 2 DdL Boschi: Senato come BundesRat secondo la Costituente (...)

Approvato art 2 DdL Boschi: Senato come BundesRat secondo la Costituente del 1947

E' un parto assai travagliato e difficile quello uscito dal voto di oggi grazie alla mediazione abile dell' On. Anna Finocchiaro. Non più 315, ma soli 95 Senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali, più 5 nominati dal Presidente della Repubblica. Il progetto originario risale agli anni immediatamente successivi al secondo conflitto mondiale, quando gli americani proposero uno stesso progetto costituzionale sia per la Germania che per l'Italia.

All'Assemblea Costituente - siamo nel 1947 - il progetto fu bocciato grazie soprattutto al Presidente della stessa, on. Gaspare Ambrosini ed all'on Meuccio Ruini presidente della Commissione per la Costituzione, i quali - non senza ragioni - paventavano la messa in discussione dell'unità d'Italia.

La seconda Camera divenne così di fatto un duplicato della prima e la sua competenza territoriale ridotta alla vacua definizione data dall'art. 57 della Costituzione: "Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale". Le Regioni tuttavia ancora nemmeno c'erano e la loro istituzione dovrà attendere il 16 maggio 1970 con la legge n° 281. A partire da questa data, con due Camere eguali, c'è il problema che una seconda Camera rappresentativa delle Regioni avrebbe subito risolto: quello del coordinamento tra Stato e Regioni. Nascerà la Conferenza Stato Regioni.

Comunque sia, dopo 68 anni, il DdL Boschi finalmente porta a termine un progetto ed un modello ormai non più procrastinabili. Tra i diversi si sono enucleati alla fine sostanzialmente due pomi della discordia, ovvero la relazione effettiva alla territorialità dei nuovi Senatori, e la loro elezione. Il primo è stato risolto in maniera analoga che per il BundesRat, infatti l'articolo 2 dispone che "i Consigli regionali eleggeranno i futuri rappresentanti del Senato tra i propri membri", e che "la durata del mandato dei senatori coincide con quella degli organi delle istituzioni territoriali dai quali sono stati eletti".

Questo però significa anche che a differenza di quanto con l'art. 57 della Costituzione i nuovi Senatori non sono eletti direttamente dai cittadini, come peraltro in Germania sin dal dopoguerra con la BundesVerfassung tutt'ora vigente. Lo stallo tra le due fazioni sia in Parlamento che all'interno dello stesso PD, tra quanti volevano i Senatori eletti dai cittadini e quanti li volevano eletti dai Consigli Regionali è stato superato grazie al validissimo compromesso trovato dalla presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato, On. Anna Finocchiaro: dare peso ad entrambe le posizioni. Il dibattutissimo articolo 2 del DdL Boschi è stato così emendato ad hoc (emendamento Finocchiaro): l’elezione dei senatori, da parte dei Consigli regionali, dovrà avvenire "in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi, secondo le modalità stabilite dalla legge elettorale". A questo punto l'approvazione dell'Aula è stata piena: 170 sì, 108 no e 3 astenuti.
 

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità