• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Pino Mario De Stefano

Pino Mario De Stefano

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 12 Dicembre 2009
  • Moderatore da sabato 04 Aprile 2010
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 49 4 23
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 4 4 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Pino Mario De Stefano (---.---.---.141) 15 aprile 2014 20:35
    Pino Mario De Stefano

    Gentile lettore (---127)

    la ringrazio per la cortese attenzione al mio post. alla base delle sue argomentazioni ci sono senz’altro alcune valide ragioni. le confesso che io per atteggiamento mentale e formazione culturale sono portato a pensare che "i diavoli" siano sempre meno neri di quanto li si dipinga. il mio amore per la storia la mia frequentazione di essa mi hanno insegnato a riconoscere sfumature, articolazioni diverse, movimenti irregolari e non omogenei nelle vicende umane.

    il mio post non aveva primariamente l’intenzione di esprimere giudizi complessivi sulla storia del cristianesimo e delle chiese, anche se intorno ad aspetti particolari di essa ho pure pubblicato qualche post sul mio blog. ciò che mi premeva era evidenziare un impulso che mi pare venga da questo papa verso un ripensamento di strutture, strategie, teorie, valori....non solo teologici, a partire dalle periferie del mondo e della storia. credo questa sia un’urgenza del mondo attuale e mi pare che manchino impulsi del genere da parte di soggetti e pensatori autorevoli, culturalmente, socialmente e politicamente. io credo sinceramente che le questioni decisive oggi riguardino soprattutto il fossato sempre più ampio tra chi ha una vita sua e chi non ce l’ha. o in termini più ideologici tra umanismo e cinismo. e che queste questioni non debbano essere depotenziate neppure dal secolare e importante contrasto tra religione e ateismo. per cui accogliere e valorizzare le risorse ideali da qualunque parte vengano, mi pare un tributo necessario alla salvaguardia di un minimo di speranza umana.

  • Di Pino Mario De Stefano (---.---.---.239) 23 aprile 2011 18:43
    Pino Mario De Stefano

    molto bello!...beh, non posso evitare - senza con questo voler costringere in una "catena" infinita di commenti ma per ringraziare di questo gradito "svelamento" di identità dell’autrice del commento, - di dichiararmi anch’io felice di condividere un comune "sentire" filosofico-etico-estetico con chi attraversa la "durezza" del dato con raffinate riflessioni e argomentazioni! 

  • Di Pino Mario De Stefano (---.---.---.239) 22 aprile 2011 17:19
    Pino Mario De Stefano

    Grazie per l’attenzione ei commenti...sono del tutto d’accordo con l’anonimo lettore!.le sue dense riflessioni mi pare facciano emergere ancora di più quello che a me pare "l’altro del dato" della "filosofia" del film di Moretti...ovviamente qui non si intende dimenticare che esso è un’opera prima di tutto artistica e che quindi richiede una capacità di approccio estetico per essere goduto e "compreso"!!

  • Di Pino Mario De Stefano (---.---.---.249) 21 marzo 2011 17:18
    Pino Mario De Stefano

    Pienamente condivisibile quello che scrivi! del resto da qualche tempo sembra che il partito radicale - vivendo di rendita sulle antiche battaglie - sia intento più a svolgere il ruolo di "cubista", interessata alla visibilità a qualunque costo e con ogni mezzo, che a contribuire a risolvere i problemi veri dl paese!