• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Antonello Laiso

         Autore free lance         
      
 

Statistiche

  • Primo articolo venerdì 03 Marzo 2012
  • Moderatore da mercoledì 03 Marzo 2012
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 102 99 163
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 381 157 224
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Antonello Laiso (---.---.---.213) 28 ottobre 2018 12:20

    Ricambio cordialita’ e saluti con affetto, e tu sai che sono sincero...........Professore.

    Antonello
  • Di Antonello Laiso (---.---.---.164) 27 ottobre 2018 22:31
    caro daniele,

    Ti ringrazio per la esaustiva e fin troppo, risposta,altresi’ di aver avuto modo di essere paragonato ad un interlocutore appassionato e competente.Troppo buono.
    Sono solo un gran divoratore di notizie da Internet e della carta stampata,ovvero sono un razionale. 

    Nessun cambiamento è possibile partendo dall’interno del sistema osservato e’ una bella frase,che faro’ mia e sono d’accordo,ma l’esperienza di quello che si e’ verificato intorno a noi ,di quello che e’ accaduto,e potrebbe accadere in base agli eventi ,in base al vissuto,in base a situazioni che fanno parte del vissuto sia personali che sociali non insegnano qualcosa?
    Io considero si la filosofia uno stile di vita e quindi come modalita’ diversa di vedere se stessi, gli eventi e l’esistenza ed aprirsi ad uno nuovo percorso per superare il dolore.Ma per prevenire il dolore questa non puo’ essere utile serve raziocinio.
    Quando stiamo male usiamo farmaci per stare bene.
    Magari dopo il farmaco mi leggo un pensiero filosofico che mi aiuta a distrarmi dal dolore.
    Allora siamo in antitesi.
    Da una parte affermiamo che il sistema osservato non puo’ far testo dall’ altra (io) che il vissuto ,il tessuto di una societa’,il DNA sociale insegna a vivere spesso evitando quegli errori o mettendoci quanto meno ad un rischio low cost che non vuol dire a rischio zero.
     Quello che e’ irragionevole per me non e’ che lo sia per davvero, lo e’ per me, ma esiste una logica a tutto,la fisica,la matematica la medicina,la finanza, seguono schemi prestabiliti,seguono regole ,formule,seguono equazioni,seguono reazioni .
    A cosa servono allora gli studi universitari?
     Io che leggo tantissimo e talvolta scrivo, ho avuto il piacere di vedere qualche mio articolo pubblicato tra l’altro su quotidiani a carattere Nazionale e non, possiedo solo raziocinio, di coscienza razionale,le tue armi non ho il piacere di conoscerle,magari saranno superiori ma come capirai non alla portata. 
    Per quanto mi riguarda se e quando effettuo un operazione finanziaria studio i fondamentali di quel titolo,studio la capacita’di sviluppo,mi guardo eventuali acquisizioni ,mi guardo il bilancio,mi guardo il target price e lo confronto con eventuale cedola, mi guardo i grafici degli ultimi anni del minimo e massimo del titolo,insomma tutto quello che posso fare lo faccio ,probabilmente di piu’ di un analista finanziario che lo fa per me,io sono sempre del parere che quello che siamo convinti di fare bene con la massima conoscenza razionale riesce,al di la dei titoli universitari,se poi va male,beh posso dire ho usato tutte le armi della mia intelligenza .Io non faccio niente di fantascientifico,ne pretendevo una manovra finanziaria fantascientifica.........
     Allora diciamola tutta,il programma di governo si mantiene,si deve farlo,perche’ e’ un programma sbandierato a destra e a manca, molti stanno gia spazientendo,in attesa di qualcosa al di la da arrivare, ma con quel promesso risolveremo il problema della disoccupazione o sara’ solo un deficit aggiunto?
     Magari,la tua tecnica atta ad evidenziare i processi mentali nascosti e la mia razionalita’ cartesiana,potrebbero fondersi per creare un qualcosa che non e’ ne l’uno ne l’altro,un qualcosa che sta nel mezzo? .
    "in medio start virtus".
    Mettiamo in dubbio anche questo?

    Un caro saluto
    Antonello

  • Di Antonello Laiso (---.---.---.213) 25 ottobre 2018 21:20

    Ohibo’ tirare in ballo i grandi del pasato dai pensatori, agli alchimisti ai filosofi, per giustificare un qualcosa di illogico ,per giustificare l’emergente che azzarda ad una partita di poker con i sacrifici di generazioni degli Italiani trovati su un tavolo  sul quale sono seduti ?

    Reitero nuovamente in non faccio qui un discorso di colore politico,io non accuso e non difendo colori,ma critico quello che viene fatto da quegli uomini che in questo momento hanno ascesa a quel potere di fare tutto.
    Si parla di screditare la politica emergente, i populisti?ma chi e’ la politica emergente quelli che mandano a quel paese tutti , Eurozona compresa? quelli che dicono voi fate quello che volete bocciateci tutto, mandateci pure dodici letterine da qui a Natale non cambiamo niente.Questi sono i signori per cui dobbiamo resuscitare i grandi come Cardano, tirare in ballo i punti epistemici,la meta coscienza?vale la pena di tanto?l’importanza si da a cose fatti e uomini tali.
    Questa e’ la nuova democrazia? questa e’ la democrazia emergente ?questo e’il rispetto di quelle regole sottoscritte?ma chi vogliamo scomodare ancora Karl Marx Keynes,Sartre,schopenauer ? oppure la strega nel bosco che gira quel pentolone magico la mistura che cancellera’ tutto il nostro debito pubblico e ci fara’ scendere lo spread a 110 come era pochi mesi fa ?
     troviamolo qualcuno che sia capace ed in grado di fare questo,troviamolo,ma l’arroganza del potere l’arroganza del comando l’arroganza del dire si fa quello che dico io e quello che faccio io questo no, questo va lontano dalle piu elementari regole di correttezza di democrazia di educazione di buon senso,questo,
    Mi ricorda altri tempi...
    Ma allora vediamo di cosa e’ capace questa politica emergente, ha gia bruciato centinaia di miliardi di euro tra borsa,spread interessi da pagare sul debito pubblico.
    Poi tra un po forse tra qualche mese riprenderemo la conversazione,forse qualcuno rischiera’  definitivamente di bruciarsi su questa scena politica.
    Sara’ un nuovo scontro nell’ attuale tra Hegel e kant da sempre in contrapposizione. Mi scuso con loro se li tiro in ballo. 
     Lasciamo i grandi dove sono,non sarebbero di sicuro felici di essere nominati in particolar modo in questo momento.
  • Di Antonello Laiso (---.---.---.213) 23 ottobre 2018 21:21

    Cara Marina,


    Innanzitutto ti ringrazio per meritare un tale commento impegnativo ed approfondito al quale non posso replicare con le tue sopraffini dissertazioni filosofiche nelle quali sei dotta,unitamente alla tua sensibilita’ individuale nel vedere,elaborare ed approfondire su fatti e situazioni.
    E’possibile spostare il limite ma non e’ possibile cancellare rigore,logica, buon senso,qui siamo andati con tale manovra in quella direzione,ma chi sono io,chi siamo noi ovvero quelli che la pensano cosi’ per dire questo? Siamo persone che non vogliono sfidare quel limite che pure deve esistere , anche se puo’ essere spostato,ma un limite non  rappresenta l’estremo grado verso cui si puo’ spingere per definizione? .Vogliamo cambiare il significato delle parole?
    Oltre il limite non possiamo sapere cosa ci aspetta, potrebbe esserci quel buio,quel nulla,del resto anche la nostra esistenza terrena ha un limite,non possiamo spingerci oltre.
    Qui ci si e’ spinto non solo oltre ma di molto.
    "Non ti curar di loro ma guarda e passa" fa parte solo della divina commedia non del futuro della nostra Nazione,invece lo sembra quasi come una pseudo sicurezza che sa di arroganza, di bluff. 
    " Io ho il punto piu’ forte,e fidati e’ come dico io,non chiedere di vedere le carte,potresti perdere tutto......"
    Esistono delle regole che vanno rispettate. non sono state rispettate.
    La mia speranza e’ in questo momento pensare solo che posso,possiamo, sbagliarci.
    Per noi stessi,per i nostri figli,per i nostri sacrifici,e non per ultime per quelle lapidi di eroi sparse per l’intera Nazione, che hanno permesso la nascita di questa stupenda Costituzione .
    Abbiamo sfidato il limite,Marina,qui la filosofia non ci potra’ piu aiutare.
     ut modum provocantis pugnam.




  • Di Antonello Laiso (---.---.---.2) 22 ottobre 2018 09:41

    ciao marina ,


    Fiabesca..............si mancano solo le fate,ma con un po d’ immaginazione....
    ciao 

TEMATICHE DELL'AUTORE

Tribuna Libera

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità