• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Marina Serafini

Dottore in filosofia e dottore in scienze della formazione, ho conseguito diversi master e corsi di specializzazione in comunicazione, formazione, selezione del personale e project management. Affascinata dal mondo del web marketing e dello storytelling management. Da anni impegnata nella gestione di Risorse Umane, in area didattica e nel problem solving aziendale. Mi piace dire qualcosa parlando di altro, mi piace parlare dell'uomo...
 

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 08 Agosto 2016
  • Moderatore da domenica 09 Settembre 2016
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 83 144 51
1 mese 2 0 0
5 giorni 1 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 125 124 1
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Marina Serafini (---.---.---.246) 1 gennaio 15:59
    Marina Serafini

    Che qualcosa coincidenza il processo di pulizia, ci sarà pure il punto di saturazione! E quando non è piu possimile andarsene giù si dovrà pur cominciare a risalire ..

  • Di Marina Serafini (---.---.---.161) 1 gennaio 01:03
    Marina Serafini

    Carissimo, la ringrazio dell’articolo: é sempre un piacere incontrarla nei suoi scritti! La paura é un tema che suscita in me riflessioni strane. Quando ero una bambina provavo paura. La provavo continuamente. Avevo paura di non essere ascoltata, avevo paura di non essere creduta, avevo paura di non essere amata. Avevo paura di essere esclusa. Poi ho avuto paura di non essere capace, e quindi di non essere rispettata. Ho avuto paura, durante la mia adolescenza, di non riuscire a sopravvivere alla crudeltà dei miei simili. E cosí ho lottato, ho convogliato le mie energie, sempre, fino allo stremo. Puntavo la mia direzione e correvo. Fino a quando, senza nemmeno farci caso, la curiosità ha prevalso, mi ha posseduta come uno spirito divino, e ha lasciato che l’orrido timore svanisse via. Correre nel mondo mi ha consentito di accogliere e scoprire molte cose, molte situazioni, anche su di me, e finalmente il mondo si é aperto, un mondo che amo e che odio, che mi affascina e mi stupisce. Un mondo che a volte rifiuto e vorrei vederlo sparire: il mondo condotto da quelli che si dicono esseri umani. Da anni ritengo che la paura sia solo un cavallo di troia, innestato nel nostro animo per scopi di dominio e prevaricazione. E ogni volta che qualcuno dichiara di provare paura ripeto con ostinazione che non bisogna "provare paura", ma sbrigarsi a cercare soluzioni. Eccola che torna, la curiosità, madrina di quel fare creativo che é in nuce in ognuno di noi, e che spesso rimane celato. Posso dunque provare tristezza per gli effetti nefasti di qualcosa che potrebbe accadere, oppure la rabbia, o un senso di frustrazione. Ma la paura cos’è? Non avere il coraggio di vedere che cosa accadrà. A questo, a mio avviso, si riducono la paura del futuro, la paura dell’altro, la paura della morte. Disabilitazione e pigrizia, fors’anche e prevalentemente, direi, scarsa stima di sé e ignoranza del proprio potenziale. Rimane però qualcosa, a strisciare sul fondo, che turba le mie sicurezze, ed é che il disgusto - e con esso il rifiuto - tolgano linfa a questa mia volontà di cercare. Se questo accadesse, non saprei più dirmi perché sono finita quaggiù, e di questo, lo ammetto, di questo ho un po’ di timore....

  • Di Marina Serafini (---.---.---.161) 29 dicembre 2019 23:02
    Marina Serafini

    Carissimo, le mie parole mirano al rilancio per continuare un dialogo che con te - azzardo anch’io l’utilizzo del tu - é sempre fruttuoso e gradito, e sono davvero lieta che questo aspetto sia stato colto. Dunque: Absit iniuria verbis! Temo che alla tua domanda iniziale sia difficile dare una risposta univoca, temo che noi umani siamo vittime di forze diverse che ci spingono e ci contraggono, e ci distorcono in modo che puó è al contempo non può trovare giustificazione. Oggi riflettevo sulle tue parole mentre vedevo un film interessante: La morte e la fanciulla. Una donna vittima di abusi riesce a smascherare il suo aguzzino e a farlo confessare. Egli non é pentito, tutt’altro. E nel suo discorso egli espone l motivi che lo hanno portato a godere dei propri soprusi. Motivi morbosi, motivi che consentivano ad un uomo qualunque di sentirti potente, per via di una situazione particolare. La vittima decide infine di lasciarlo andare, lo libera e lo lascia lì, senza ucciderlo - a differenza delle originarie intenzioni. Eccomi dunque venire a te: il giudizio non può venire da fuori, arriva da dentro ed incombe su ognuno attraverso la propria esistenza. Tu sai ciò che sei e in questo la vita giudica l’individuo in un modo che non é contestabile, perché il giudizio sta nella consapevolezza interiore. Un saluto

  • Di Marina Serafini (---.---.---.161) 29 dicembre 2019 00:44
    Marina Serafini

    Carissimo, la convivenza in mondi diversi tra generazioni vicine é una drammatica realtà, lo diviene nel momento in cui i confini tra i mondi rendono altro il linguaggio e difficile la trasmissione. Wittgenstein parlava di giochi linguistici, del fatto che non é mai assolutamente chiuso il confine e che l’uomo, in quanto tale, aderisce sempre ad una qualche dimensione comune che consente il passaggio. Da un gioco linguistico ad un altro, da una forma di vita ad un’altra. La responsabilità della pedagogia, oggi come ieri, deve restare quella di educare l’individuo al pensiero critico, che é di fondamentale importanza da sempre e per sempre, tanto più in un mondo che trasmette informazioni a iosa e in velocità. La responsabilità dei filosofi sta nello sforzarsi di trovare il passaggio, di entrare in quei nuovi giochi linguistici per consentire la propria e l’altrui evoluzione. Il futuro diverso dal passati a nello stesso sentiero dell’umanità, una umanità sempre in divenire. Un caro saluto.

  • Di Marina Serafini (---.---.---.161) 27 dicembre 2019 23:07
    Marina Serafini

    La incontrerò in un pensiero: studiando, incuriosita, il modo di danzare di culture diverse, ho compreso infine che noi tutti danziamo in ogni azione che compiamo quando siamo concentrati e seriamente impegnati. Quando siamo unitari a noi stessi e con il nostro momento. E la danza é l’espressione del nostro vivere autentico.. Un saluto

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità