• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

fulvio lo cicero

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 11 Novembre 2008
  • Moderatore da martedì 01 Gennaio 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 21 11 81
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1 0 1
1 mese 1 0 1
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di fulvio lo cicero (---.---.---.173) 4 luglio 2012 08:33

    Il problema è che la maggior parte delle persone che scrivono questi commenti pieni di livore verso gli "statali" fanno un minestrone di questa categoria mettendoci dentro tutto e soprattutto anche i politici, gli assessori, i dirigenti, lì dove si annidano corruzione e concussione. Poi, magari, hanno visto qualche servizio di "striscia la notizia", dove il giullare di turno con il microfono in mano ha ripreso due o tre impiegati (su quattrocento) che timbrano ed escono per fare la spesa. Tutto ciò mentre la gran massa degli "statali" fa il loro dovere, gli insegnanti fanno lezione in classe, i dipendenti dell’Agenzia delle entrate fanno consulenze gratuite, quelli degli enti locali sbrigano le pratiche sul tavolo. Ripeto: la gran massa, esattamente come avviene nel privato, dove pure ci sono nullafacenti, ladri, corrotti.

  • Di fulvio lo cicero (---.---.---.68) 3 luglio 2012 19:47

    Rimane il fatto che dire che il 98% dei dipendenti pubblici è entrato per ragioni politiche è una sciocchezza, una delle tante stupidaggini che si dicono al bar o davanti ad un fiasco di vino. Se si vogliono fare discorsi seri e indicare cifre, allora bisogna dare cifre vere. Altrimenti è meglio dire: "Secondo me la maggior parte dei dipendenti pubblici è entrato per ragioni politiche", che è una sciocchezza dello stesso genere ma almeno la si pone sul piano delle opinioni personali. Ribadisco comunque che ritenere che i dipendenti pubblici sono corrotti è un’altra sciocchezza, che si può dire, ripeto al bar o di fronte ad un altro fiasco di vino. Corrotti potranno essere i livelli apicali, i dirigenti di prima fascia, quando ne hanno l’occasione, gli assessori, i presidenti delle commissioni edilizie, ecc., ma come si fa a dire che un impiegato dello Stato, con uno stipendio di 1.200 euro al mese è corrotto solo perché è un dipendente pubblico? Spero che questo mio chiarimento sia compreso. Prendersela con una intera categoria di lavoratori (siano essi coltivatori di albicocche, insegnanti, dipendenti amministrativi), riducendo loro ticket e stipendi è una discriminazione, come quella contro gli ebrei o gli zingari, una cosa demenziale. Mi dispiace essere stato offensivo, sicuramente ho sbagliato il bersaglio ma la colpa è da attribuire agli argomenti esposti nel tuo commento.

  • Di fulvio lo cicero (---.---.---.117) 1 luglio 2012 18:47

    Non rispondo direttamente all’individuo che scrive soltanto per offendere chi esprime le proprie idee in modo libero. D’altronde basta leggere le idiozie che scrive per farsi un’idea del volume cerebrale che esprime. 

  • Di fulvio lo cicero (---.---.---.132) 28 giugno 2012 10:30
    Risponde l’autore dell’articolo

    Ecco il "pensiero" (si fa per dire) della "pubblica opinione" sugli statali, che fornisce materia viva per seppellirli, possibilmente vivi. Non si sa dove le varie Flaminie ricavino le loro informazioni secondo cui nessun impiegato statale fa qualcosa. Basterebbe considerare che se fosse vera questa insensatezza, non funzionerebbe nulla nel nostro Paese (scuole, ministeri, trasporti, sanità, ecc.). Una persona razionale e informata non può pensare una cosa del genere. Il governo sfrutta i vaneggiamenti ( del tipo dei 500 euro dati sottobanco e stupidaggini senza senso di questo genere) di persone con una scarsa informazione per colpire sempre e comunque una categoria di lavoratori che non può essere peggiore delle altre.
  • Di fulvio lo cicero (---.---.---.128) 25 giugno 2012 17:24

    Caro autore, un concorso può essere annullato solo dopo quella che lei chiama "impugnazione giuridica" (forse intende dire "ricorso al giudice"), che non è affatto in opposizione ai supposti "motivi sostanziali" che lei reclama. Il concorso per dirigenti scolastici va annullato perché la sciagurata preselezione (cioè la selezione che doveva ridurre il numero degli ammessi a sostenere il vero e proprio esame) si fondava su quiz in otto materie differenti, alle cui domande erano state fornite dal ministero risposte sbagliate in almeno ottanta casi. In conseguenza, molti di coloro che hanno svolto le prove scritte lo hanno potuto fare pur avendo fornito risposte SBAGLIATE. Questo è il vero aspetto sostanziale della questione e non, mi perdoni, quello da lei raccontato. Saluti.


Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità