• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > TVATT, secondo round

TVATT, secondo round

TVATT è acronimo di Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali. TVATT, piece teatrale (ri)torna in scena e si amplia nella durata temporale e si amplia nel numero dei protagonisti sul palco. La riflessione sulla violenza condotta dal regista e principale interprete, Luigi Morra, diventa un laboratorio composto da più atti, o per la precisione da round, come in un vero incontro di boxe. Gli opponenti sono come sempre gli spettatori, un pubblico con cui si instaura un vero e proprio corpo a corpo. TVATT trae libera ispirazione da “East” e “West” di Steven Berkoff, e si applica al Sud.

La violenza quotidiana, futile, imperativa ed imperante per crescere e diventare un uomo. I round sono in evoluzione. Una prima e forte differenza che si nota tra il primo e il secondo round sono lo scemare delle risate del pubblico. Per quanto il racconto della violenza si greve, schiacciante, a tratti folle, nel secondo round la presenza di più attori incute un timore maggiore e lo spettatore ride di meno, a tratti trattiene soltanto il fiato, impaurito. L’elaborazione della violenza trova in questo punto una sua specchiata verità: pochi possono sottomettere tanti. Osservazione banale, ma la criminalità organizzata, le gang sono questo: un manipolo di violenti può tenere in ostaggio anche un’intera città.

Nella cornice di Palazzo Novelli di Carinola (Caserta) TVATT round 2 esprime tutta la sua carica di violenza primordiale. A Luigi Morra si affiancano Eduardo Ricciardelli e Pasquale Passaretti. Entrambi gli attori sono consci di incutere timore, Ricciardelli con il suo silenzio, postura e braccio ingessato, Passaretti narrando un episodio di violenza quotidiana, di uno scontro quotidiano, di quelle che spaccano le ossa, ma sono “mazzate” tra amici, nulla che possa fare male. I tre attori controllano il palco e gli spettatori, li chiamano a partecipare. Si appoggiano uno all’altro, creando un corpo solo di primitiva violenza che non conosce un senso di esistere, ma è li di fronte a chi osserva.

Un sorriso imbarazzato viene subito spento dall’incognita del “dopo cosa succede”, “non è uno scherzo, non ci stavamo divertendo”?

LEGGI ANCHE: T.V.A.T.T. Intervista con Luigi Morra

E’ teatro non può succedere nulla: eppure questa sicurezza viene meno. La violenza verbale, quasi quanto quella fisica colpisce allo stomaco. Non si ride più in TVATT secondo round. Il primo round è sembrato quasi di riscaldamento, ora il ring è vero, si sente il sudore. Il problema è che non ci sono guantoni a rendere meno pesante l’impatto dei colpi. La violenza può essere semplice, anzi lo è: procurare il male ad un altro essere umano. Complessa, invece, la sua narrazione, far calare chi ascolta in un abisso di frustrazione, perché alla fine ci riveliamo deboli a noi stessi. La violenza del Sud che sembra uno scherzo e poi colpisce forte, lascia sanguinanti a terra. Il secondo round inchioda anche per un tappetto sonoro, curato dall’ensemble musicale dei Camera, che ricopre ogni attimo di tregua lasciato dagli attori. Morra, Passaretti e Ricciardelli colpiscono a ritmo serrato, e non si può che essere pronti alla resa.

Fino alla conclusione, quando le luci si accendono, come in una lotta vera in cui si sentono allontanare i passi degli aggressori e si crede di essere alla fine della sofferenza. La ricerca di Luigi Morra, nel non ripetere semplicemente lo stesso atto, ma di aumentarlo di volume, come è la stessa lotta, da uno schiaffo alla rissa alla faida, al sangue, interpreta l’inconscio della rabbia e dell’impotenza di chi assiste e di chi subisce la violenza, ma anche di chi la pratica. Tra non molto il gong suonerà e sarà il momento del terzo round, e come in ogni scontro vero, il risultato non è certo, sono aperte le scommesse, di sicuro qualcuno si farà male, coprirsi gli occhi e la testa non serve a molto.  

Foto di Mena Rota

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità