• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

paolodegregorio

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo martedì 10 Ottobre 2008
  • Moderatore da mercoledì 10 Ottobre 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 580 27 990
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di paolodegregorio (---.---.---.102) 7 novembre 2008 17:05

    Apprendo oggi (7.11) che Obama ha "scelto", come prima nomina ufficiale, Rahm Emanuel (ebreo, ex consigliere di Clinton) come Capo dello staff della Casa Bianca. Non mi sembra un segno di cambiamento.
    saluti a tutti
    paolo

  • Di paolodegregorio (---.---.---.166) 6 novembre 2008 17:28

     

    Vorrei gettare qualche simbolico secchio di acqua sugli entusiasmi per l’elezione di Obama:

    -il nuovo presidente è un po’ abbronzato ma la sua educazione è stata opera di bianchi, madre e nonna, praticamente senza alcuna influenza del padre keniota. Anche le università frequentate sono a stragrande maggioranza bianche.

    -vorrei ricordare anche l’adagio americano che annuncia la buona novella che hanno perso i repubblicani e contemporaneamente si dice che quella cattiva è che hanno vinto i democratici

    -dal dopoguerra ad oggi, la politica estera americana non è mai cambiata, si è sempre basata sulla forza militare, sulle minacce, sui diktat, sulla rapina delle materie prime, sul primato del dollaro, sulle guerre

    -Obama arriva in un momento delicato e forse epocale, in cui per la prima volta si tocca con mano la crisi del capitalismo, si vede già un mondo multipolare, c’è l’Euro a contrastare il dollaro, le guerre non si vincono più e costano troppo (3.000 miliardi di dollari solo quella in Iraq)

    -la famosa globalizzazione che doveva risolvere ogni problema è in crisi finanziaria e strategica, è legata alla crisi energetica, produce sconquassi nell’ecosistema, e la prossima crisi ambientale sarà figlia di questo modello di sviluppo assurdo e distruttivo

    -Obama non ha conquistato un solo voto repubblicano. I poteri forti, i falchi pronti a tutto sono nei gangli decisivi del Pentagono, dei servizi segreti, delle industrie legate alle forniture militari, sono nelle televisioni, tutte private. La sola novità è che la candidatura di Obama ha portato alle urne i neri che tradizionalmente non andavano mai a votare, e questa partecipazione ha deciso la vittoria.

    D’altronde bisogna ricordare che negli Usa, recentemente, i neri più i latinos sono diventati più numerosi dei bianchi.

    -se ci sarà una svolta (cosa che non credo), che chiuda con gli interventi militari e le relative enormi spese, una svolta in campo energetico per diventare indipendenti dal petrolio con le rinnovabili, un forte ridimensionamento della globalizzazione con la ripresa produttiva dell’industria americana per i bisogni interni, è molto probabile che una pallottola vagante e la capoccia di Obama si incontrino, democraticamente s’intende.

    Naturalmente in cuor mio spero che ciò non succeda e che Obama faccia delle cose veramente nuove, ma la speranza è astratta, mentre tutta la storia recente dimostra concretamente che l’America è rimasta sempre uguale a se stessa.

    Paolo De Gregorio

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità