• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > Roma, dirigente di Polizia: "Celtica simbolo, Marrazzo frocio, camerati (...)

Roma, dirigente di Polizia: "Celtica simbolo, Marrazzo frocio, camerati eroi, rom zozzoni"

Cosa pensereste se un dirigente di Polizia pubblicasse abitualmente slogan inneggianti al ventennio fascista sulla propria bacheca di Facebook? Credereste che si tratta di un "fatto privato" oppure che un uomo delle forze dell'ordine, sostenitore del regime fascista, sia potenzialmente pericoloso e indegno di rappresentare e difendere i cittadini?

L'uomo ha nome e cognome. Si chiama Aldo Mulas, è un dirigente della Polizia Municipale di Roma ed ex braccio destro fidato del Vice Comandante Antonio Di Maggio, recentemente relatore di una circolare che invitava a controllare i negozi "gestiti prevalentemente da persone originarie del Nord Africa, che creano gravi disagi ai cittadini residenti negli edifici limitrofi alla loro ubicazione", per non parlare della schedatura etnica dei minori rom denunciata qualche mese fa dall'Associazione 21 Luglio.

Ebbene, sotto alcune delle esternazioni di Mulas, che non ha esitato a dare del "frocio" a Marrazzo e a definire i rom romani degli "zozzoni" che non vale la pena di integrare. Per non parlare delle frasi nostalgiche sul ventennio fascista e la croce celtica. Mulas, tra l'altro, si rese protagonista qualche anno fa di un'incursione particolarmente violenta a casa di senegalesi rei, a suo dire, di masterizzare cd pirata. 

 

Circa un anno fa fecero discutere le foto scattate da un cittadino milanese, che immortalavano una bandiera celtica all'interno di un commissariato di Polizia. Il fatto destò l'indignazione dei cittadini, ma i funzionari si affrettarono a giustificare l'accaduto come un semplice gesto goliardico: "Tengo a precisare - fece sapere il vicequestore aggiunto Maurizio Cusano - che quella è una bandiera che avevamo sequestrato, insieme con una mazza con la scritta 'Forza nuova', ed è rimasta provvisoriamente su quella parete del nostro ufficio politico. Poi è stata riposta, come da prassi, insieme con tutti i reperti. Quei simboli, come altri, sono totalmente estranei alla nostra ideologia". 

Anche oggi si fa un gran discutere intorno al film "Diaz", in merito ai metodi squadristici utilizzati dalle forze dell'ordine in occasione del drammatico blitz nella scuola di Genova, che Amnesty International non esitò a definire come la "più grave sospensione dei diritti in un Paese democratico dal secondo dopoguerra". 

Ma ancora è di queste settimane la polemica sul console giapponese Mario Vattani, che più volte aveva inneggiato alla Repubblica di Salò e nel tempo libero si dilettava a cantare nei concerti di Casa Pound Italia. Nei confronti di Vattani sono state più volte chieste, e ottenute, le dimissioni e lo stesso ministro Terzi aveva promesso "sanzioni molto pesanti". 

Nei confronti del dirigente di Polizia romano verranno presi provvedimenti?

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.5) 20 aprile 2012 19:15

    Mi fa tanta pena,persone comandate dal grande fratello,che non anno capacita di pensiero. Ma sono anche pericolose,vanno tolte dalla faccia della terra.

  • Di (---.---.---.143) 20 aprile 2012 19:30

    Un fascista è utile solo come concime. La resa dei conti sta arrivando...

  • Di (---.---.---.74) 20 aprile 2012 20:10

    lo vedo perfettamente coerente col suo essere sbirro!! 9 su 10 sono come lui!!

    • Di (---.---.---.37) 21 aprile 2012 18:25

      SPERO TU NE ABBIA PROPRIO BISOGNO DI UNO SBIRRO UN GIORNO....MAGARI DOPO CHE TI HANNO MASSACRATO TUTTI I TUOI CARI DOPO UNA RAPINA IN VILLA...... CHE LO SBIRRO TI RISPONDA CHE SEI FASCISTA PERCHE ’ LO VUOI FAR ARRESTARE....IN FONDO QUELLO AVEVA BISOGNO DI SOLDI PER MANGIARE POVERINO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      PAESE DI FALSI MORALISTI IPOCRITI!!!!!!!!!!!!!!!

  • Di (---.---.---.59) 20 aprile 2012 21:52

    ma la parte pelata è il pene?

  • Di Enrico Emilitri (---.---.---.103) 20 aprile 2012 22:30
    Enrico Emilitri

    Non vale neppure la pena rispondergli.

  • Di (---.---.---.3) 22 aprile 2012 18:30

    Mulas non lavora con il comandante di maggio da quasi 4 anni. Non è piu’ infatti neanche all’VIII Gruppo di cui Di Maggio a suo tempo era comandate. prima di scrivere informati!

  • Di (---.---.---.183) 22 aprile 2012 19:19

    Sono Paolini Enzo un Funzionario della Polizia Municipale uno stretto collaboratore del vice comandante Antonio Di Maggio, faccio presente che nell’articolo da voi pubblicato ci sono inesattese precisamente; Aldo Mulas non è il braccio destro fidato del vice comandante, infatti la stessa persona opera da circa 5 anni in un altro Gruppo municipale sotto il comando di un altro dirigente della Polizia Municipale, distante dalla nostra struttura e dal nostro lavoro. Noi operiamo in una Unità Organizzativa S.P.E che risiede a Ponte di Nona in Via Vincenzo Bonifati 93/95, se lo desiderate potete venire a trovarci e parlare seriamente dei problemi sociali di questa Roma che amiamo; sicuramente non troverete ne striscioni ne diavolerie celtiche, semmai troverete macchine parcheggiate che dobbiamo riparare da noi, tavoli raccattati in altri uffici, carta riciclata e tutto il fai da te per andare avanti

  • Di (---.---.---.183) 22 aprile 2012 21:54

    Direi che Mulas va semplicemente licenziato,per apologia di fascismo,per razzismo e per la macchia indelebile che la sua ideologia ha lasciato sul ns paese,leggi razziali,persecuzioni,assassini, complicità e alleanze col nazismo,deportazioni, omicidi,guerre scellerate che hanno provocato milioni di morti e distrutto il paese in nome e per conto di uno sporco assassino e del suo alleato tedesco.Va licenziato per onorare la memoria di tutti i martiri finiti nei campi di sterminio, alle Fosse Ardeatine, nelle strade di Roma e nelle carceri fasciste. Roma non può permettersi un’ offesa così alla sua storia, si dimetta o venga licenziato e serva da esempio per il futuro. Levi quelle foto trionfali delle baracche sgomberate Mulas è una vergogna x il paese che ci siano esseri umani costretti a vivere in quel modo.....ma già i fascisti hanno sempre bisogno minoranze da offrire in pasto al popolino che altrimenti potrebbe aprire gli occhi su quello che fanno i potenti e i loro servi!!!!

  • Di (---.---.---.61) 23 aprile 2012 08:35

    Sig. paladino dei rom credo  che ora sta oltrepassando ogni limite con le sue dichiarazioni peraltro distorte e non veritiere. La faccia finita.


  • Di (---.---.---.146) 23 aprile 2012 09:24

    si nota che l’articolo è stato corretto nella parte relativa alle presunte funzioni di braccio destro del Comandante Di Maggio inserendo opportunamente "ex", al fine di evitare eventuali querele per diffamazioni a mezzo stampa.
    Per una successiva correzione, l’ex braccio destro, come da voi riportato, ricopriva all’epoca, il ruolo di un semplice funzionario della polizia municipale come tanti che ne erano presso l’VIII Gruppo.
    vi invitiamo di nuovo a venire presso i nostri uffici per vedere quante croci uncinate e celtiche e schedature etniche vi sono depositate e se volete anche a progettare insieme percorsi per rendere più sicura la nostra e la vostra città. 
    Enzo Paolini 

  • Di (---.---.---.70) 24 aprile 2012 23:06

    Ho conosciuto il Sig.Aldo Mulas è una persona che merita una grande stima, serio e professionale sul lavoro con sani principi morali.


  • Di (---.---.---.61) 25 aprile 2012 22:57

    Vedo che ci sono ancora persone che giudicano con il proprio cervello............. 

  • Di (---.---.---.73) 27 aprile 2012 08:13

    Considerato che il simbolo della croce celtica è un capolavoro ed un onore portarla, voglio aggiungere per quelle persone ignoranti che la croce celtica è stata utilizzata anche come logo per una nota ed antica marca di orologi svizzeri la Zodiac.


  • Di (---.---.---.156) 30 aprile 2012 20:04

    E’ vergognoso come si infierisce contro una persona o addirittura un collega! Mi viene da pensare che sia una cosa personale. Non è bello sparlare e offendere chi ha sempre svolto il proprio lavoro con correttezza e lealtà, e non libero di esprimere un’idea personale in un paese dove tutti fanno quello che gli pare e sputano sentenze. Se ognuno di noi aprisse il proprio armadio sai quanti scheletri ci potrebbero essere. Torno a ripetere e ribadisco che ho avuto l’onore ed il piacere di conoscere il Sig. Aldo Mulas sempre disponibile e pronto ad aiutare soprattutto le fasce deboli. Essere di destra è una idea politica e va rispettata come si rispettino le idee politiche degli altri partiti e non significa tutte quelle cazzate che mettete in evidenza pur di infierire contro il Sig. Aldo. E come si suol dire: molti nemici molto onore.VIVA ALDO MULAS LO SCRIVO A LETTERE CUBITALI. LEGGETE LEGGETE E RIFLETTETE. NON SIAMO IN UN’AULA DEL TRIBUNALE! 

    In un paese libero e democratico ho espresso liberamente il mio pensiero! buona serata a voi tutti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares