• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > 31 agosto 1968: 50 anni dopo solo i sogni continuano nell’isola di (...)

31 agosto 1968: 50 anni dopo solo i sogni continuano nell’isola di Wight

La Musica teneva nelle sue mani i miei 18 anni quando il 31 agosto 1968 sognai di andare al concerto sull'Isola di Wight, figurarsi, rimase un sogno... non mi avevano mandato i miei neanche al concerto dei Beatles all'Adriano, a Roma, il 27 giugno 1965.

Oggi chi ha la mia età si ritira non solo il sabato sera all'alba, a sentire e ballare musica...
Per tornare a quel giorno: "La prima edizione del festival si tenne il 31 agosto 1968, con un concerto dei Jefferson Airplane seguito da circa 10.000 persone", cifre da capogiro all'epoca.

I Dik Dik nel 1970 in omaggio a quel giorno composero L'isola di Wight, cover della già nota canzone di Michel Delpech.

Il Festival ebbe in seguito edizioni straordinariamente seguite in tutto il mondo, sospeso e poi ripreso nel 2002, tant'è che il primo ebbe 15.000 presenti al massimo: si tenne il 31 agosto e il 1° settembre 1968.
 
Desidero ricordare oggi quella edizione del festival di Wight, la prima, perché se "la fine rende possibile l'inizio", questa data, il 1968, e sono 50 anni passati... la lotta continua, è solo un debutto, si diceva e si credeva...
 
L'unico video che ho trovato del 1968 è in gran parte dimenticato.
 
Si disse che era un affare mal organizzato. In effetti, alcune persone riferirono che non era stato organizzato affatto. I 40 ettari di orzo che crescevano nel campo in cui si sarebbe dovuto tenere, non furono nemmeno tagliati pochi giorni prima del suo inizio.
Il palcoscenico non era tanto un palco, quanto due rimorchi spinti insieme e coperti da una tela. Le band che hanno suonato nei due giorni furono Jefferson Airplane, Arthur Brown, The Move, Smile, Tyrannosaurus Rex, Plastic Penny, Fairport Convention e The Pretty Things. 
Ancora oggi i soldi non possono comprarmi l'amore... can't buy me love... ecco l'effetto musicale su una sognatrice nel 1968 e nel 2018, ahimè "non si cambia la storia chiedendo il permesso".
 
Nel grigio del cielo Wight è Wight Hippie, hippy...
Sono arrivati nell'isola nuda Senza un bagaglio e a piedi nudi Come un ciclone inaspettato
Come un fiore prima della stagione
Come una pioggia di farfalle
A cui non abbiamo mai creduto...
 

Commenti all'articolo

  • Di Doriana Goracci (---.---.---.203) 3 settembre 13:44
    Doriana Goracci

    TANTO PER FARVI CAPIRE QUALI TEMPI CORRONO....Stamattina ho fatto un album con alcune foto che appaiono qui e altre no e le ho condivise su Facebook con alcune parole... tra le foto, 9 in tutto, c’era quella di una donna di profilo, delicatissima con un fiore in mano all’isola di Wight quel 31 agosto 1968, si intuisce un seno, peraltro scarsissimo. Sono stata bloccata per 24 ore, non posso scrivere neanche grazie: lo faccio qui. Girano molte persone infelici di questi tempi se passano il tempo così, nel fare segnalazioni per dare disturbo.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità