• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Palazzo Chigi e Farnesina tendono la mano a Sisi

Palazzo Chigi e Farnesina tendono la mano a Sisi

Come nei peggiori governi dell’omertà l’esecutivo Gentiloni, tramite il ministro degli Esteri Alfano, ha attuato nella vigilia ferragostana la disonorevole manovra di reinsediare l’ambasciatore al Cairo.

 Così Giampaolo Cantini, già da tempo nominato, ma rimasto finora a casa, è volato nella capitale egiziana. La situazione era bloccata dalla semi crisi diplomatica innescata un anno e mezzo fa dal caso Regeni, ma sul suo oscuro sequestro, sulle reiterate sevizie, sul vile assassinio sta prevalendo la logica dell’affare di Stato e, ancor più, degli affari mercantili intrecciati dalle due nazioni. Una logica che getta il proprio peso sulle stesse volontà dei magistrati Pignatone e Colaiocco, depositari italiani dell’inchiesta, e in precedenti occasioni (in aprile, settembre, dicembre del 2016) sempre delusi dall’insignificante contributo offerto alle indagini dai colleghi egiziani.

Ora anche i pm della procura romana sembrano accettare taluni documenti, anche video, provenienti dal Cairo. In realtà nei circa 18 mesi di tentata collaborazione i due magistrati avevano solo constatato l’inconsistenza degli indizi egiziani, prove taroccate per false piste atte a coprire le responsabilità poliziesche. In tal modo le ricerche italiane sono finite ostaggio della limacciosa palude istituita dalla politica cairota, a cominciare da quella messa in atto dal presidente Al Sisi e proseguendo attraverso la catena securitaria del terrore da lui istituita assieme ai responsabili di vari organismi, come il ministro dell’Interno Ghaffar. Quest’ultimo, da ex supervisore dell’apparato dei mukhabarat, l’Intelligence addestrata da decenni dalla Cia, più altre figure di vertice del Gotha politico-militare, hanno la responsabilità morale dei tragici sviluppi del caso Regeni. Costoro hanno pianificato, organizzato, reso praticabile quella repressione che da quattro anni affligge la parte degli egiziani che non si piega alla restaurazione. Nella viscida e fosca rete di baltagheyah, informatori di quart’ordine o quelli più introdotti negli uffici polizieschi, come l’Abdallah, capo del sindacato ambulanti (colui che dopo aver provato a vendere certe notizie allo studioso friulano, l’ha venduto agli agenti suoi amici) si potrebbero facilmente individuare gli aguzzini di Regeni.

Tutto questo, però, continua a essere ostacolato perché ogni pedina locale è funzionale a un sistema costruito, o ricostruito, pezzo dopo pezzo e Sisi non offrirà mai la testa dei suoi collaboratori. Significherebbe incolpare se stesso. In molti casi niente era stato toccato dall’aleatorio governo Morsi, esautorato col colpo di stato bianco del giugno 2013, poi tintosi di rosso sangue proprio fra il 14 e 15 agosto di quell’anno. Quello spargimento di sangue e l’orrore non sono mai cessati. Hanno colpito, una dopo l’altra, ogni sponda politica non conformata a qualcosa che è anche peggio del mubarakarismo perché gestito senza filtri di parvenza partitica dalla lobby militare. Le logiche sono le stesse: rilancio del blocco affaristico para occidentale, seppure siano presenti nel Paese varie aree d’instabilità attaccate dal jihadismo (il Sinai su tutte e la capitale), che mettono a rischio gli introiti interni ed esteri del business turistico.

Cosicché la vicenda giuridica dell’affare Regeni è indissolubilmente legata alle politiche dell’Egitto dell’ultimo quinquennio. Si trascina lo spinosissimo tema studiato da Giulio: l’irrisolta questione d’un crudele sfruttamento del lavoro salariato, correlata alla mancata redistribuzione della ricchezza che mostra, come prima e più di prima, ras e tycoon arricchirsi sulla pelle dei lavoratori, anche quando l’impresa è diretta da uomini dello Stato che vestono la divisa. I familiari di Regeni, la società civile italiana ed egiziana, i comunicatori, i sinceri democratici dei due Paesi e di altri ancora che si sono occupati della querelle, lanciando una campagna a sostegno della ‘verità e giustizia’, con la scelta della politica romana vivono un ulteriore abbandono.

Il titolare della Farnesina e diversi politici la giustificano, sostenendo che dalla capitale d’Egitto il nostro diplomatico potrà osservare, scrutare, capire meglio (sic). Coloro che fanno finta di non capire sono i nostri politici che, balbettando quest’alibi, accreditano la prassi bugiarda, depistatrice, cinica, assassina di chi attualmente guida quel Paese. Personaggi che andrebbero additati sulla scena internazionale, per poterli contrastare. Chi da noi pensava che i Renzi, i Gentiloni, gli Alfano e i coriferi che gli fanno eco volessero difendere la dignità italiana, oltre al senso di giustizia e alla memoria d’un cittadino seviziato, trova una risposta in questi fatti. Regeni viene ancor più umiliato con un percorso di realpolitik che, come mille altre volte, mira alla conservazione assoluta di omertà e segreti. E affratella perfettamente le leadership italiana ed egiziana.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità