• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Cesarezac

Cerco di non essere succube di condizionamenti , né di ideologie, né di confessioni religiose, sono assolutamente laico, ma cerco anche di non farmi condizionare dall'emotività , dalle paure, dall'invidia , in sintesi cerco di essere razionale, pragmatico. Le mie opinioni sono sempre basate sull'informazione. Ascolto sempre anche, direi soprattutto, chi non è della mia opinione e se ne ricorre il caso sono pronto ad ammettere di essere incorso in errore e a cambiare idea.
Oggi l'intercalare più diffuso è: "cioé voglio dire". Tutti vogliono dire non per trasmettere idee o per informare, bensì per sfogarsi. Pochissimi sono disposti ad ascoltare. Peggio per loro ; rinunciano ad imparare. 
Non cerco il consenso. Mi risulterebbe assai facile. Populismo e demagogia sono i punti deboli delle democrazie. Scrivo cose sgradite a molti. Moderatori e lettori sono avvisati.
Costituzione della Repubblica Art.21 Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Statistiche

  • Primo articolo sabato 01 Gennaio 2011
  • Moderatore da sabato 04 Aprile 2011
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 98 157 246
1 mese 0 1 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 187 171 16
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 22 febbraio 2013 12:31

    Molto interessante e ben documentato quest’articolo di DAMIANO MAZZOTTI , però alle cause del declino della nostra economia vanno aggiunti i numerosi e significativi ostacoli che si frappongono al funzionamento delle imprese cioè di chi produce,crea lavoro e benessere.

     I principali: inettitudine della macchina giudiziaria, (dove la giustizia non funziona i capitali fuggono) eccessiva pressione fiscale (causa del fenomeno deleterio dell’evasione) burocrazia demenziale, infrastrutture stradali e informatiche inadeguate.
    CESARE ZACCARIA
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 22 febbraio 2013 12:14

    PAOLO DE GREGORIO,

    il tuo articolo è un esempio di POPULISMO. L’accezione appropriata della parola "populismo" è del tutto negativa: populismo è sinonimo di demagogia cioè strumentalizzazione del popolo bue, degenerazione della democrazia. Populista è il tuo antiberlusconismo che non tiene conto che il dottor Silvio Berlusconi è sostenuto dalla maggioranza degli italiani, tra l’altro dalla parte migliore del popolo italiano , dalla maggioranza silenziosa non intrisa di odio e invidia a cui tu manchi di rispetto. 
    CESARE ZACCARIA 
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 20 febbraio 2013 15:34

    Ing.BASSALTI, se Lei sarà eletto, in primis si deve battere per la riforma della Costtuzione.

    L’Italia è ingovernabile. Va abolito il sistema bicamerale, quindi il senato. Al presidente del consiglio devono essere concessi maggiori poteri, chiunque esso sia.L’opposizione deve intervenire per motivi sostanziali e non per fare sabotaggio.
    Un tale presidente del consiglio avrà la possibilità di rendere immediatamente operative le riforme di cui il Paese abbisogna oggi.. 
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 20 febbraio 2013 14:22

    La Chiesa Cattolica, così come accade al Paese che la ospita, è in crisi, in recessione. Le cause sono molteplici. La crisi della Chiesa non è solamente economica, è anche crisi dei valori, ancora una volta all’unisono con il nostro Paese ma non solo, è anche crisi delle vocazioni.

    Le donne, la metà del cielo, sono alla riscossa e, poiché le religioni sono un’invenzione dei maschi, pertanto create a loro uso e consumo, vedono le donne in ruolo subalterno, o, come per gli islamici, un male necessario. 
    Oggigiorno tutte le chiese del mondo, moschee comprese, stanno vacillando.
    E’ la rivoluzione delle donne! Era ora!
    Firmato: CESAREZAC un maschietto masochista.
  • Di Cesarezac (---.---.---.252) 19 febbraio 2013 14:59

    Nessuno investe in un Paese come il nostro dove una causa civile può arrivare a durare venti anni.

    Se un paese straniero ci chiede una tangente per accettare una commessa e noi rifiutiamo la commessa la prenderanno i nostri concorrenti.
    Anche nell’antica roma le tangenti si pagavano.

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera Ambiente

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità