• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Musica e Spettacoli > "Vi leggo nel pensiero, tra illusioni e psicologia". Segreti e confessioni (...)

"Vi leggo nel pensiero, tra illusioni e psicologia". Segreti e confessioni di un mentalista

 

 

Facciamo un esperimento. Provate a chiedere a un amico di fare un disegno qualsiasi, senza che voi vediate o sappiate di cosa si tratti. Riuscireste a riprodurlo solo guardando il vostro amico negli occhi? Probabilmente la risposta è no. Eppure questo, per un mentalista, è pane quotidiano. E non scomodate la telepatia, la chiaroveggenza o la magia: qui la partita si gioca su ben altri livelli.

«Un mentalista è un raffinato conoscitore della psiche umana e delle sue capacità nascoste, in grado di sfruttare al meglio le potenzialità e le lacune della mente per creare alterazioni e illusioni percettive. Se in passato era colui che dichiarava di possedere poteri paranormali, oggi è invece un personaggio più spigliato e meno cupo, che tuttavia continua a mantenere un’aura di mistero intorno alle reali tecniche utilizzate». A spiegarcelo è Max Vellucci, 38 anni, esperto di comunicazione e da anni appassionato studioso di mentalismo. Vive a Roma, la città in cui è nato, e ha lo sguardo curioso e penetrante di chi sembra voler leggere sempre tra le righe. 

JPEG - 903.3 Kb
Max Vellucci nsieme a una spettatrice

Da tre anni promuove in giro per l’Italia Psyche, uno spettacolo interattivo, ironico e suggestivo in cui i presenti sono direttamente coinvolti dall’inizio alla fine: l’obiettivo è dimostrare come la mente umana sia in realtà manipolabile e fallibile. E sul palco, insieme alle sue tecniche, Max porta anche un bagaglio di conoscenze che esulano dalla profonda preparazione sulle dinamiche psicologiche, tanto che la sua presenza scenica è il frutto di un solido background dato dalla sua poliedrica formazione. Nel corso degli anni ha infatti approfondito lo studio critico dei fenomeni paranormali, si è occupato di teatro, illusionismo, tecniche di comunicazione e formazione e ha portato avanti anche i suoi studi di ingegneria informatica.

«Mi definisco un “Mind Performer”, ovvero un intrattenitore che gioca con la mente», spiega, mentre riflette sul suo percorso. «Ciò che mi ha spinto maggiormente nel mio cammino artistico e professionale è stata la curiosità di capire come funzionavano le cose, in primis la mente umana. Ho studiato per anni le tecniche dell'illusionismo, della comunicazione persuasiva e dell'ipnosi sia per curiosità personale, sia per cercare di portare in scena qualcosa di originale e suggestivo. Ed è stato coniugando diverse tecniche che sono riuscito a concretizzare il mio sogno di creare Psyche». Un sogno riuscito bene, se si pensa che lo scorso 24 novembre, al Teatro Alba di Roma, c’era anche l’inconfondibile mago Silvan a godersi lo spettacolo: un motivo innegabile di orgoglio per Max. «Silvan è un amico da anni ormai e spesso ho l'onore e il piacere di averlo come ospite ai miei spettacoli. Potrei dire che quello che fa con le mani, ovvero manipolare oggetti e carte per dare la sensazione di creare qualcosa di impossibile, io lo faccio con i pensieri e i ricordi dei miei spettatori».

È su queste illusioni mentali che giocano i fenomeni di mentalismo: le tecniche utilizzate da Max non hanno infatti nulla a che vedere con il paranormale, nonostante lo stupore creato dalle performance lasci presupporre il contrario. La chiave è nella vulnerabilità dei processi psicologici e comportamentali. «La nostra mente è facilmente suggestionabile e manipolabile ed è molto facile generare falsi ricordi o creare fenomeni apparentemente inspiegabili. Come si suole spesso dire: “Se un giudice avesse l’esperienza di un mentalista, smetterebbe di credere alle testimonianze umane”». Una volta assimilate, tecniche come la suggestione, la comunicazione persuasiva e la manipolazione dell’attenzione permettono di cogliere sfumature e dettagli che normalmente sfuggono. Il risultato è inevitabile: la vita di tutti i giorni cambia, aprendosi ad altre prospettive. «Sicuramente lo studio del mentalismo porta a guardare con un occhio decisamente diverso le varie esperienze umane», conferma Max. «In ambito comunicativo si dice che la mappa non è il territorio, ovvero che la rappresentazione che abbiamo della realtà è completamente soggettiva e coincide solo in parte con la sua oggettività. Conoscere queste tecniche aiuta ad avere un’altra visione sul modo di percepire il mondo e di ricordare le esperienze».

Uno spettacolo di mentalismo ne è l’esatta dimostrazione e Psyche dà una chiara idea di cosa significhi. Chi avesse perso lo show di novembre a Roma, potrà comunque avere la possibilità di rivedere Max in scena a gennaio, sempre al Teatro Alba, in attesa di successive repliche in giro per l’Italia. Intanto, si preparano anche delle novità per i curiosi sull’argomento. Max è infatti attualmente impegnato nella preparazione di una conferenza spettacolo dal titolo “Miti e Misteri della Mente”, che sarà presentata nel corso del 2013, e nella realizzazione di un innovativo progetto editoriale insieme alla casa editrice MyLife. E chissà, forse dopo anche noi, guardando negli occhi il nostro amico, capiremo al volo quale misterioso disegno avrà mai realizzato alle nostre spalle.

 

Per approfondire:

Derren Brown, “Il mentalista”, My Life Edizioni
Mariano Tomatis, “La Magia della Mente”, SugarCo Edizioni
Thorsten Havener, “Te lo leggo neglio occhi”, Tea Edizioni
Thorsten Havener, “So quel che pensi”, Tea Edizioni

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares