• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Verona, capitale dell’oltranzismo reazionario

Verona, capitale dell’oltranzismo reazionario

Come ormai è noto a fine marzo si svolgerà a Verona il XIII World Congress of Families vale a dire l’annuale forum in cui si elabora la proposta politico-culturale di difesa e riproposizione della “famiglia naturale”, organizzato dall’Organizzazione Internazionale per la Famiglia, presieduta dall’americano Brian S. Brown, padre di nove bambini, evidente fiore all’occhiello della “famiglia naturale” (secondo chi non si cura minimamente del problema, enorme, della sovrappopolazione planetaria), il cui merito sarebbe - scrive il Washington Post - quello di “opporsi alle unioni gay con il buon senso e un sorriso”. Insomma uno che gentilmente agisce per togliere diritti a chi faticosamente ne ha conquistato qualcuno.

Alla kermesse veronese parteciperanno – oltre a Brown – Massimo Gandolfini, portavoce e presidente degli ultimi due Family Day e Antonio Brandi fondatore dell’associazione antiabortista Pro Vita. A nome del governo ci saranno Matteo Salvini, il ministro dell’Istruzione Bussetti e, ovviamente, il ministro della famiglia Lorenzo Fontana. Per la Regione Veneto il presidente Zaia. A fare gli onori di casa il sindaco Sboarina. Naturalmente presente fra i relatori il senatore Pillon.

In sintesi una passerella dei leghisti duri, puri e tradizionalisti anche se, a onor del vero, alcuni dei loro leader di famiglie ne hanno avute più d’una in modo non poi così “tradizionale”.

Inoltre è prevista la partecipazione del presidente moldavo Igor Dodon, di Katalin Novak, ministra ungherese per la famiglia del governo Orbàn, la principessa di Thurn und Taxis, il Duca d’Angiò, un calciatore, vari esponenti religiosi (questa volta è conteggiato come psichiatra quell’Alessandro Meluzzi diventato nel frattempo primate di una misconosciuta Chiesa ortodossa), numerosi professori (fra cui la pluridenunciata Silvana De Mari) alcuni esponenti del mondo della stampa e della televisione.

A questo richiamo rispondono dall'Africa esponenti politici da Nigeria, Uganda, Malawi che per certe loro dichiarazioni inneggianti a galera o anche pena di morte per gay o donne abortiste non dovrebbero avere nemmeno il diritto di mettere piede sul suolo di un paese democratico, altro che parlarci.

Ma i più interessanti – mi scusino gli altri – sono i russi. Sia l’Arciprete Dmitri Smirnov, che l’ambasciatore del Congresso Mondiale delle Famiglie all’ONU e portavoce della Commissione sulla famiglia del Patriarcato di Mosca, Alexey Komov.

Sia l’uno che l’altro sono vicini all’entourage di Vladimir Putin con l’intento di facilitargli un progetto politico quanto più prossimo ai dettami della Chiesa Ortodossa (Smirnov) e di cui Komov esalta il fatto di aver «rivalutato la storia zarista, l’importante ruolo della Chiesa Ortodossa e anche le vicende di Nicola, ultimo Zar, e la sua famiglia che è stata giustamente canonizzata» (sic). Nientemeno.

Il fulcro del loro discorso è combattere la tendenza del mondo liberale occidentale a distruggere (parole loro) la famiglia tradizionale tramite divorzio, aborto e riconoscimento del matrimonio omosessuale. Punti di vista incomprensibili per chiunque pensi che un divorzio sia meglio dell'inferno coniugale di cui spesso parlano le cronache, che l'aborto legale sia meglio di quello clandestino, che due gay sposati non possano minare in alcun modo il matrimonio di due etero sposati (a meno che uno dei due non sia un gay latente, ovvio).

Ma chi sono questi russi? Chi c’è dietro il ramo russo del Congresso Mondiale delle Famiglie guidato da Komov?

Come ha scritto l’Huffington Post: «Tra coloro che finanziano la maggior parte del lavoro del Congresso Mondiale delle Famiglie in Russia vi è Konstantin Malofeev, uno dei miliardari ortodossi che fa da ponte tra le politiche di Putin e quelle dell'estrema destra europea».

Konstantin Malofeev è un ambiguo politico e uomo d'affari che si autodefinisce un "patriota ortodosso", artefice della Fondazione Carità di San Basilio il Grande e presidente di un think tank moscovita, Katehon, dal pesante sentore di “servizi”, di cui ho già parlato a fine 2016 quando ne faceva parte, nelle sue vesti di anima pensante, quell’Alexandr Dugin che oggi trova spazio, insieme al suprematista e complottista americano Alex Jones, su un'altra piattaforma gestita da Malofeev dal nome emblematico di Tsargrad (Città dello Zar), il nome russo di Costantinopoli.

Dugin, necessario ripeterlo, è il referente “culturale” dei sovranisti europei, è definito anche l'ideologo di Putin ed è citato con simpatia e ammirazione al di là dell’oceano da Steve Bannon e dal leader dell’Alt-right neonazista Richard Spencer la cui moglie di origini russe, Nina Kouprianova, ha tradotto il libro più filosofico di Dugin: Martin Heidegger: the Philosophy of Another Beginning.

L’incontro veronese è stato liquidato dal leader del M5S Luigi Di Maio con parole di sconcertante superficialità come un incontro delle destre "sfigate”.

Purtroppo la realtà delle destre suprematiste di oggi è invece tutt’altro che “sfigata” e quello di Verona sembra piuttosto un altro tassello del per nulla fragile progetto reazionario articolato, ben pianificato e abilmente costruito nel tempo.

Inutile lamentarsi del disegno di legge Pillon se non si è capaci di andare a vedere in profondità i movimenti filosofico-politici che si muovono nel mondo. Ed è dalla vittoria di Trump in America, oltre due anni fa, che si è capito quanto la destra reazionaria abbia ormai la capacità di dare la sua impronta letale al mondo dei diritti umani e civili dell'Occidente.

Foto: VV Nincic/Flickr

Commenti all'articolo

  • Di vittorio (---.---.---.156) 16 marzo 16:27

    Perché mai si deve opportunamentee e doverosamente rispettare un congresso di LGBT (lesbiche, gay e transessuali) senza buttarla in cagnara né politica evocando simpatie o antipatie per Luxuria ...... e non si deve rispettare un congresso mondiale riferito alla condizione più diffusa al mondo : una famiglia naturalmente costituita da una donna e un uomo che procreano, per di più gradevolmente, figlie e igli natuurali ?

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.104) 16 marzo 19:05

    L’obiezione è molto mal posta. La questione non si centra sul "rispetto", ma sui diritti. Nessuna organizzazione gay, lesbo o quant’altro ha mai preteso di TOGLIERE diritti alle famiglie "naturali" (ammesso che certe forme familiari spacciate per naturali lo siano poi davvero). Al contrario molti degli organizzatori o dei relatori a questa kermesse pro-vita, pro-famiglia etc. in nome di una presunta naturalità pretende di avere il diritto di togliere o negare diritti civili a persone gay, lesbo e così via. Fino a chiederne carcere a vita o condanne a morte. Pretendere di spostare il discorso dai "diritti" al "rispetto" è un artificio dialettico decisamente fuorviante.

  • Di vittorio (---.---.---.157) 17 marzo 11:37

    Se vuole essere inteso anche da persone normali non pregiudizialmente schierate eviti bufale del tipo "pretendono togliere diritti fino a chiederne carcere a vita o condanne a morrte !" oppure document nero su biancoi, se mai può, che simili condanne esistono anche in europa e sono proposte dal citato congresso.... e non solo dagli integralisti di alcuni paesi musulmani

    • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.104) 17 marzo 14:47

      Ma perché non si informa un po’ invece di far perdere tempo a me? Fra i relatori al congresso di Verona è presente la parlamentare ugandese Lucy Akello, che fa parte di un gruppo che si occupa di combattere l’omosessualità ed eliminare il diritto all’aborto. Nota anche per aver supportato il Kill the gay bill, di cui può leggere qualcosa qui... https://www.vox.com/2018/7/11/17562412/ugandas-anti-gay-legislation-explained. Poi c’è Theresa Okafor, la rappresentante africana della Salute Familiare per il WCF che, in un Paese con il secondo numero più alto al mondo di malati di Aids, pretenderebbe di vietare i preservativi... eccetera eccetera eccetera. Nessuno in Europa arriva a tanto (e ci mancherebbe!) ma fra i relatori di Verona c’è questa gente qui. Li cerchi e si faccia una sua ricerca sulle proposte politiche e sociali, uno per uno. Google ci sta apposta.

  • Di vittorio (---.---.---.157) 17 marzo 12:03

    Il rispetto delle minoranze (tale è il mondo LGBT) e delle unioni civili fra gay è segno di civiltà ed è dovuto senza se e senza ma ! Peraltro è assurdo e settario negare alla stragrande maggioranza delle famiglie "naturali" (perché mai ha tanta paura di definirle tali ?) il diritto di dire che preferiscono la famiglia fatta da una madre un padre e dei figli naturali. Attribuire al citato congresso o a qualsiasi paese europeo che pretendono "togliere diritti ai gay sino a chiederne il carcere a vita o la morte" è una bufala calunniosa; a meno che lei non sia in grado di documentare, nero su bianco, che simili atteggiamenti da integralista islamico esistono anche in europa

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.104) 17 marzo 14:55

    Banalmente non è affatto "naturale" dal mio punto di vista fare 9, 10 o più figli in nome della libertà di procreazione non controllata (cioè, appunto, "naturale"). Cosa che attiene al mondo naturale degli animali, casomai, non a quello degli umani che hanno o dovrebbero avere un senso di responsabilità collettivo. Io non ho scritto nessuna "bufala"; è lei che è ignorante (nel senso che ignora le esternazioni pregresse di alcuni dei relatori). Si informi. Saluti.

  • Di vittorio (---.---.---.92) 18 marzo 12:26

    Lei continua a "bufalare" attribuendo alla famiglia "naturale" europea il "vizio" di fare 9 o 10 figli quando invece la media è 1,5 figli e questo rappresenta un crescente problema economico e sociale. Le esternazioni pregresse di alcuni relatori che non tengo a conoscere e a considerare al di la del merito (significativi per l’europa ?) valgono forse quanto i pregressi "fuori dall’Euro" di Salvini e "via dall’Europa" di Di Maio ? Quando riflletto su temi basilari tipo la famiglia, la sanità, ecc. non ancoro il mio pensiero alle esternazioni di pochi personaggi magari mediatici ma non rappresentativi (come p.e. non lo sono i No-Vax ascientifici)

  • Di Fabio Della Pergola (---.---.---.104) 18 marzo 13:13

    La crescita demografica globale viaggia a tassi assurdi e insostenibili. Non so perché lei insista a preoccuparsi della sola Europa. Dopotutto il congresso delle famiglie si chiama "mondiale" non se n’era accorto? E fra i relatori ci sono alcuni africani che, invece di preoccuparsi del fatto che l’Africa a questi ritmi raggiungerà fra qualche decennio 2,5 miliardi di abitanti (all’inizio del ’900 erano circa 130 milioni!), sostengono la procreazione senza controllo e l’abolizione dei preservativi. Si legga qualcosa qui, le sarà utile: chttps://www.africa-express.info/2018/05/20/la-crescita-demografica-in-africa-allarma-lonu-la-sopravvivenza-e-a-rischio/ Le loro esternazioni pregresse, compresa la proposta di legge ugandese per sanzionare con la morte gli omosessuali, hanno rilevanza proprio perché a gente così viene data visibilità e un microfono dagli organizzatori del WCF. Se a lei non fa né caldo né freddo io non so cosa farci: a meno fanno schifo gli uni e gli altri.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità