• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > Giustizia: incontro a Fano con Piercamillo Davigo

Giustizia: incontro a Fano con Piercamillo Davigo

Dopo scuola, libertà, patrimonio, potere, paesaggio, persona, vittime, la settima edizione della rassegna “Con le parole giuste - le parole della giustizia nella filosofia, nella letteratura, nella società” si chiude con un appuntamento dedicato alla parola “giustizia” con un altro ospite d’eccezione, uno dei magistrati di maggiori notorietà ed esperienza in Italia: Piercamillo Davigo, che sarà ospite della Sala Verdi del Teatro della Fortuna di Fano (PU) martedì 22 maggio alle ore 17.00. L’incontro, intitolato “Giustizia. Basta la parola?”, sarà coordinato dall’Associazione Nazionale Magistrati - sezione Marche.

Piercamillo Davigo è entrato nella magistratura nel 1978 e negli anni ’90, quando è scoppiata l’inchiesta Tangentopoli, ha fatto parte del pool Mani Pulite, coordinato da Francesco Saverio Borrelli, insieme ai colleghi Antonio Di Pietro, Gherardo Colombo e Ilda Boccassini tra gli altri. È stato Consigliere della Corte d'Appello di Milano, Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati e, dal 2016, Presidente della II Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione, carica che riveste attualmente. Una carriera lunga una vita, una vita consacrata alla giustizia, quella che traccia i confini della libertà, che indica il grado di civiltà di uno Stato.

Nel libro La tua giustizia non è la mia, Davigo scrive: «A mio avviso, la norma più importante è quella stabilita dall’articolo 2: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”. Ora, dobbiamo sempre ricordarci che le parole sono importanti, perché un conto è istituirli, i diritti, un conto è riconoscerli. Se uno li istituisce può anche revocarli, ma se vengono riconosciuti come a sé, preesistenti, e dunque non modificabili, diventano un limite di sovranità». E sempre a proposito di diritti ha dichiarato in un’intervista al Fatto quotidiano: «Io sono dalla parte giusta perché rappresento o dovrei rappresentare un’organizzazione che si fonda sul riconoscimento e sulla tutela dei diritti inviolabili. Certo, a volte ci sono leggi sbagliate, ma il nostro sistema prevede una serie di rimedi e correttivi». 

«S. Agostino dice che ciò che fa la differenza fra le bande di briganti e gli imperi è la giustizia, non la forza o le dimensioni. In questo senso rendere giustizia è il più importante fra i compiti dello Stato»: così Piercamillo Davigo introduce l’incontro del 22 maggio alla Sala Verdi, che chiude la settima edizione della rassegna “Con le parole giuste”.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità