• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Yemen: pronti all’intervento 100 aerei da combattimento e 150mila militari (...)

Yemen: pronti all’intervento 100 aerei da combattimento e 150mila militari di Riad

 
Dopo la cacciata del Presidente Abed Rabbo Mansour Hadi da parte dei miliziani Houthi, è scattato l'intervento aereo saudita con il plauso di Egitto, Kuwait, Emirati Arabi, Marocco, Giordania, Sudan, Pakistan, Katar e Bahrain.
 
Si sono aggregati anche - per parte occidentale - Stati Uniti, Inghilterra e Turchia. Egitto, Pakistan, Giordania e Sudan si sono dichiarati disponibili a partecipare ad un'offensiva di terra. La UE, per parte sua, ha dichiarato tramite la nostra Mogherini di non credere in una soluzione militare del conflitto. Invero la rivolta in quello che è considerato da sempre il "quartiere povero" dell'Arabia Saudita trova tutti e 4 gli elementi che sono all'origine della conflittualità mediorientale: il contrasto religioso tra sciiti (l'Islam moderato non jihaddista) e sunniti (pro jihad), spesso maschera del contrasto politico e socioeconomico; la cotrapposizione tra le due potenze regionali Iran e Arabia Saudita.
 
Il mixing di questi elementi non è omogeneo come a prima vista si potrebbe pensare considerando che l'Iran è prevalentemente sciita e l'Arabia dichiaratamente sunnita. Così, l'Arabia sunnita combatte l'ISIS ed Al Qaeda al pari della Turchia, che poi però porta avanti al proprio interno, da Stato laico che era, una forte politica di islamizzazione sunnita, proprpio come i sauditi.
 
Egitto, Giordania, Marocco e Kuwait combattono il jihadismo ma sono subito pronti ad intervenire in favore del maggior referente di esso: in particolare l'Egitto ha già inviato 4 navi militari. Anche gli USA di Obama, se da un lato stanno giungendo all'accordo con Tehran contro il Califfato, dall'altro sono subito al fianco di chi ha "creato" Al Qaida prima e l'ISIS poi. Per parte sua l'Iran, il contendente alla supremazia regionale, se da un lato ha negato di aver dato alcun sostegno ai miliziani Houthi, dall'altro ha chiesto una immediata cessazione delle attività militari ai sauditi.
 
La questione vera è anche quella che ovviamente del "quartiere povero" e soprattutto della sua povertà non importa assolutamente nulla a nessuno, però la sua collocazione geografica è proprio davanti allo stretto marittimo in cui passa la maggior parte del petrolio del pianeta trasportato via mare e di questo invece importa a tutti: i sauditi hanno allertato già 100 aerei da combattimento ed oltre 150.000 uomini.
 
Insomma, un mix esplosivo ed il terrore di Sanaa evoca lo spettro mediorientale di Beirut.
 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità