• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > Andate via zozzoni

Andate via zozzoni

"Andate via zozzoni!" La frase non è stata rivolta a certi signori che amministrano e hanno amministrato Roma, bensì è stata pronunciata ieri mattina da una donna romana di origine italiana, nei confronti di una famiglia romana di origine eritrea a cui era stata assegnata, per punteggio, la casa dall' Ater.

In Eritrea circa 80 anni fa la lingua ufficiale era l'italiano, parlate dalla popolazione erano il tigrino e l'arabo e, dopo il 1938, furono attuate politiche di "superiorità razziale" nei posti pubblici eritrei a detrimento delle popolazioni di colore, nelle colonie italiane. Per la storia dell' Eritrea durante i fasti e i fasci del colonialismo italiano, rimando alla lettura breve ma molto interessante di wikipedia sulla Colonia Eritrea.

Torniamo ai recenti fatti che si sono svolti a Corviale, nella periferia di Roma il 28 settembre: "4 membri di Forza Nuova, tra cui il leader romano Giuliano Castellino, sono stati arrestati per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale durante una manifestazione contro l’assegnazione, regolare, di un alloggio di via Giovanni Porzio a una famiglia di eritrei e hanno cercato di opporsi allo sgombero della precedente famiglia che occupava l’appartamento. Hanno sbarrato l’ingresso ai nuovi assegnatari e hanno reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine.Tre agenti di polizia sono rimasti feriti alla testa da alcuni sampietrini lanciati dagli appartenenti a Forza Nuova."
 
Roberto Fiore leader nazionale di Forza Nuova, in una nota diffusa dopo gli incidenti ha dichiarato su FB: «La Polizia ha sfrattato una famiglia di italiani per dar posto a una famiglia di immigrati. Il quartiere si è immediatamente rivoltato insieme ai militanti della locale sezione di Forza Nuova».
 
Virginia Raggi ha dichiarato: «Roma non farà mai nessun passo indietro davanti alla violenza neofascista,è inaccettabile e siamo vicini alla famiglia aggredita e agli agenti feriti».
La famiglia composta da madre padre e figlio minore è tornata da dove era venuta, nella casa Ater è rimasta una giovane donna con il bimbo di 3 anni che ritiene di non occupare abusivamente la casa perché ne ha diritto.
 
«Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all'abitazione.»
Il diritto all'abitazione (conosciuto anche come "diritto alla casa" oppure "diritto all'alloggio") è il diritto economico, sociale e culturalead un adeguato alloggio e riparo. È presente in molte costituzioni nazionali, nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e nella Convenzione internazionale sui diritti economici, sociali e culturali art. 31, uno dei primi documenti a farne menzione esplicita, nel Trattato di Lisbona art. 34.3.
 
(Articolo 25 della Dichiarazione universale dei diritti umani)
 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità