• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Murmures des Murs

Murmures des Murs

Lo spettacolo dove la magia del circo si fonde con la poesia del teatro.

Aurélia Thierrée è la protagonista dello spettacolo Murmures des Murs (Mormorii dei Muri), dove la magia del circo è stata fusa alla poesia del teatro.

Infatti la famiglia Thierrée, che ha dato vita al famoso Cirque Invisible, ha utilizzato il circo per reinventare un nuovo linguaggio teatrale. Victoria Thierrée Chaplin, figlia del grande Charlie Chaplin e madre di Aurélia, è regista e coreografa dello spettacolo.

La protagonista dello spettacolo è una principessa venuta dalla luna che decide di scappare dai preparativi di un malinconico trasloco, ma viene inghiottita da un curioso drago di cellophane, finendo in un luogo stregato, dove si perderà tra scatoloni e polvere, case e pannelli ruotanti, muri parlanti e carte da parati che svelano memorie e segreti.

Nel suo viaggio, Aurélia attraversa città abbandonate, che prendono vita grazie a sorprendenti giochi scenografici. Proprio la macchina scenica, infatti, è uno degli aspetti più curiosi e interessanti dello show, dove gli edifici scivolano dentro e fuori dal palcoscenico, risucchiando ed espellendo i vari personaggi. In questo modo la scenografia prende le sembianze di un essere vivente, che può sembrare un mostro che si alimenta degli attori, o più semplicemente un animale gigante che si muove a ritmo con loro.

Aurélia, si arrampica sulle facciate degli edifici e nel suo percorso incontra personaggi immaginari, immergendosi in storie intrappolate nei "mormorii delle pareti". Lo spettatore, però, scoprirà che questo spettacolo non è un horror e, infatti, lentamente emergerà un mondo elegante, immaginifico, delicato e stravagante. Oltre ad Aurélia Thierrée, sul palco ci sono anche il danzatore Jaime Martinez e il performer-acrobata Magnus Jakobsson, noti artisti a livello internazionale.

Murmures des Murs è la dimostrazione che quando gli artisti di qualità danno il meglio di se, bastano solo settantacinque minuti per lasciare gli spettatori letteralmente senza parole.

Lo spettacolo, che ha debuttato in Italia lo scorso gennaio, toccherà anche le Marche, dove andrà in scena a Fermo in esclusiva regionale il 29 novembre.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito dell’Amat (Associazione Marchigiana Attività Teatrale).

O guardare il video su Youtube:

 

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità