• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > La sconfitta di Berlusconi

La sconfitta di Berlusconi

La partita di ieri era la fiducia al governo. La partita di oggi è la governabilità del paese, e la leadership di Berlusconi. Sullo sfondo la crisi epocale del Paese e le rivolte sociali.

Con questi problemi bisogna oggi e domani fare i conti.

Berlusconi ha perso il governo del Paese. Ha perso la leadership politica. Ha perso oggi e perderà domani .

Ha perso il governo perché non si può gestire una crisi epocale con tre voti di scarto.

Ha perso la leadership politica perché oggi non può decidere da solo, ma insieme agli alleati.

Con Bossi aveva spartito il potere, le sfere di influenza, e stipulato un patto di reciproco aiuto. Al leghista il federalismo e gli immigrati, a Berlusconi la giustizia ad personam e gli affari nazionali (le grandi opere la protezione civile), ed internazionali (gli accordi con Putin e Gheddafi).

Ma oggi e domani Berlusconi, per governare, ha bisogno non solo di Bossi ma anche di Casini. E in tale direzione il Cavaliere già si è mosso. Ha indotto Bossi a togliere la pregiudiziale anti UDC, e ha chiesto a Casini di entrare nella maggioranza. La risposta al riguardo è stata abbastanza netta e chiara. Neppure il Vaticano può indurlo ad accettare l’alleanza con il PDL.

A fronte di tale rifiuto, al cavaliere resta solo la prosecuzione della campagna acquisti oppure le elezioni anticipate. La prima strada è abbastanza impervia, ricca di ostacoli e piena di trabocchetti. La seconda è una prospettiva abbastanza incerta. Secondo gli ultimi sondaggi, nuove elezioni non favoriranno il cavaliere. Potrà tornare a vincere, ma di misura. Avrà dunque bisogno di alleati per governare e quindi di condividere il potere. Dovrà fare i conti con un Bossi in ascesa padrone del nord, e con il polo di centro che avrà ben altra forza rispetto a quella di Fini. Non potrà più scegliere da solo, dovrà decidere con gli altri, insieme agli altri. Ma l’uomo non sa mediare, non sa fare compromessi, qualità indispensabili per tenere in vita un alleanza. La sua è una laedership manageriale, ma non politica. E’ un imprenditore con una concezione aziendalistica della politica.

Ma non c’è solo questa difficoltà sulla strada di Berlusconi.

Fino ad oggi Berlusconi ha vissuto del suo potere assoluto.Se veniva qualcuno per un favore lo accontentava, senza dar conto a nessuno. Una volta soddisfatta la Lega nelle sue esigenze elettorali, era libero di agire a piacimento.

Ieri funzionava il “ghe pensi mi" oggi non è più cosi .Per accontentare il suo interlocutore il Cavaliere deve avere il consenso dei suoi alleati. Non è più un capo, ma un “primus inter pares”. E se Berlusconi è uguale agli altri, quali le ragioni per appoggiarlo o votarlo? Ciò che può dare lui, possono dare i suoi alleati, e per di più questi non gli chiedono il servaggio.

E tutto ciò si traduce in una erosione di voti e di potere.

La condivisione del potere è la fine di Berlusconi che sa solo comandare ma non governare.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.152) 16 dicembre 2010 13:09

    E allora chi ha vinto? Fini, Di Pietro, la Sinistra? Persone politicamente degne e intelligenti avrebbero proposto valide alternative alla caduta del Governo per evitare di rimanere senza una guida in un mondo economico che sfortunatamente sta diventando una selva di SPECULAZIONE! E invece l’unico obiettivo era far cadere il Governo a qualunque costo, senza avere pronta ALCUNA alternativa CREDIBILE! VERGOGNATEVI!

  • Di paolo (---.---.---.126) 16 dicembre 2010 16:35

    caro xxx.xxx.xxx.152 


    Ti rispondo io . Ha vinto la sinistra (centro sinistra) proprio perchè , paradossalmente , ha vinto Berlusconi .
    Prova a pensare cosa sarebbe successo se Silvio fosse stato sfiduciato . Molto probabilmente,escludendo un governo tecnico (ribaltone), si sarebbe costituita una nuova maggioranza con PDL +LEGA + UDC +API (come minimo) ,non escludendo perfino l’aggiunta dell’FLI , proprio paventando la minaccia di un governo tecnico . Un Silvio bis .Con Silvio commissariato ma in pace con i suoi processi(per ora) .
    E la sinistra? Sarebbe rimasta come ora , senza identità ,senza alleati (IDV a parte ) e con la forte probabilità che i margheritini sarebbero trasmigrati , magari lentamente , verso il nuovo polo di centrodestra ,capendo che proprio li’ si sta ricostituendo la nuova Democrazia Cristiana .Cosa peraltro comunque quasi scontata .Tra poco Fioroni e soci salutano e se ne vanno dal PD.
    L’unica alternativa che ha Bersani è quella di sperare di ricompattarsi a sinistra , sperare in una probabile rottura della Lega con il nuovo centrodestra antisecessionista e fortemente sbilanciato a sud e quindi attrarla nell’area di sinistra con la promessa di un forte federalismo(?!) e infine cercare di aggiudicarsi, con una opposizione vera , i voti che ha perso per astensionismo.
    Altre strade non ne vedo. E tu ?

    paolo
  • Di pv21 (---.---.---.19) 16 dicembre 2010 19:58

    Democrazia strozzata >
    Le elezioni politiche del 2008 documentano che con il consenso del 36% degli elettori aventi diritto al voto Berlusconi ha potuto cavalcare una maggioranza del 55% dei seggi della Camera.
    Nulla sarebbe cambiato enucleando Fli e Mpa. Anche con un consenso ridotto al 30% l’asse PDL-Lega avrebbe consegnato a Berlusconi l’identica maggioranza di 340 seggi.
    E’ il responso della legge elettorale “porcellum” e del sistema a turno unico.
    Si può governare il paese “per volontà popolare” con il mandato di nemmeno 1/3 dei cittadini elettori. Si può “nominare” una casta di Primi Super Cives attenta a privilegi ed interessi …

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares