• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Reddito di cittadinanza: una cagata pazzesca

Reddito di cittadinanza: una cagata pazzesca

Ora che i giochi sono praticamente fatti, si iniziano a delineare le criticità sul reddito di cittadinanza. L’unica persona a cantare vittoria è il neo presidente dell’INPS – Pasquale Tridico – che ne è anche l’ispiratore.

Tridico, dal suo punto di vista, ritiene essere un successo il fatto che siano state presentate 900.000 domande. Non accenna però al fatto che le domande bocciate rappresentino il 25% del totale e nemmeno che i destinatari effettivi del sussidio non saranno superiori ai 675.000 nuclei familiari.

A suo parere, peraltro, rappresenterebbe un successo anche il fatto che saranno risparmiati un bel po’ di euro, si parla da uno a due miliardi se non addirittura di più.

Insomma: l’insuccesso presentato come successo. Metodo ormai utilizzato da chi non intende ammettere di aver sbagliato e perso.

E' bene, infatti, considerare una cosa: se viene stanziata una cifra per un provvedimento a sostegno del reddito, e questa cifra è superiore alle previsioni di chi ha varato la misura in questione, il fallimento è dato proprio dal fatto che non si è stati in grado di valutare attentamente, e preventivamente, i costi reali di quella che fu presentata come “La soluzione alla povertà”.

Non basta: quando fu approvato il DEF, l’Italia ha subito uno scossone non di poco conto, perché l’aver deciso di aumentare il debito per far cassa non ha certo fatto del bene – in senso generale – all’immagine della nazione, alla stabilità dei conti, alla tenuta entro limiti accettabili dello spread.

Ovviamente non è tutto. Al di là degli aspetti economici della questione, bisogna valutare l’impatto che l’avvio del sussidio di cittadinanza sta avendo su coloro che sono rientrati tra i beneficiari.

Di Maio e Tridico non hanno mai spiegato bene il funzionamento del sussidio, limitandosi a sparare a spron battuto dichiarazioni-mantra che hanno fatto ritenere, a molti, che la cifra sarebbe stata quella promessa: 780 euro.

Nossignori: è necessario stabilire i redditi dell’intero nucleo familiare e non del singolo richiedente, e a parte questo, eventuali altri sostegni economici – come Naspi e assegni di invalidità – vengono sottratti dalla cifra massima. Di conseguenza, ciò che sta accadendo, è che molti – forniti già di card magnetica su cui saranno versati gli oboli di Stato – non riceveranno la cifra dichiarata, ma il conguaglio tra ciò che già si percepisce e la cifra massima di 780 euro. Secondo dati diffusi dall'INPS il 7,4%, percepirà tra 40-50 euro, per il 71% l’importo sarà dai 300 euro in su e il 5,4% oltre i 1.000 euro.

Su 472.970 domande accolte, per 61mila destinatari l’importo arriva a malapena a 100 euro, altri 40mila circa percepiranno tra 100 e 200 euro mensili, e altri 34mila incasseranno tra i 200 e i 300 euro. Hanno cancellato la povertà? No. Hanno turlupinato chi ci ha creduto alle promesse elettorali.

Perché queste cifre? Un esempio esplicativo: se chi ha chiesto il reddito di cittadinanza, ha nel nucleo familiare una persona disabile che percepisce l’assegno di invalidità, un altro componente è destinatario di Naspi, ecco che l’importo che sarà assegnato non arriverà mai agli agognati 780 euro, ma all’importo detratto degli altri sussidi che si ricevono. In estrema sintesi: si riceve l’integrazione fino a raggiungere la somma spettante di reddito di cittadinanza, calcolato sui redditi e sugli altri parametri e criteri stabiliti per legge. Il sussidio, infatti, viene corrisposto al nucleo familiare, non al richiedente.

Mi auguro che sia ormai chiaro a tutti: nessuno ha ancora scovato la “soluzione alla povertà” e nemmeno quella per sconfiggere la disoccupazione. Si chiama propaganda politica, e funziona da sempre alla stessa maniera: si promette qualcosa che si sa bene di non poter realizzare. I cittadini, stufi di una situazione ormai aberrante, cadono affascinanti dalla speranza che giunga una soluzione alle problematiche che li assillano.

Si realizza la promessa tanto sbandierata, si scopre che era una cagata pazzesca, volendo citare una frase di Fantozzi...

Capita da tempo immemore. La cosa importante: imparare dalle esperienze. Altrimenti questo giro vizioso non sarà mai sospeso, e a subirne le conseguenze saranno sempre i contribuenti.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Vogliamoci tutti bene (---.---.---.202) 26 aprile 12:12

    Tutte le cose che fanno gli altri sono MERDA.

    un bel concetto di democrazia e di civile convivenza.

    Candidatevi, vincete le elezioni e poi farete tutto quello che cazzo vi garba.

    Ps. Ho due figli disoccupati che ne usufruiscono. Quindi tutta questa merda non è.

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 26 aprile 14:39
      Emilia Urso Anfuso

      Primo: moderi i termini, se ci riesce

      Secondo: se avesse letto il mio articolo, avrebbe compreso anche il motivo del titolo

      I suoi figli lo percepiscono? Bene. Lo percepiscono interamente? Ancora meglio.

      Si vede che a lei e ai suoi figli non importa un fico secco di chi, invece, non avendo compreso il meccanismo, si ritrovano  in alcuni casi  a percepire 40 euro di RdC e in molti altri da 100 a 500.

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 26 aprile 14:41
      Emilia Urso Anfuso

      E si ricordi una cosa: prima di commentare come ha fatto lei una giornalista che da anni si batte per sostenere i diritti di tutti i cittadini italiani, ci pensi almeno 100 volte.

      Per me non esistono "Gli altri". Chiunque che in politica faccia qualcosa fatto male, viene da me metodicamente passato al setaccio

      Mi sono stufata dei preconcetti sui giornalisti, dovete darvi tutti una grandissima chetata. Ed evitare ingiurie, parolacce e offese. Contro chi, peraltro, non conoscete nemmeno di sguincio.

    • Di paolo (---.---.---.233) 27 aprile 06:54

      ha ragione la signora a criticare questo articolo , voi siete delle merde e scrivete cagate . il nuovo governo ha dato una boccata d’ossigeno a questa povera gente non fate altro che insultarlo in qualsiasi modo....in europa eravamo solo noi a non percepire un piccolo sostegno sia per i disoccupati che per famiglie povere questo grazie a voi per 20 anni ci avete massacrati solo di tasse vergognatevi. solo a titolo informativo siccome siete pochi informati quelli che prendono le famose 40 / 100 euro perche’ percepiscono gia’ un piccolo reddito prendono solo una piccola differenza questa e la cagata che vi ferivate? informati meglio prima di scrivere articoli ignorante e ti sto trattando....

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 27 aprile 08:06
      Emilia Urso Anfuso

      Per Paolo: I suoi sproloqui contro la sottoscritta si commentano da soli

      "Voi" chi? Si dia una grandissima calmata, e prima di scrivere offese e sproloqui contro qualcuno, LEGGA L’ARTICOLO CHE STA PRETENDENDO DI COMMENTARE visto che si è limitato a leggere solo il titolo e si nota da ciò che ha scritto

      Spiega a me il motivo per cui molti ottengono piccole cifre? Pensa te: in questo articolo lo spiego per l’ennesima volta. Lei commenta il titolo. Legge un titolo e "ha capito tutto". Legga l’articolo, così almeno potrebbe evitare di fare figuracce e di fare il maleducato come si è permesso di fare.

      In Europa lo stanno togliendo. Il caso della Finlandia è il più recente.

      In Germania, da cui l’Italia ha copiato il RdC, stanno cercando di toglierlo, visti i risultati negativi ottenuti e il precariato che si è creato nel mondo del lavoro.

      Sono stati pubblicati diversi miei approfondimenti sul tema: leggete e informatevi, prima di offendere qualcuno.

      Inoltre, la informo che il suo comportamento è passibile di denuncia, secondo quanto stabilisce l’art. 595 del codice penale: le offese, ingiurie, la diffamazione perpetrati su web e social, sono un reato. Penale.

    • Di paolo (---.---.---.130) 28 aprile 05:46

      per la confusa ah scusi "anfuso" quindi lei conosce anche l’artic. 595 codice penale ? intanto lei la smetta di offendere e infangare il lavoro di onesti politici anche perche’ corre il rischio di essere bannata dall’albo dei giornalisti e denunciata lei in primis. le mie offese le ripeto sono scaturite in base a quello che ha scritto e scrive lei....quindi la smetta di fare la prepotente e scenda da qualche scalino intanto cancelli questo titolo anzi tutto l’articolo cosi si salva la faccia. buona carriera

  • Di Alberto (---.---.---.239) 27 aprile 06:46

    Io sono disabile, solo, con una pensione di invalidità di 285 euro, nessun altro sostegno e mi hanno dato il rdc di ma mi danno 57 euro al mese, fate voi e ancora nessuno mi spiega perché visto che non ho nessuna altra entrata

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 27 aprile 07:56
      Emilia Urso Anfuso

      Salve Alberto

      lei fa parte dei tanti nella stessa situazione

      Se leggesse il mio articolo, però, capirebbe meglio il motivo per cui percepisce solo 57 euro

      Un saluto

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 27 aprile 10:17
      Emilia Urso Anfuso

      LEGGA L’ARTICOLO!

      Ho spiegato i motivi per cui certi nuclei familiari stanno ottenendo poche decine di euro

      SMETTETELA DI IMPORTUNARE CHI LAVORA ONESTAMENTE.

      Sono una giornalista notoriamente attenta a tutto e tutti

      "Una cagata pazzesca" come ho scritto nell’articolo CHE VI OSTINATE A NON LEGGERE FERMANDOVI ALLA LETTURA DEL TITOLO è una citazione a un film di Fantozzi.

      Vi limitate a leggere i titoli e siete capaci sono di sproloquiare.

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 27 aprile 10:20
      Emilia Urso Anfuso

      E sulla "vostra parte politica" calo davvero un velo pietoso

      Sono da sempre  indipendente da tutti i partiti

      Ma che lo spiego a fare a persone così, che insultano senza aver mai letto un mio solo articolo, inchiesta, libro, lavoro, campagna di sensibilizzazione a sostegno dei diritti civili dei cittadini

      Sono contenta, però, di questo attacco: sta palesando da chi è abitata questa nazione. Persone incapaci di fermarsi in tempo, di leggere davvero ciò che pretendono di commentare, di riflettere

      Grazie: state facendovi a coriandoli da soli.

  • Di Padre indovino (---.---.---.155) 27 aprile 11:28

    Quindi il suo articolo era una comunicazione di servizio tesa ad esplicare alla massa le modalità di applicazione di questo recente istituto ideato per aiutare i poco abbienti a far fronte alle esigenze basilari della sopravvivenza.

    Peccato che il testo dello stesso è esattamente in antitesi al suo titolo che implica evidentemente un giudizio morale da lei espresso in maniera categorica.

    Diciamo, quindi, che ha sbagliato solo il titolo.

    • Di Emilia Urso Anfuso (---.---.---.241) 27 aprile 11:35
      Emilia Urso Anfuso

      Prima di commentare a schiovere, magari se aveste letto gli altri miei articoli sul tema  peraltro mi occupo di RdC dal 2013 avendo lavorato molto sul modello tedesco, copiato dall’Italia  forse avreste una panoramica un pelino più ampia. 

      E la possibilità di commentare in maniera diversa.

      Non ho sbagliato affatto il titolo, che peraltro come ho scritto nell’articolo  è una citazione da un film di Fantozzi.

      In Germania, dopo che il RdC si è rivelato un flop, la stessa Sinistra che lo sostenne e varò sta tentando di toglierlo. 

      In Finlandia è stato sospeso. Il motivo? Se lo vada a cercare da solo, non mancano le fonti.

      Lei parla di "Giudizio morale". Nel mio mestiere non si scrivono "Giudizi morali" ma si analizzano i fatti. A lei non piace? Non è affar mio.

      Sapete solo attaccare in maniera sterile. Non vi fa certo onore.

  • Di angelo umana (---.---.---.192) 28 aprile 15:04
    angelo umana
    1. "Valutare attentamente e preventivamente": i dati sui c.d. poveri provengono da Istat ed altre superbe entità, saranno sbagliati? Tutto ciò che si valuta preventivamente, anche se attentamente, può andare soggetto a differenze nella realtà, la previsione non è mai esattamente uguale a ciò che avviene.
    2. i 780€ si sapeva già che era la cifra massima per persona, ma era chiarissimo anche nella legge che il reddito è dato da una somma di sussidi o entrate.
    3. I 675000 nuclei familiari corrispondono a 1,5-2 milioni di persone. Non le farà "schifo", signora Emilia Urso Anfuso, che anche 100€ in più a chi ha molto poco hanno un’utilità "marginale" molto alta, come non ce l’hanno 10000€ in più per un riccone. Se il denaro preventivato nella legge di bilancio e nel deficit è eccessivo...sarà destinato a risparmio.
    4. "Propaganda politica" è di chi, come lei, vede non realizzato l’abbattimento della povertà  lei una soluzione l’aveva?  povertà in sé molto difficile da estinguere ma almeno qualcuno stà realizzando qualcosa, un pò più del Rei.
    5. "Propaganda politica" è anche voler definire, chissà per quali altri fini, il rdc una... "corazzata Potemkin". Del resto il Movimento in questione non fu votato solo da chi aspettava il rdc.
  • Di angelo umana (---.---.---.192) 28 aprile 15:10
    angelo umana

    Pessimo italiano poi della presunta giornalista "calma e cheta" che "setaccia" tutto. Esempi: "di chi invece si ritrovaNO", no no no! "Chiunque che in politica": sembra un italiano imparato in Albania.

  • Di Jexm (---.---.---.132) 28 aprile 18:38

    ...non migliora l’occupazione, ma migliora la vita...

    https://www.tgcom24.mediaset.it/eco...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità