• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Coronavirus - Italia sotto embargo e popolazione bloccata. Qualcosa non (...)

Coronavirus - Italia sotto embargo e popolazione bloccata. Qualcosa non torna...

Faccio parte della schiera di esseri umani che preferisce prevenire piuttosto di curare. Lo sanno bene tutte le persone che mi conoscono. Prediligo uno stile di vita sano, senza arrivare alle esagerazioni. Mangio poco, non bevo alcolici, faccio attività fisica. Ogni giorno della mia vita attivo il buonsenso, in casa o in strada, attivo i neuroni e cerco di evitare i pericoli: si può fare.

Partendo da questo presupposto quindi, nessuno che mi conosca bene può dire che io sia persona che possa mai rendere superficiali le situazioni gravi e che mettono a rischio l’incolumità mia e della collettività.

Eppure, qualcosa in questa storia del Coronavirus mi sta facendo riflettere e dubitare. Troppa enfasi. Troppo allarmismo. Ma soprattutto il blocco delle attività umane spinto alla restrizione della socializzazione forse lo abbiamo visto in qualche film di fantascienza, o ai tempi del nazismo.

Il governo sta varando misure che chiamare restrittive è poca cosa. Dicono che sono dettate dal buonsenso e dal mondo scientifico, per evitare la diffusione pandemica, ma qui si sta andando oltre il consentito.

Innanzitutto, in prima battuta si era pensato di “consigliare vivamente” agli over 65 di restarsene a casa. Una misura che cozza col criterio recentemente diffuso, quello secondo cui anziani si diventa dopo i 75 anni. Fatemi capire: per non pagare le pensioni si diventa anziani dopo i 75 anni, per bloccare la vita alla gente con la scusa del Coronavirus anziani si diventa a 65 anni? Probabilmente per evitare polemiche, hanno aggiunto “Gli over 65 se non sono in buona salute”…

Andiamo avanti. In breve tempo, anche a causa del comportamento del Premier Conte, delle dichiarazioni schizofreniche, ora tranquillizzanti ora allarmistiche ora non si sa, l’Italia è divenuta la nazione untrice: nel resto del mondo, non capendo bene la situazione a livello nazionale, hanno pensato bene di precludere l’ingresso agli italiani, e in alcuni casi a chiunque provenga dall’Italia, sui loro territori. La globalizzazione stroncata da un fregnetto microscopico denominato Covid-19? No, tutto questo nasce dall’incapacità di gestire la situazione a livello istituzionale. Chi sta al governo deve essere in grado di non far crollare l’affidabilità del paese. Se si dimostra incompetenza, se non si è in grado di sapere cosa fare e cosa comunicare, ovvio che le altre nazioni decidono di isolarci.

D’altronde cosa potevamo attenderci di meglio, se a decidere la migliore strategia comunicativa del Premier italiano si chiama Rocco Casalino, il portavoce pentastellato del premier Conte? Non si tratta di far polemica, ma qui stiamo davvero vivendo cedendo la nostra esistenza in mano al primo che capita. Se poi i primi che capitano si trovano al governo in una situazione come quella attuale, vi è chiaro o no che siamo messi nella merda?

Gli esercizi commerciali chiudono, alcuni forse non riapriranno più i battenti. Le strutture ricettive sono chiuse a causa delle tante disdette fioccate, e comprendono anche le zone non a rischio. Io stessa ho subito una situazione paradossale: finalmente avevo prenotato una settimana di relax in una località termale del centro Italia. Dovevo partire la seconda settimana di Marzo. Pochi giorni fa mi ha contattata la responsabile del gruppo alberghiero, costernata: “Stiamo chiudendo le strutture…tutti i clienti hanno disdetto”. Ho dovuto riprogrammare la partenza in Aprile e incrocio le dita…

Certi eventi sportivi si giocano senza pubblico, molte aziende chiudono preventivamente i battenti, il turismo è morto, il futuro è sempre più incerto. Stavamo per rialzare la testa oltre l’annosa crisi economica, ora non sapremo mai più se la rialzeremo, complice il Coronavirus, l’immagine da appestati e untori, l’incapacità gestionale, un governo ridicolo, la fragilità di molti cittadini che, aggrediti dalla paura non mettono in atto i neuroni preposti al ragionamento e si comportano da invasati. Non sono solo io a pensarlo, ma psicologi, medici, politici, analisti: il comportamento di molti connazionali è paradossale.

In regione Lombardia il Governatore Attilio Fontana è stato preso in giro sui social per essersi mostrato in un video con la mascherina dopo aver appreso del contagio di una stretta collaboratrice. Gli stessi italiani non guardano ai fatti, a ciò che la Regione sta portando avanti a sostegno dell'economia locale, delle imprese, dei lavoraori. Ecco, questo comportamento tipico di certi cittadini è la sintesi che meglio di altre può far comprendere quanto sia facile condurre il popolo come un gregge. Puntano il dito contro un video innocuo, mica guardano al casino che sta armando il governo centrale e alle misure ridicole, alle risorse economiche di poca entità messe a disposizione delle imprese.

Caro Di Maio, 716 milioni di euro per sostenere le imprese a livello nazionale sono bruscolini in una situazione simile. Lo sapete bene e state contribuendo al crollo dell'economia nazionale, lo fate da tempo con misure paradossali - reddito di cittadinanza in testa - sembra quasi siate pagate per questo.

Di contro in Cina la situazione è stata affrontata in maniera composta, intelligente, senza allarmismi da post bomba atomica, senza diffondere un’immagine da catastrofe.

È andata a finire in burla, perché se è vero che il virus polmonare è inizialmente stato diffuso da un focolaio scoppiato nella città di Wuhan, la Cina ne esce pulita, e noi sporchi e brutti per sempre, con una percentuale di vittime che non saranno i morti da Coronavirus bensì il crollo dell’economia, le misure che – posso già immaginarlo – modificheranno per sempre le abitudini sociali del popolo italiano, a cui se dici: “Non stringetevi la mano, state lontani, non abbracciatevi, non assembratevi”! azionano solo una serie di neuroni: quelli deputati all’assoggettamento al potere centrale.

Finisco rammentando una cosa: vi ricordate che, fino a prima dell'avvento del Covid-19 conoscevamo l'esistenza dei portatori sani di virus? Soggetti sani, contaminati da un virus patogeno e trasmissibile ad altri. Vari tipi di malattie, come l'epatite ed altre possono essere trasmesse in questo modo.

Qualcuno rucorda quarantene, isolamenti, campagne nazionali per circoscrivere i danni? Io no...

Invito tutti alla visione del video allegato: scoprirete dati molto interessanti riferiti al ceppo influenzale che colpì gli italiani qualche anno fa. Potrete fare 2+2 e magari scoprire che fa sempre 4 (Qui il link al video: https://www.youtube.com/watch?v=tYfXMXafT0o)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di pv21 (---.---.---.55) 4 marzo 2020 23:08

    8 Bis > Dal PIL del 2019 si calcola una variazione acquisita negativa del -0,2% per quello del 2020.

    La disoccupazione sfiora ancora il 10% e quella giovanile quasi il 30%.

    Con il nostro spropositato DEBITO il tasso dei Btp all’1% equivale a oltre 5 miliardi di euro di interessi annui da pagare.

    Non ultimo. Da Gennaio, complice il coronavirus, la capitalizzazione della BORSA di Milano ha perso il 9% di punti, ossia oltre 45 miliardi di euro in valore.

    Sintesi.

    A fronte di un paese che rischia la recessione si prospettano misure correttive in DEFICIT di 3,6 miliardi, per ora.

    Con l’avvertenza che al posto del termine “austerità” venga usato quello di “emergenza”.


    In realtà ci sono molti presupposti per una riedizione (bis) della “stretta” socio-economica post 2008.

    Per certo non è così che si supera La crisi – Atto secondo che da anni …

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 5 marzo 2020 10:12
    Enzo Salvà

    La California, con poco più di 50 casi, ha decretato lo stato d’emergenza. (non so quali siano le conseguenze concrete)........!

    Salvini, e i Governatori Fontana e Zaia chiedevano a gran voce il blocco delle frontiere già un mese fa. Ovviamente Lei non vede le TV locali e non ha sentito la propaganda che ne è scaturita......

    fino a quando non è stato chiaro che così facendo, oltre a stare con il fiato elettorale sul collo di governanti francamente disorientati, stavano mandando tutto a puttane; conseguenza: rapida conversione e pacatezza.

    Adesso ogni cosa viene fatta per il bene comune, concordata e sottoscritta assieme al Min. Speranza in accordo con ISS, Protezione Civile ed addirittura con il Min. della Difesa.

    La cosa migliore da fare adesso è lasciar perdere la politica partitica, di questo si riparlerà indubbiamente. 

    Se prende ad esempio roba del 1969, 50 anni fa, mi fa venire in mente l’On.Taverna che invitava a mettere i bambini nella stessa stanza così il morbillo lo prendevano tutti e il problema era bello che risolto. O il Ministro Grillo che imponeva "l’obbligo vaccinale flessibile".

    Un Saluto

    Es.

  • Di Enzo Salvà (---.---.---.64) 5 marzo 2020 11:25
    Enzo Salvà

    A Madama la marchesa non rispondo, ha già problemi suoi, 

    Riporto qui una intervista de Linkiesta al Dott. Usuelli, Medico e Consigliere Regionale Lombardia che descrive una situazione di sovrapposizione di disposizioni che ingenerano confusione "pratica", 

    Se qualcuno pensa di dare adesso la famosa "spallata" all’attuale Governo o è un ingenuo oppure è veramente in malafede e contro il Suo Paese.

    Es.

  • Di paolo (---.---.---.49) 6 marzo 2020 00:06

    A corredo Salvà, riferisco l’odierna uscita della Giorgina Meloni che, rompendo il bon ton falso come un soldo bucato e ad uso smarcamento dal " capitano " verde ( o forse capitone verde), al quale nel contempo sta facendo bellamente le scarpe, se ne esce con un edificante giudizio sul governo Conte, definendolo " criminale". Testuale e offerto come gentile cadeau ai media nazionali. Alla faccia della coesione nazionale di fronte ad una emergenza come questa. Il lupo perde il pelo ma non il vizio e l’anima fascistella prende il sopravvento.

    Nel frattempo tale Romeo, noto esponente di spicco della Lega e assiduo frequentatore di studi televisivi (La 7 in primis), nella trasmissione su rete 4 di Del Debbio di stasera, pretendeva che fosse tributata alta riconoscenza da parte di tutti gli italiani alla epica condotta degli amministratori lombardi e veneti (tutti quelli ovviamente leghisti), in questi frangenti di sofferenza. Volendo adeguarmi allo stile salvinimeloniano, verrebbe da dire grazie di che ? Per averci appestato tutti, visto che i focolai sono tutti partiti da casa loro, ovvero dalle contrade amministrate dalla Lega ?. Ma mi guardo bene dal farlo o perfino pensarlo perché qualcuno mi giudicherebbe, e giustamente, un fancazzista come loro. 

    Ribadisco la mia convinzione, sempre più consolidatasi nel corso della crisi sanitaria in corso, che se il paese cadesse nelle mani del duo Salvini Meloni sarebbe il reset finale. Un paese che esce dal ventennio berlusconiano con tanto di post rigoletto renziano, non resisterebbe un solo minuto di più. Mi auguro che la maggioranza degli italiani abbia un pò di buon senso. Ma sono pessimista.

    Un caro saluto a Enzo ed Emilia.

  • Di paolo (---.---.---.49) 7 marzo 2020 08:40

    Visto che i commenti del legaiolo di turno sono tornati su un piano pseudo civile, è giusto scambiare con lui qualche battuta. Preciso che, pur essendo culturalmente di sinistra fin dalla culla, non ho mai votato PD o cespuglietti vari. Dopo decenni di assenza dalle urne, ho votato (e voterò), seppur con spirito molto critico e non senza riserve, il M5S. Perché? Molto semplicemente perché lo ritengo necessario per la sanificazione morale e culturale di questo paese profondamente infetto fin dentro le istituzioni.

    Vede, caro sconosciuto e annonimo legaiolo, il suo invito rivolto a Salvà, con il quale peraltro qualche volta mi trovo politicamente in disaccordo, fa lo stesso effetto di un iuventino che invita alla sportività o di un talebano che invita alla libertà di culto.

    In altre parole, con la classe dirigente che vi ritrovate, a partire dal descolarizzato nullafacente e per finire ai governatori locali, che hanno dato ampia dimostrazione di come si ridicolizza il proprio ruolo istituzionale, siete poco o per nulla credibili. E nella vicenda del Covid 19, premesso che alle popolazioni coinvolte va la massima solidarietà di tutti e a prescindere, se il governo Conte ha commesso indubbiamente degli errori, al netto di quelli dovuti alla assoluta eccezionalità dell’evento, molto ed in gran parte è stato proprio dovuto al vostro sciagurato ed irresponsabile tentativo di spallata, con la collaborazione dei soliti media compiacenti che vedono nei grillini ( il PD va benone) il pericolo mortale per i propri interessi di bottega.

    • Di paolo (---.---.---.49) 7 marzo 2020 17:38

      Ma quale fascisti? Io non l’ho mai detto e neanche lo penso. Voi (leghisti) siete tutt’altro e ben altro, a parte qualche alzata di genio del vostro capitan fracassa e della corte dei miracoli che gli gira attorno. Il mio è unicamente un giudizio politico. Semplicemente non vi ritengo idonei a governare questo paese. Preferisco di gran lunga un Zingaretti del cactus ( che Dio mi perdoni), anche se mai lo voterò.

      Vi preferivo quando truccavate il trattore da carroarmato (con un tubo dalmine per cannone) e davate l’assalto al campanile di Venezia. Oppure quando facevate i riti celtici dell’acqua santificata alla sorgente del Po. O ancora per le gustose performances dei vari Bossi, Borghezio o Gentilini; assolutamente irresistibili. Se non altro facevate ridere. Oggi, a parte il capitano che vuole mantenere la tradizione, più che far ridere destate preoccupazione.

  • Di Cesarezac (---.---.---.141) 21 marzo 2020 08:53

    Emilia, condivido tutto, condivido anche il tuo stila di vita. I politici hanno capito che per ottenere il consenso di una popolazione ignorante gli devono fornire un capro espiatorio, un nemico da odiare. Nel caso del corona virus l’oggetto dell’odio sono coloro che non accettano la condanna illegittima di starsene chiusi in casa. Il contagio non si propaga rispettando la distanza tra le persone di un metro. Ogni altra pretesa è sciocca e infondata. A casa o fuori non importa. Cordiali saluti.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox


Pubblicità




Pubblicità



Palmares

Pubblicità