• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Isis in Tunisia: azzerare il turismo

Isis in Tunisia: azzerare il turismo

Eccolo l’Isis temuto, nel cuore del Mediterraneo, molto più che Bengasi e Derna. A un passo dall’Italia che è Lampedusa, ma anche la Roma eterna su cui la propaganda del Daesh fa sventolare la minacciosa ombra del suo stendardo nero. Nell’attentato di Tunisi, venti vittime più due jihadisti, il bersaglio è chiarissimo: l’attività turistica. La scelta d’introdursi nel Museo del Bardo, dopo aver cercato un gesto clamoroso solo cento metri più in là nel Parlamento, sembra non essere un ripiego ma un chiaro obiettivo che può mettere in ginocchio le economie di molte nazioni maghrebine e mediorientali. La Libia non ha più turisti, e ora neppure lavoratori stranieri, dai tempi della caduta di Gheddafi. L’Egitto dopo i ridimensionamenti subìti dai tour operator negli ultimi quattro anni vede nella via delle bombe urbane e nell’incontrollabilità del Sinai un serio problema per una ripresa economica che ha nel turismo la seconda risorsa nazionale. E non parliamo delle condizioni di Siria e Iraq dove la guerra è aperta e questo genere di viaggi legati alla cultura sono interdetti da tempo. Se gli uomini di Al Baghdadi, e tutti i fondamentalisti che in varie aree a lui s’ispirano e si legano, vogliono creare fratture oltre che paure punteranno a tener lontane le masse itineranti nei musei e luoghi archeologici.

Contro i quali già lo Stato Islamico aveva scatenato il proprio piccone demolitore, diffondendo le sciagurate immagini distruttive di statue nel museo di Mosul e gli attacchi con le ruspe contro le mura di Ninive e le vestigia di Hatra. Voglia di azzerare il passato, giustificate con la lotta all’idolatria che fu anche dei talebani, ma oltre alla fobìa della diversità, all’incurante ignoranza che soprassiede una diabolica follìa, c’è un disegno razionale e ideologico al tempo stesso. Abbiamo detto: colpire il turismo significa attaccare le casse di governi ritenuti nemici, nei luoghi propri e in quelli degli avversari. Se bombe scoppiassero e raid avvenissero in metropoli europee, com’è accaduto ai tempi di Al Qaeda e di recente nella redazione di Charlie Hebdo e dintorni, anche l’economia turistica occidentale ne sarebbe piegata. Impedire ai torpedoni di visitatori e ai vacanzieri delle agenzie di viaggio l’ingresso nelle nazioni su cui il fondamentalismo, del Califfato o altro, allunga mani e pensieri interdice quei contatti che rendono variegata e meno isolata la vita in quelle terre. Introduce il cordone sanitario del terrore fra chi potrebbe arrivare e non arriva più come un disegno ben studiato, e comunque già provato (pensiamo a Luxor nel 1997 e alla stessa Djerba nel 2002). Che in una prima fase paga.

 Naturalmente spacca la società civile di quei luoghi, ricevendo il rifiuto di componenti laiche ben presenti e organizzate in nazioni come la Tunisia oppure votate a rimettersi al piano securitario dell’uomo forte come l’attuale Egitto. Trova un netto rifiuto e una potenziale diga in costoro, diga che potrebbe essere ben più solida se coinvolgesse anche l’Islam politico tenuto ai margini o peggio demonizzato con la teoria che una parte di esso mai e poi mai potrà manifestarsi come moderato. Nel caso in cui il blocco conservatore di Essebsi in Tunisia e ancor più il golpismo mascherato di Al Sisi in Egitto ricalchino le satrapiche strade di chi li ha preceduti, può trovare spazio il richiamo ideologico antioccidentale del Califfato. Che astutamente fa leva anche su certe verità: l’evidentissimo sfruttamento da colonalismo di ritorno che si perpetua su quei territori e sui suoi abitanti. Un’infinità di giovani tunisini (ne sono stati calcolati circa 3mila) hanno ingrossato nei mesi scorsi le fila dell’Isis proprio a seguito di questa propaganda e del fatto che tanti di loro non conoscono un presente migliore di quello che portò Bouazizi all’autodafé. E’ una riflessione che tutte le leadership che vogliono combattere l’Isis sono obbligate a fare.

Enrico Campofreda, 18 marzo 2015

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.109) 18 marzo 2015 19:41
    Damiano Mazzotti

    I primi gruppi di terroristi fondamentalisti non sono nati (e non nascono) nella povertà, ma provengono quasi sempre dalla classe media più o meno benestante. I poveri di solito sono una minoranza perchè devono pensare tutto il giorno a come procurare il cibo per la famiglia, di solito molto numerosa.

    Il problema è principalmente educativo e legato alle forme estreme di educazione religiosa fondamentalista e ai nuovi problemi legati all’identità maschile di molti islamici che entrano in contatto con il nuovo mondo occidentale promosso dai media, dove le donne fanno di tutto...

  • Di Enrico Campofreda (---.---.---.236) 18 marzo 2015 20:07
    Enrico Campofreda

    In realtà c’è di tutto, anche reclutamento ideologico sospinto da povertà e disperazione. Dipende dalle zone, in Pakistan e Afghanistan è così e pure in alcune aree egiziane. Naturalmente la questione culturale è centrale, come l’interpretazione del libro su cui il wahhabismo si scatena (ecam)

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.109) 18 marzo 2015 20:10
    Damiano Mazzotti

    Detto in parole povere: siccome nei paesi islamici molti ragazzi fanno fatica a trovarsi una ragazza da spupazzare, preferiscono andare a fare i pupazzi con un fucile in mano.

    Per fortuna quasi tutti i maschi islamici preferiscono farsi delle pippe davanti al computer, come quasi tutti i maschi del mondo (compresi quelli che non si accontentano di una ragazza da spupazzare).

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.109) 18 marzo 2015 20:18
    Damiano Mazzotti

    I problemi più grossi nascono quindi dove non ci sono soldi per comprare abbastanza computer o dove manca l’energia elettrica. Ma in molti casi potrebbe bastare la terapia del divano e della TV. Di sicuro ci sarebbe un crollo delle nascite e molti maschi fondamentalisti in meno. E anche meno femmine.E fino ad oggi la mamma dei fondamentalisti è stata sempre incinta.

  • Di (---.---.---.26) 19 marzo 2015 18:03

    Caro Damiano ,se vai in Tunisia l’unica cosa che non manca sono le parabole sui tetti . Magari i televisori sono quelli che noi abbiamo rottamato da un paio di decenni , ma volendo utilizzare la terapia narcotizzante del divano potrebbero anche farlo ,relativamente parlando.
    Il punto centrale però è che ci sono masse imponenti di individui che non hanno un beato cazzo da fare dalla mattina alla sera e che vivono in contesti socio- culturali medioevali .
    Ergo sono masse di popolo che diventano facile preda di richiami fondamentalisti . La religione ha sempre pescato (anche da noi) nel mare dell’ignoranza a piene mani . Poi ci aggiungi la povertà , l’indigenza , perfino la frustrazione e capisci che strumentalizzare diventa un gioco da bambini .Gli riempi la testa di suggestioni a sfondo religioso ,di miti di rivincita contro l’occidente ricco ,gli metti un’arma in mano (quelle non mancano mai ) e poi li mandi ad ammazzare o a morire. Una volta nel nome di Bin Laden ,un’altra nel nome dello sceicco Abu Bakr al Baghdadi ,o più semplicemente nel nome del profeta Maometto , e vai ......che Dio ti assiste .
    ciao

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità