• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > La NSA rintraccia i cellulari anche da spenti

La NSA rintraccia i cellulari anche da spenti

I film di spionaggio hanno tentato di metterci in guardia: spegnere un telefonino non basta, per non essere rintracciati. Bisogna togliere anche la batteria, e nemmeno così si è davvero sicuri...
 
La conferma delle paranoie da sorveglianza di migliaia di persone viene, di nuovo, da una fuga di notizie interna alla NSA. Una nuova inchiesta rivela che nel 2004 la National Security Agency americana ha realizzato - di concerto con l'esercito la CIA e la segretissima JSOC (Joint Special Operations Command) - un programma di spionaggio capace di tracciare i telefonini di (presunti) terroristi in Medio Oriente, ovunque essi si trovino. 
 
Fin qui nulla di strano. Ma l'inchiesta della giornalista americana Dana Priest per il Washington Post rivela dettagli inediti del programma ribattezzato familiarmente "The Find" dai membri della JSOC. 
 
Uno di questi, il più incredibile, è che i cellulari tracciati fossero reperibili anche da spenti. Il report della giornalista USA non entra, ovviamente, nel dettaglio della tecnologia utilizzata, che ha consentito alla NSA di scovare migliaia di "bersagli", poi prontamente eliminati dai droni dell'aviazione americana.
 
“We Track ’Em, You Whack ’Em" ("noi li scoviamo e voi li colpite"): questo il motto della cooperazione tra la NSA ed i militari. Una collaborazione che, malgrado le tecnologie sofisticatissime, continua a provocare vittime civili. Come i 92 bambini uccisi, su un totale di 147 vittime innocenti, dai predator americani in Pakistan. 

I commenti più votati

  • Di (---.---.---.212) 23 luglio 2013 20:54

    Adesso stai a vedere che è colpa di Grillo se qualcuno pubblica notizie assurde sui telefonini...

    Per la cronaca: essendo un tecnico in un settore affine vi posso assicurare che un telefonino spento è, per definizione, irrintracciabile. Il che non esclude che si possano fabbricare, con semplici modifiche al firmware interno. telefonini che ogni certo tempo si attivano ed emettono un brevissimo segnale, sufficiente a renderli rintracciabili. A scanso di equivoci lo ripeto: i normali telefonini venduti a milioni non lo fanno, non si può escludere che quelli venduti in certe aree del mondo lo facciano.
    Quindi la notizia, per come è scritta, è certamente una bufala. Potrebbe non esserlo perché essite la possibilità tecnica, neppure complicata, di "truccarli" come detto sopra.
    E, per favore, date a Cesare quel che è di Cesare e a Grillo quel che è di Grillo.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.110) 23 luglio 2013 13:38

    per i paranoici...

    offpocket.com
  • Di (---.---.---.194) 23 luglio 2013 15:03

    La scoperta dell’acqua calda,e’ risaputo da sempre che i telefonini vengono rintracciati anche da spenti...non c’era bisogno dello pseudo scoop.

    • Di (---.---.---.221) 23 luglio 2013 16:15

      "È risaputo" dici? Forse negli ambienti complottisti pieni di paranoici. Da tecnico ti dico che, sui modelli normalmente in commercio, è certamente impossibile. Sono liberamente disponibili per l’analisi a milioni di esperti ed hacker, che puntualmente scovano anche le funzioni più ben nascoste, vedasi lo scandalo del logging di iPhone.
      È certamente impossibile "tracciare" un telefonino da spento, richiederebbe molta energia e finirebbe con lo scaricarne la batteria, e inoltre sarebbe abbastanza semplice accorgersene anche da calore generato ed interferenze (o perlomeno emissioni) radio.
      Infatti l’articolo È TRADOTTO MALE!!! L’originale dice semplicemente "to find", trovare: la fonte originale potrebbe riferirsi alla possibilità di mantenere uno storico della posizione di tutti i dispositivi (comunque con precisione tutta da verificare), e poterlo consultare per determinare l’ultima posizione nota, del telefono quindi ACCESO.

      Mi immaginavo ci fosse di mezzo una bufala o mistificazione, essendo questa notizia segnalata sul blog di Grillo...
    • Di (---.---.---.254) 23 luglio 2013 17:54

      Penso che un telefonino spento ma con batteria inserita potrebbe ad esempio ogni ora mandare un segnale per rendere rintracciabile la sua posizione. In tal caso il consumo di batteria sarebbe nullo, come pure il riscaldamento.

    • Di (---.---.---.204) 23 luglio 2013 20:09

      Bella spiegazione, grazie. Comunque da come concludi il messaggio sembra che sul blog di Beppe Grillo vengono solo riportate bufale!!! Ma per ora allora devo dire che ho le bufale sono visionarie, cioè che ha la capacità di prevedere il futuro (visto che quello che scrive e dice spesso si avvera) o comunque c’è una forte coincidenza che quello che scrive corrisponde al vero, visto che la notizia è sempre confermata anche da altre fonti. Quindi potresti di sicuro aver dato una risposta esauriente per quanto riguarda il telefono, ma per quanto riguarda le conclusioni, forse dovresti aggiustare un po’ il tiro la prossima volta.

    • Di (---.---.---.212) 23 luglio 2013 20:54

      Adesso stai a vedere che è colpa di Grillo se qualcuno pubblica notizie assurde sui telefonini...

      Per la cronaca: essendo un tecnico in un settore affine vi posso assicurare che un telefonino spento è, per definizione, irrintracciabile. Il che non esclude che si possano fabbricare, con semplici modifiche al firmware interno. telefonini che ogni certo tempo si attivano ed emettono un brevissimo segnale, sufficiente a renderli rintracciabili. A scanso di equivoci lo ripeto: i normali telefonini venduti a milioni non lo fanno, non si può escludere che quelli venduti in certe aree del mondo lo facciano.
      Quindi la notizia, per come è scritta, è certamente una bufala. Potrebbe non esserlo perché essite la possibilità tecnica, neppure complicata, di "truccarli" come detto sopra.
      E, per favore, date a Cesare quel che è di Cesare e a Grillo quel che è di Grillo.
    • Di (---.---.---.84) 24 luglio 2013 00:22

      Grillo??? ci sei o ci fai? TzeTze è un sito che riporta un sacco di notizie....A CUI...il sito di Beppe Grillo...E’ COLLEGATO...CHIAMASI LINK...a questo punto spiegaci cosa dovrebbe fare Grillo? 

    • Di (---.---.---.210) 24 luglio 2013 10:52

      gli smartphone non si spengono mai veramente, quello che dici è una fesseria.

  • Di (---.---.---.38) 23 luglio 2013 18:43

    sai che novita’ e da quando ci sono i cellulari che si sa che per non lasciare traccia occorre togliera la batteria dai cellulari e non solo spegnerli , uno scoop degli anni 90

  • Di (---.---.---.44) 23 luglio 2013 22:34

    Certo non è bello scoprire di essere capitato in mezzo a dei "lenti" di mente...almeno lo sapete che è stato fatto un film sull’argomento? E chi si ricorda la questione Grande orecchio Echelon? Ora andate a vedervi Listening e poi meditate su quanti anni sono passati e come quello che leggete sia ora del passato.

  • Di (---.---.---.194) 23 luglio 2013 23:42

    Simpatico l’aspirante tecnico! prima fa un analisi ingenua sull’impossibilita’ di tracciare un telefono spento e fin qui potresti anche risultare credibile ma quando allude a Grillo che da notizie bufale la tua credibilità si azzera, quindi tutti a togliere la batteria dal cellulare perchè la vera bufala è il tecnico.

    • Di (---.---.---.238) 24 luglio 2013 01:19

      Io lo difendo in pieno. La notizia e’ priva di senso per chiunque sappia un minimo come funziona un telefono. Come detto sopra, l’unico modo e’ modificare il software (e la modifica sarebbe comunque rivelabile) in modo che il telefonino si "accenda" pure sembrando spento.
      Il blog di Beppe Grillo, lo leggo ogni giorno e mi piace moltissimo, ma e’ vero che su quel sito bufale di questo tipo hanno facile presa, e certe difese ad oltranza lo dimostrano.
      Un minimo controllo sulle fonti, basterebbe una telefonata ad un esperto, senno’ tutto il sito perde di credibilita’..

    • Di (---.---.---.82) 24 luglio 2013 10:00

       spento con il tasto on/off e’ una cosa (chi ha detto che sia realmente spento?)
      -spento elettricamente con i contatti della batteria scollegati e’ un altra cosa. (avete mai aperto un telefonino per vedere se esiste un’altra batteria al litio di quelle piccoline a forma di moneta?)
       

  • Di (---.---.---.211) 24 luglio 2013 07:11

    Il tecnico dice: "È certamente impossibile "tracciare" un telefonino da spento,"

    E’ presuntuoso affermare cio’ ; per esempio, basterebbe un condensatore a carica permanente ed un antennina nascosti in qualche EPROM ed ecco che le affermazioni del tecnico diventerebbero caduche.
    Il sistema potrebbe funzionare senza trasmissioni periodiche, ma solo in risposta a un segnale particolare, cosicché tutti gli esami (misurazione di onde, riscaldamento) non fornirebbero alcun indizio.

    • Di (---.---.---.82) 24 luglio 2013 10:06

      infatti.. hai ragione.
      Forse il suddetto tecnico non sa che basta poco, pochissimo.. per effettuare una trasmissione dati, anche con flebili potenze (milliwatt) . Probabile che si debba fare una chiaccherata con qualche radioamatore o qualche ingegnere smiley

    • Di (---.---.---.170) 24 luglio 2013 12:22

      Sono il "presunto" tecnico.

      Ad entrambi: non si stava discutendo delle fonti di alimentazione, un qualsiasi apparecchio elettrico è acceso quando i suoi elementi circuitali attivi sono alimentati ed è invece spento quando non lo sono. Ovviamente ci possono essere (e ci sono in alcuni casi) batterie a bottone per mantenere i dati in memoria, ma ribadisco che nei telefoni in normale vendita tali batterie sono usate solo per quello scopo. 
      E ribadisco che è possibile e sensato (e quindi presumo che sicuramente sia stato fatto) taroccare il firmware dei telefonini venduti in alcune aree del mondo allo scopo di farli sembrare solo apparentemente spenti.
      Una tale modifica ormai non dovrebbe essere più utile in quanto, una volta allertati a tale possibilità, è molto semplice da scoprire e quindi da inattivare ed ha quindi perso ogni utilità controlloria.

  • Di (---.---.---.99) 24 luglio 2013 13:01

    Scoperta l’acqua calda..... 

  • Di (---.---.---.170) 24 luglio 2013 13:08

    Che si possa rintracciare da spento e che faccia male anche da spento è sempre circolato come notizia. Cosa empiricamente confermata dal fato che se si tiene il telefonino spento vicino ad uno stereo di vecchia concezione ogni tanto si sente comunque la classica interferenza. Poi per carità sapranno meglio i tecnici la verità ma usando il buon senso è chiaro che telefono spento con batteria inserita sia rintracciabile

  • Di (---.---.---.217) 24 luglio 2013 13:32

    Bufala notizia spazzatura. Telefono spento = NON rintracciabile a meno che non sia modificato apposta per non spegnersi del tutto, nel qual caso basterebbe togliere la batteria...

    Una tecnologia per fare cio’ non esiste e non puo’ esistere con i telefonini di oggi.
  • Di (---.---.---.195) 24 luglio 2013 13:59

    vi posso dire solo che e vero ed e vecchia vecchia questa storia! quello che serve e` il microfono dentro il telefono....

  • Di (---.---.---.196) 24 luglio 2013 14:00

    E’ sufficiente un accordo tra enti e produttori di telefoni. Chi lo dice che un telefonino qualsiasi non possa avere la sezione ricevente (o una parte di essa) sempre in funzione? Chi se ne accorgerebbe dell’assorbimento di una sezione ricevente che possa, a sua volta e su segnale esterno, attivare anche quella trasmittente mantenendo il display spento? Provate a tenere accesa una radiolina alimentata da due deboli stilo (col volume a zero) e vedete quanto dura.
    Inoltre un ente tipo l’NSA non avrebbe problemi ad inviare una richiesta d’attivazione su tutte le celle telefoniche mondiali.
    Insomma: difficile, ma non impossibile. Una fonte d’energia, seppur minima, è però indispensabile.

    Fonte: sono un radiotecnico e radioamatore.

  • Di (---.---.---.195) 24 luglio 2013 14:02

    noi abbiamo a disposizione solo una piccola quantita della tecnologia di oggi. con tutti gli elettrodomestici di oggi e ancora piu facile di 18 anni fa. L`aria attorno a noi e` piena di elettricita....come credete che hanno sgamato tutti quelli dello scandalo del sisde....19 anni fa?

  • Di (---.---.---.61) 24 luglio 2013 14:44

    CHE CAVOLATA DI ARTICOLO. SONO COSE CHE SI SANNO DA ANNI. E POI SE UNO NON HA NIENTE DA NASCONDERE CHE GLIE NE FREGA.

    MI SA CHE INVECE VOLETE FARLO SAPERE A CHI DELINQUE.
    ANDATE A LAVORARE CHE E’ MEGLIO PER TUTTI.
  • Di (---.---.---.226) 25 luglio 2013 03:41

    Per tagliare la testa al toro, potete fare cosi’: usate uno strumento che rileva i campi magnetici, ovvero anche le trasmissioni radio di qualsiasi frequenza. I cellulari trasmettono e ricevono con le microonde, per questo che sono pericolosi a contatto con la testa. In riposo trasmettono, non ricordo i valori, in chiamata e ricezione il picco di microonde sbalza a fondo scala, non provai quando era spento, ma da quello che ricordo pare che per qualche motivo, credo per mantenere sincronizzata l’ora esatta, correggetemi se sbaglio, mandi o riceva un segnale periodico. In ogni caso sappiate che se siete anche lontanamente sospettati di qualche reato penale, siete costantemente sorvegliato, in Italia non in Usa. Se qualche funzionario della questura o dei cara, ha preso lucciole per lanterne, e di questo ne ho la piena certezza da amici delle forze, alcune persone sono sorvegliate per anche 10 anni o piu’, con la discriminazione di pochi centimetri in tutta la penisola. Sospetto, ma non mi hanno detto di piu’, che viene fatto anche senza la documentazione legale.

  • Di (---.---.---.226) 25 luglio 2013 03:50

    Il rintraccio avviene sulla base della SIM che e’ intestata a voi, ma se cambiate la scheda, non cambia nulla, perche’ il telefono trasmette anche il numero di serie IMEI che comunque e’ associato al vostro uso del terminale con la scheda precedente. Anche da noi confermo che l’esercito di forze effettua le indagini per la maggior parte con questo metodo, di fatto e’ vero che migliaia di italiani sono perseguitati per decenni anche se completamente all’oscuro dei fatti.

  • Di (---.---.---.18) 28 luglio 2013 10:52

    Ma un bel chissenefrega?
    Anche se ’sta NSA sa che sono al cesso, in ufficio o in pizzeria che mi cambia nella vita? smiley

  • Di (---.---.---.149) 30 luglio 2013 13:10

    I Blackberry non si spengono mai, anche se li spegnete, internamente rimangono accesi e l’unico modo per spegnerli realmente è staccare la batteria. Chi li usa e ha avuto qualche problema di software che necessitava un riavvio, lo sa bene. Possono essere anche riaccesi e controllati da remoto.

  • Di (---.---.---.37) 10 settembre 2013 03:58

    Se ogni volta che vai in un luogo insolito ti trovi la pattuglia della ps o della locale che ti guarda, per 15 anni, e tu non sai perche’, allora vedi che ti fregherebbe.

  • Di (---.---.---.16) 25 febbraio 2015 17:50
    STEALTH-PHONECellulare Nokia 5000-D2 non intercettabile con criptaggio smsSegnala ogni tentativo di intercettazione e intromissione estranea!

    Per la sicurezza delle proprie conversazioni telefoniche, il cellulare Stealth Phone è quanto di meglio si possa trovare sul mercato, perché consente di aggiungere un elevato livello di protezione, salvaguardando dai rischi di intercettazione ormai sempre più comuni quando si usa un cellulare non protetto. A differenza di un cellulare criptato che interviene sui dati voce, codificandoli e rendendoli incomprensibili ad un eventuale ascoltatore esterno, il cellulare Stealth Phone protegge invece la telefonata stessa, rendendo non rintracciabile il telefono, e la vita impossibile a chi volesse ascoltarla.

    Questo risultato viene ottenuto grazie al cambio del numero IMEI (codice identificativo comunicato alla cella dell’operatore telefonico), ma soprattutto grazie a un elaborato algoritmo di analisi della rete telefonica alla quale si è collegati. Le intercettazioni telefoniche possono avvenire sulla base del numero IMEI o del numero telefonico. Dunque, nel caso in cui per l’intercettazione venga utilizzato il numero IMEI per l’aggancio, cambiare scheda SIM non vi sarà di alcun aiuto, in quanto è l’apparecchio stesso ad essere intercettato.

    In definitiva, avendo la possibilità di modificare il codice IMEI si ottiene il medesimo risultato di un effettivo e reale cambio di cellulare. E non è tutto. Lo Stealth Phone di Endoacustica vi avviserà immediatamente, mediante un messaggio a display con vibrazione, quando qualcuno cercherà di intercettarvi. 


    http://www.endoacustica.com/dettagl...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares