• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > La strage di Viareggio del 2009 e i ferrovieri uccisi dall’amianto

La strage di Viareggio del 2009 e i ferrovieri uccisi dall’amianto

OMICIDIO COLPOSO PLURIMO A DANNO DEI MACCHINISTI FERROVIARI. 

CHE VENGANO ALLA LUCE I MACCHINISTI MORTI PER MESOTELIOMA E OGGI DESAPARECIDOS PER PROCESSI PENALI MAI APERTI

NO ALLE PRECRIZIONI, NO AGLI OCCULTAMENTI

di Vito Totire

 

Il 29 giugno cade il nono anniversario della strage di Viareggio.

Con grande altruismo e senso di responsabilità il comitato locale si attiva per ricordare le 32 vittime morte il 29 giugno e per tenere accesa la fiaccola della speranza. La speranza è il diritto alla giustizia ma anche alla prevenzione per tutti.

Forse questo è il momento opportuno anche per denunciare l’assurdità di quelli che dobbiamo considerare i desaparecidos nelle stragi sul lavoro; intendiamo scomparsi soprattutto dal punto di vista del “diritto penale”. Certo se la proposta di Raffaele Guariniello (UNA PROCURA NAZIONALE) avesse preso piede i desaparecidos risponderebbero più facilmente all’appello. E’ ovvio: quando una strage uccide tante persone nello stesso momento questo colpisce di più la sensibilità e la memoria umane. Ma gli eventi-mesotelioma emersi dalla corte dei macchinisti italiani esposti ad amianto – perché di amianto erano imbottite le carrozze da loro guidate (finanche 800-1.000 kg.) – sono stati un numero enorme: secondo il RENAM (registro nazionale mesoteliomi) 79 solo fra il 1993 e il 2013. Purtroppo ulteriori eventi tragici si sono verificati anche dopo ; e purtroppo anche a carico di qualche lavoratore che aveva cominciato a lavorare dopo la metà degli anni ottanta.

Ora si profila persino il rischio prescrizione – che vogliamo scongiurare – per i reati connessi alla strage di Viareggio. Ma dobbiamo tenere conto di un interrogativo: a chi attribuire la responsabilità della esposizione indebita ed evitabile dei lavoratori macchinisti? Quali responsabilità aveva, per esempio, negli anni in cui è avvenuta l’esposizione, Mauro Moretti? Una inchiesta penale nazionale può rispondere anche a questa domanda che non è certo l’unica fra quelle fino ad oggi mai poste.

In momento in cui i cittadini di Viareggio ripropongono coraggiosamente la questione della sicurezza dei trasporti per tutti rimbalza potentemente la questione dei macchinisti e rimbalza anche per la irritante difficoltà procedurale che essi stanno trovando nel riconoscimento della maggiorazione pensionistica dovuta a causa della pregressa (e indebita) esposizione ad amianto. Tanto da far nascere spontaneamente una domanda: a cosa serve l’epidemiologia in Italia se neanche questa drammatica sequenza di morti pare sufficiente all’apertura di una inchiesta penale nazionale e neanche al riconoscimento “automatico” di una pregressa esposizione drammaticamente evidente a causa dei dati sanitari?

Ogni persona onesta conviene che l’epidemiologia non deve servire per le pubblicazioni accademiche e per le carriere dei singoli.

Oltretutto il governo potrebbe (e dovrebbe) emanare un “atto di indirizzo” per il riconoscimento,evitando ai lavoratori di passare dalle stressanti, contraddittorie e faticose consulenze tecniche d’ufficio.

Conosciamo anche – grazie a Radio carcere – le difficoltà del processo penale in Italia ma la Procura di Roma avrebbe il dovere di aprire una inchiesta centralizzata nazionale (il pensiero torna alla “proposta Guariniello”) per l’accertamento delle responsabilità e per propiziare – per quanto possibile – gli equi risarcimenti.

Oltre alla Procura di Roma altre sedi saranno interessate –a partire da oggi- da questo nostro comunicato sotto forma di esposto.

Solidarietà e un abbraccio al comitato di Viareggio: la vostra lotta è di tutti e per tutti. Grazie.

Vito Totire, medico del lavoro: presidente AEA (associazione esposti amianto e rischi per la salute) anche a nome del Circolo “Chico” Mendes e del Centro per l’alternativa alla medicina e alla psichiatria “Francesco Lorusso”

Bologna, 28.6.2018

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità