• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Natale Salvo

Natale Salvo

Nato e cresciuto nella terra del “Gattopardo”, la Sicilia. Ha dedicato la propria esistenza all'impegno sociale. Allenatore di una squadretta di calcio di periferia, presidente del circolo di Legambiente, candidato sindaco per il Partito Umanista. Infine blogger d’inchiesta; ha pagato le sue denunce di cattiva amministrazione con una persecuzione per via giudiziaria.
E' autore del libro "La rivoluzione copernicana chiamata Reddito di Base", edito da Multimage, Firenze.

Statistiche

  • Primo articolo lunedì 01 Gennaio 2019
  • Moderatore da venerdì 02 Febbraio 2019
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 83 1 58
1 mese 5 1 10
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 9 3 6
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Natale Salvo (---.---.---.134) 8 maggio 08:49
    Natale Salvo

    L’Ungheria – attaccata perché governata dal destro Orban? -, comunque, è in buona compagnia di :

    • Bulgaria,
    • Repubblica Ceca,
    • Lituania,
    • Lettonia,
    • Slovacchia,
    • Lettonia,
    • Moldova,
    • Ucraina,
    • Liechtenstein e …
    • Regno Unito (!), come ci ricorda il sito delle Unione Europea.

    Non ci risulta, peraltro, che, sia pure ratificata dall’Italia nel 2013, il testo molto preciso della Convenzione sia mai stato applicato concretamente nel nostro Paese. Più che su quello dell’Ungheria, inviterei a vigilare sul nostro parlamento.

    Sono andato a cercare il testo della Convenzione di Istanbul (testo nel link) : tra l’altro vi si legge che le gli Stati si impegnano a :

    – adottare « le misure necessarie per promuovere i cambiamenti nei comportamenti socio-culturali delle donne e degli uomini, al fine di eliminare pregiudizi, costumi, tradizioni e qualsiasi altra pratica basata sull’idea dell’inferiorità della donna o su modelli stereotipati dei ruoli delle donne e degli uomini ».

    – « includere nei programmi scolastici di ogni ordine e grado dei materiali didattici su temi quali la parità tra i sessi, i ruoli di genere non stereotipati, il reciproco rispetto »

    – « adottano le misure legislative o di altro tipo necessarie per garantire che la violenza contro le donne basata sul genere possa essere riconosciuta come una forma […] che dia luogo a una protezione complementare / sussidiaria » (si riferisce al fenomeno della migrazione).

    Questo avviene in Italia ?