• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Afghanistan, attacco talebano di avvio Ramadan

Afghanistan, attacco talebano di avvio Ramadan

Hanno usato un Humvee, veicolo militare multifunzione ad alta mobilità, l’hanno imbottito di esplosivo e diretto sull’edificio adibito a quartier generale di polizia Pul-e Khumri, nella provincia settentrionale di Baghlan. Sono morti in tredici, oltre cinquanta i feriti. 

A poco è servito anche l’inizio del mese del Ramadan, i talebani insoddisfatti dall’andamento dei colloqui di pace, ripropongono la guerra. Attentati simili s’erano già verificati: durante scontri prolungati i turbanti, dopo aver eliminato o messo in fuga i militari afghani, s’appropriano di armi e autoveicoli che poi usano più o meno camuffati per assalti omicidi e suicidi. Stamane il conducente dell’Humvee lanciato sulla sede poliziesca s’è fatto esplodere nel mezzo. Purtroppo, come quasi sempre accade, si registrano anche vittime civili, bambini compresi, così ha dichiarato un responsabile sanitario mentre coordinava i soccorsi. Proprio il personale medico ha raccontato che nella zona la battaglia fra i contendenti è continuata a lungo. Del resto i taliban hanno ripreso l’offensiva, come sostengono da sempre per intimorire e demoralizzare gli afghani che vestono la divisa, ma da alcune settimane anche per rispondere in maniera sprezzante alla mancanza di accordi e ultimamente alle sottolineature del gran cerimoniere degli incontri qatarini: Zalmay Khalilzad.

Quest’ultimo, per rompere l’impasse in cui la trattativa è caduta, ha diretto sugli interlocutori la voce della gente “stanca di guerra, i fratelli e le sorelle afghane vogliono che il conflitto finisca” ha detto il diplomatico. Aggiungendo: “E’ tempo di deporre le armi, fermare la violenza, abbracciare la pace”. L’ultima affermazione ha indispettito il fronte talib che ha rinfacciato al mediatore afghano-statunitense l’uso della forza reiterato per anni dagli occupanti, costato sacrifici umani e finanziari per tutti. Vista la tensione è svanita la decisione presa dall’assemblea indetta da Ghani che prometteva di liberare 175 miliziani prigionieri in cambio del cessate il fuoco prima del Ramadan. Il mese santo s’è aperto con l’ennesimo attacco e tutto fa pensare che la posizione di rigettare qualsiasi proposta del ‘fantoccio americano’, come i taliban definiscono il presidente Ghani, faccia venir meno anche l’idea d’indire un’enorme Loya Jirga con la presenza di oltre tremila fra esponenti religiosi e politici da tenersi a Kabul. I talebani, che pure restano al tavolo di Doha, fanno intendere che non accrediteranno nessun lacché filoamericano cosicché le soluzioni riappaiono incerte. Eppure il portavoce ufficiale dell’Alto Consiglio di Pace continua a diffondere ottimismo e riproporre meeting, quasi a voler ribadire che per tutti non esistono altre vie d’uscita.

Enrico Campofreda

 

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità