Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Società > La repubblica degli stagisti: dal blog al libro ecco svelato come i giovani (...)

La repubblica degli stagisti: dal blog al libro ecco svelato come i giovani vedono il sistema lavoro!

Un sito Internet (www.repubblicadeglistagisti.it) e un libro intitolato “Se potessi avere 1000 euro al mese!”: così Eleonora Voltolina ripercorre la lunga e travagliata situazione lavorativa dei giovani italiani.

La segnalazione proviene da Caterpillar AM (la trasmissione della mattina di Radio2 di cui abbiamo parlato anche noi), che ha ospitato la giovane autrice - appena trentenne – per parlare di diritti, lavoro e precarietà.

“L’Italia è assolutamente indietro rispetto al mercato del lavoro e le condizioni dei giovani oggi sono disperate, soprattutto rispetto alla situazione salariale: i giovani guadagnano troppo poco!” – spiega Eleonora Voltolina ai microfoni di Radio2 – “Il libro è stato scritto quando ancora c’era il governo Berlusconi e ancora non si parlava di mercato di riforma, e infatti nelle conclusioni ci sono richieste in tal senso per attuare un’equa riforma del mercato del lavoro, superare la dualità del mercato, creare anche un contratto nuovo per garantire di più i precari ed evitare che siano dei lavoratori di serie B”.

JPEG

Tradotto in pratiche proposte sta a significare che non va bene che ci sia una selva di contratti: il numero troppo elevato di differenziazioni contrattuali produce inadeguatezza e disparità, pensiamo ai contratti a progetto da 800 euro al mese che però richiedono al lavoratore di operare come un normale lavoratore subordinato o anche di più, senza straordinari retribuiti, senza malattia, senza gravidanza. “Pensiamo anche a tutti quei contratti atipici – continua Voltolina – non garantiscono tfr, malattia, copertura in caso di gravidanza, ferie pagate… Tutti questi ‘vantaggi’ in molti contratti temporanei non sono previsti e questo rende chi ha quei contratti dei lavoratori di serie B, privati di diritti conquistati”.

Serve il contratto unico, quindi. E sull’articolo 18 cosa ne pensa la categoria giovani? Eleonora è categorica in proposito: “L’articolo 18 in realtà non è una questione che riguarda i giovani perché è una caratteristica esclusivamente di chi ha il contratto a tempo indeterminato e lavora in aziende con più di 1uindici dipendenti”.

 

Leggi anche: Il precariato è logorante, lo studio della SapienzaLa generazione Neet, giovani demotivati


Ti potrebbero interessare anche

Jobs Act: come stanno davvero le cose
Privalia. Quando la crisi non c'entra: la lotta dei lavoratori dell'e-commerce
Viaggio nella Grande Distribuzione: intervista a 8 lavoratori di Leroy Merlin - Roma
Dove sono i nostri. Lavoro, classe e movimenti nell'Italia della crisi
La guerra fra vecchi e giovani di cui non si parla più


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.230) 17 marzo 2012 18:48

    ma perche’ al posto di scrivere e parlare tanto sti giovani non fanno come i loro coetanei francesi e tedeschi , scendendo in piazza a protestare e pretendere un trattamento corretto??

    ormai non sono + giovane e al lavoro sono assediato da questi giovinetti neulaureati stagizzati che pensano solo a aperitivi e calcio, si disinteressano della loro condizione e ...quasi mai fanno la fame dietro c’e’ sempre mamma e papa..!! (inoltre sono dei micidiali e bravissimi leccaculo..)

    i nostri padri scesero in piazza e PRETESERO un trattamento diverso, questi qua sono stati troppo viziati.

    temo se lo meritino.

    i migliori se ne vanno all estero gli altri che rimangono qui soccomberanno e forse la prossima generazione..si ribellera’

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità