• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Laura Miola per l’Italia: un sorriso su 2 ruote a Miss Wheelchair World (...)

Laura Miola per l’Italia: un sorriso su 2 ruote a Miss Wheelchair World 2017

 

Laura Miola non solo è bella ma ha il coraggio e la gioia, che dimostra con il suo smagliante sorriso, di rappresentare l'Italia nel primo evento che si terrà a Varsavia il 7 ottobre, Miss Wheelchair World 201724 ragazze, ognuna in rappresentanza del proprio Paese. Un concorso di bellezza riservato a concorrenti con disabilità.

Laura è dal 2011 sulla sedia a rotelle, soffre di una neuropatia periferica, C.M.T, per la quale l’impulso elettrico che parte dal cervello si ferma alle mani e piedi. Laura, 27enne di Scauri, è laureata in metodi e tecniche della comunicazione digitale, è sposata con il ragazzo con cui sta insieme da 15 anni.

Ho raccolto da alcune interviste: "Conduco una vita normale, nella più completa normalità. La bellezza non si può definire, non si può ingabbiare in uno stereotipo, è qualcosa di più grande. Una donna seduta non è meno bella, la carrozzina è un mezzo, una compagna di viaggio, non un qualcosa che ti definisce... Esistono sia barriere architettoniche che culturali. Si possono avere in merito due approcci diversi: sulle barriere culturali ognuno può realmente fare qualcosa. Sono convinta che in base a come uno si vede gli altri lo vedranno di conseguenza; si può tranquillamente dimostrare con la propria vita che non c’è nulla di sofferente, che non viviamo una vita piena di dolori, le sofferenze ce l’hanno tutti e di ogni tipo, noi non siamo diversi in questo. Detesto le persone che hanno la presunzione di sapere della mia vita, che pretendono di sapere che è difficile, e che mi definiscono una guerriera.. non è questo. C’è tanto di positivo e di bello nella mia vita, e sta a me dare poco peso a questo tipo di commenti e far capire, se posso, che la mia vita è meravigliosa.Per le barriere architettoniche purtroppo possiamo fare un po’ meno, e sono quelle che in tutta sincerità mi fanno stare più male. Non mi permettono di sentirmi al pari e di essere libera di fare quello che nella quotidianità vorrei, e sono limiti che non dipendono da me. Un’altra cosa che mi ferisce e che mi capita spesso è incontrare persone che mi guardano e dicono <<che peccato, sei così bella>>, perché se fossi stata brutta sarebbe stato meglio stare sulla sedia a rotelle? Non siamo meno donne perché siamo sedute, e queste persone non riescono a vederlo in noi, non riescono a vedere il nostro completo potenziale. In questi casi ridere è sempre la risposta migliore...nella mia vita cerco di trasmettere il messaggio che il non poter camminare non ti impedisce di vivere la tua vita nel pieno delle tue potenzialità e che quindi puoi esprimere tutta la tua bellezza, il tuo essere e mostrarlo agli altri. In piedi o seduta.Sono orgogliosa di rappresentare l'Italia in una competizione di livello mondiale. Essere l'unica italiana al MWW per me è un grande onore che non avrei mai pensato di avere. Questo concorso di bellezza è l'occasione per dimostrare che ogni donna é meravigliosa sia sui suoi piedi che sulle sue ruote. È un’ occasione per cambiare l'immagine delle persone con disabilità e cambiare l'immagine che spesso i disabili hanno di se stessi. Credo anche sia l'occasione giusta per dimostrare che bellezza e cultura possono viaggiare sulla stessa strada.L'ignoranza più grande purtroppo è quella delle strutture sia pubbliche che private, dei trasporti e di tutto ciò che impedisce di vivere una vita sociale completamente integrata. Quando saremo tutti sulla stessa linea di partenza, non un passo indietro e non un passo avanti, quando avremo tutti le stesse possibilità, allora la disabilità non rappresenterà più un ostacolo.Mi piacerebbe far capire a tutti, disabili e non, che il cambiamento parte da se stessi. Ognuno ha la capacità di esprimere il suo potenziale e sono convinta che l'immagine che tu hai di te stessa è la stessa immagine che trasmetterai agli altri."

 

Come canta Paola Turci Fatti bella per te! e il consiglio è per tutte noi donne: “Una donna è meravigliosa in piedi o seduta, non cambia nulla”. Parola di Laura Miola

Non aggiungo altro che un forte abbraccio e un mare di auguri, Laura ha già vinto.

Doriana Goracci

n.b. L'evento si svolgerà il 7 ottobre 2017 alle ore 19.00. L'indirizzo dell'evento è Ursynów Arena sulla via Pileckiego 122 a Varsavia. I biglietti sono gratuiti, ma è necessario prenotare in anticipo tramite un modulo online.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità