• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Parte dalla Calabria il tour politico di Stefano Fassina

Parte dalla Calabria il tour politico di Stefano Fassina

Le idee di Fassina, in gran parte condivisibili, la sua onestà intellettuale e la coerenza dimostrata sino al momento meritano un progetto di lungo respiro e non il solito “pasticcio di sinistra”

Inizia da Bovalino, un piccolo centro della Locride, in provincia di Reggio Calabria, il tour politico di Stefano Fassina. Un tour che dovrebbe portarlo alla costruzione di un nuovo movimento. A dire il vero, però, nel suo intervento l’ex viceministro dell’economia, così come gli altri relatori (quasi tutti appartenenti a Sinistra Ecologia e Libertà), non ha chiarito la strategia del soggetto politico in costruzione. Con chi dialogherà ai fini della costruzione di un’alleanza di governo? Con il PD? Con il Movimento 5 stelle? Com’è agevole intuire non si tratta di una differenza di poco conto.

Se l’obiettivo invece è il 4%, per garantire a qualche esponente politico il seggio in Parlamento, allora il rischio è che si proponga agli italiani la solita minestra riscaldata, inutile ai fini della risoluzione dei problemi del paese.

E’ importante che Fassina sappia resistere alle lusinghe dei volponi della politica, sempre pronti a riciclarsi e, senza alcun ritegno, giurare fedeltà su variopinti vessilli pur di raggiungere il loro obiettivo, quasi sempre incompatibile con gli interessi collettivi. Ed in piazza, a Bovalino, piccolo centro della Locride, in provincia di Reggio Calabria, qualche abile “acrobata della politica” c’era.

Quella che oggi potrebbe sembrare la via più facile (appoggiarsi quasi in toto ad un partito esistente, magari modificandone il nome), tra qualche tempo rappresenterà sicuramente un limite che finirà, probabilmente, con il pregiudicare il successo dell’iniziativa. I pacchetti di voti, rappresentati da questo o quel personaggio politico, potranno stabilizzare la “navigazione” nella fase iniziale, ma rappresenteranno una zavorra che rallenterà tragicamente il cambiamento di cui il paese ha bisogno, compromettendo irrimediabilmente la credibilità della proposta politica. Occorre, invece, smuovere le coscienze, ridare voce ai cittadini e favorire i movimenti di massa, i soli in grado di determinare le svolte.

Le idee di Fassina, in gran parte condivisibili, la sua onestà intellettuale e la coerenza dimostrata sino al momento meritano un progetto di lungo respiro e non il solito “pasticcio di sinistra”.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità