• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Unioni Civili: arriva il compromesso clericale

Unioni Civili: arriva il compromesso clericale

Dopo le incomprensioni con il Movimento 5 Stelle, Renzi dice di non fidarsi più e annuncia di voler trovare un accordo di maggioranza sulle unioni civili per arrivare ad una rapida approvazione. Ma l'accordo con Alfano passa necessariamente dallo stralcio della "stepchild adoption". L'ennesima vittoria dei conservatori cattolici?

Renzi e Alfano

Da quanto si apprende il Governo avrebbe trovato la via dell'accordo all'interno della maggioranza sul dibattutto DDL Cirinnà, il disegno di legge sulle unioni civili.

Sostanzialmente sparirebbe la "stepchild adoption" che tanto indignava i "cattodem", NCD e vari esponenti di un certo clero, ovvero l'adozione del figlio del partner in una coppia omosessuale.

In cambio di questo "sacrificio" il PD vedrebbe approvata tutta la restante parte della legge attraverso la fiducia ad un maxiemendamento in preparazione, quella che regola l'unione civile anche tra persone dello stesso sesso e che ne disciplina i diritti tra i quali l'assistenza ospedaliera del partner, la pensione di reversibilità, successioni, e così via.

Sembrerebbe trattarsi dell'ennesimo compromesso all'italiana di stampo conservatore mascherato sotto princìpi di ispirazione cattolica (ma ci sarebbe da discuterne sull'opportunità di tirare in ballo il cattolicesimo) che mi ricorda gli avvertimenti dei filosofi Bentham e Mill quando dicevano che una legge deve innanzitutto non recare danno a nessuno.

E' così? L'impianto originario del DDL Cirinnà non solo non procurava danno a nessuno ma, anzi, allargava la torta dei diritti secondo il principio della "felicità per il maggior numero possibile". Riconosceva, dopo trent'anni di discussioni e richiami (e condanne) dall'Europa, il diritto a persone conviventi anche dello stesso sesso a vedersi rispettate e a vedere rispettato il proprio progetto di vita comune.

Il nuovo impianto al ribasso invece procura danno ai quei pochi casi, ma pur sempre aventi diritto di tutele e rispetto, di bambini che si troveranno così col rischio di non veder riconosciuta giuridicamente la figura di una persona che loro considerano come un padre o una madre aprendo le porte ad una sofferenza che solo il buonsenso di un giudice potrà eventualmente arginare, non avendone il Parlamento avuto il coraggio.

Per contro, il governo sceglie di andare avanti solo sulle unioni scegliendo il cosiddetto "male minore".

Eticamente è un metodo molto discutibile di agire, almeno per la mia opinione, soprattutto da chi si vanta di essere "l'uomo del buonsenso" ovvero il ministro Angelino Alfano, e da chi si vanta di essere "l'uomo del fare e del rinnovamento", ovvero il premier Matteo Renzi.

Rimane quindi un "tabù" il tema delle adozioni, materia su cui bisognerebbe invece intervenire alla svelta in modo da agevolare le pratiche di affido dei tanti bambini costretti a vivere in orfanotrofi. Un sistema di adozioni più snello potrebbe aprire le porte della serenità a migliaia di minori.

Ma i giochi politici, le tattiche parlamentari, nonchè quel certo grado di influenzabilità ideologica sembrano aver nuovamente impedito all'Italia di rendersi all'altezza di altri Paesi Europei, quei Paesi a cui ci permettiamo anche di andare a sbattere i pugni sul tavolo.

A questo punto una domanda sorge spontanea: ammesso che le unioni civili diventino finalmente legge, quanti decenni ora ci impiegheranno per legiferare in tema di adozioni?

 

Commenti all'articolo

  • Di GeriSteve (---.---.---.147) 24 febbraio 2016 01:04

    La step child adoption produrrebbe disparità e incoraggerebbe l’affitto degli uteri.

     

    Salve, sono pienamente d’accordo sul fatto che si debba fare una buona riforma delle adozioni. Non penso che basti una legge a costo zero e non mi dilungo perchè su agoravox, in questo momento si può leggere dettagliatamente questa mia opinione:

    http://www.agoravox.it/Sull-adozion...

     

    Non sarei stato d’accordo invece a lasciare tutto il resto della questione delle adozioni così come è ad approvare la step-child
     adoption come nel ddl Cirinnà.

     

    Eppure io non sono un catto-dem di cui tu parli: sono un libero pensatore ateo e considero il PD come una sciagura nazionale. Eppure io condivido con te che sarebbe bene riconoscere giuridicamente la figura dei genitori di fatto quando sono considerati tali dai bambini.

     

    E allora perchè sono contrario?

    Per due motivi che a te, che sei un giurista, dovrebbero essere ancor più chiari che a me, che invece non lo sono.

     

    1) Perchè si creerebbe una brutta e incostituzionale disparità: sarebbero adottabili dai genitori di fatto soltanto alcuni bambimi e non altri: precisamente resterebbero non adottabili quelli che giuridicamente hanno già due genitori giuridicamente riconosciuti, e sono tanti (spiego meglio sempre in quell’articolo).

     

    2) Perchè, come saprai, una legge non può essere valutata soltanto per l’effetto che avrebbe sulla situazione presente: va valutata anche e soprattutto per gli effetti che avrebbe sul futuro. Come detto, io non sono cattolico, ma sono contrario alla mercificazione dell’umanità, quindi sono contrario alla compravendita di bambini da adottare, alla compravendita di adulti da sfruttare con la prostituzione o con lavoro schiavistico e sono contrario all’affitto degli uteri. Anche se in Italia l’affitto degli uteri resterebbe non legale (però non perseguito se fatto all’estero) ritengo che il ddl Cirinnà, nella sua versione originale, lo incoraggerebbe, e non solo perchè sarebbe un implicito riconoscimento di quella pratica.

    Il consentire l’adozione di un bambino ottenuto affittando un utero e contemporaneamente il non consentirlo (come avverrebbe con il ddl Cirinnà) per bambini adottabili nati naturalmente sarebbe un chiarissimo incentivo a produrre bambini affittando uteri.

     

    Spero di essermi spiegato e -perchè no? - di averti convinto: che ne dici?

     

    GeriSteve

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità