• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > Vi racconto un’Italia giovane e creativa: da Cigierre parliamo di Old Wild (...)

Vi racconto un’Italia giovane e creativa: da Cigierre parliamo di Old Wild West con Michele Paviotti

Lui si chiama Michele Paviotti, da anni è una risorsa all'interno della Cigierre: azienda italiana che punta sui giovani e che è stata capace di dare un'anima e un corpo a diverse catene come Old Wild West, Shi's, Wiener Haus e altre diffuse e riconosciute sul territorio nazionale e nel panorama internazionale. Partendo da Michele voglio tentare di raccontarvi un'Italia positiva, allegra, dinamica, intuitiva e geniale, perché da sempre - nonostante le crisi - siamo anche e soprattutto questo!

Buondì e grazie per l'accoglienza all'interno di questa struttura, partiamo subito con le presentazioni? Parlaci di te..

Salve a tutti, lieto di trovarmi sulle pagine di Agoravox Italia! Mi chiamo Michele, ho 25 anni e attualmente sono direttore proprio del ristorante Old Wild West che state visitando adesso, qui a Pradamano.

Sei un insider di Cigierre, di cosa si occupa l'azienda?

Lavoro in quest'azienda da diversi anni e la stessa in poco tempo mi ha dato parecchie opportunità ed insegnamenti. Questa realtà imprenditoriale gestisce diverse catene di ristorazione servita. E' nata in Friuli Venezia Giulia nel 1995, più precisamente a Torreano di Martignacco. Il primo Old Wild West nasce nel 2002 e riesce ad attirare subito l'attenzione e la curiosità attraverso ambienti accoglienti capaci di offrire un servizio d'eccellenza, location emozionanti e coinvolgenti, un ampio menu sempre innovativo e di alta qualità. In pochi anni la catena come avrete notato ha fatto passi da gigante arrivando adesso a oltre 180 ristoranti sul territorio nazionale e anche fuori dallo Stivale.

Ci racconti le singole identità di Cigierre?

Tra le varie realtà che compongono Cigierre troviamo, oltre Old Wild West, Wiener Haus e i nuovi arrivati Shi's, America Graffiti e Pizzikotto. Una famiglia in continua espansione, un laboratorio creativo che non si ferma mai.

Proprio OWW sembra provenire direttamente dal vecchio west: permette di pranzare o cenare tra indiani e cow boy, in un'atmosfera ludica, quasi irreale, ma armonica e accogliente. Prima di conoscervi pensavo fosse stata una multinazionale americana ad averla concepita, invece nasce qui: in Friuli, frutto dell'inventiva italiana.

Eh sì, parliamo di una catena di ristoranti a tema, in cui c'è la possibilità di gustare un'ampia varietà di pietanze originali, in un ambiente simpatico che ricorda i saloon del vecchio west. Il punto forte del menu è l'ampia scelta di hamburger e carni, ma anche insalate, wrap, appetizers, dolci e birre. C'è anche un goloso settore veg nel menu Green Valley. 

E per quanto riguarda le altre catene?

C'è Wiener Haus che propone piatti capaci di richiamare sapori della tradizione mitteleuropea; America Graffiti non ha bisogno di presentazioni: i suoi locali, che ricordano gli anni Cinquanta, registrano sempre il tutto esaurito; Shi's è un urban japanese restaurant: il tema è quello nipponico del sushi; Pizzikotto e Paprika offrono tutto il gusto della pizza tradizionale fatta con ingredienti biologici.

Girando per le sedi dislocate lungo la nostra penisola ho notato che i responsabili sono per la maggior parte giovani, la sensazione è che stiate intaccando per primi quel soffitto di cristallo che in Italia pone a più livelli un difficile ricambio generazionale. Largo ai giovani, largo alle idee?

Di sicuro è una realtà che ha un occhio di riguardo per le potenzialità e le capacità del singolo. Questo approccio investe sulle abilità, le cerca, le riconosce, le sostiene e le amplifica, dando possibilità di crescita a chi vuole mettersi in gioco. Mantenendo questa chiave di lettura all'interno di Cigierre i ruoli si rinnovano continuamente e ai vertici possiamo trovare sia gente giovane che meno: molteplici identità che si affiancano, si completano, lavorano in simbiosi mettendosi alla pari, senza osservare differenze di alcun genere.

Tra quelli proposti dagli chef qual è il tuo piatto preferito? Raccontacelo..

In assoluto quelli di Shi's, il sushi è diventato per me un goloso appuntamento fisso. Pensate che i colleghi per il mio compleanno mi hanno regalato una gift card.

Ed invece un piatto che ti piace preparare quando sei a casa e stacchi la spina?

Ultimamente sono diventato parecchio pigro in cucina, ma quando riesco ad investirci del tempo mi piace preparare sughi e intingoli. Amo la pasta in tutte le sue forme.

Idee in movimento. I vari locali possono contare su un laboratorio di idee ed un team che si occupa di social, comunicazione e marketing; settori in cui soprattutto Old Wild West eccelle: avete scelto come testimonial prima Ezio Greggio e poi Lodovica Comello (adesso per la MotoGP c'è anche Andrea Dovizioso) e siete stati partner promozionali di Italia's Got Talent prima e di X Factor dopo, addirittura con un menu fatto apposta. Facci uno spoiler: quali altre attività mediatiche state pensando per la nuova stagione?

I nostri reparti social e marketing sono davvero sempre in grande movimento, ringrazio continuamente i ragazzi all'interno dei ristoranti che si occupano di tener vive le pagine dei locali. Sulle novità in arrivo posso darti una news: a breve su tutti i ristoranti avremo un nuovo ricco e gustoso cambio menu.

 

Un film in dvd, un libro sul comodino e la tua playlist nello stereo. Cosa guardi, leggi, ascolti e da cosa ti lasci ispirare?

C'hai preso: per "staccare la spina" mi godo un bel film o un buon libro, oppure mi lascio incuriosire da qualche serie tv su Netflix; non ho un genere preferito ma deve essere coinvolgente e creativo, di fantascienza o reale ma l'importante è che tenga in moto il cervello. Come libri i miei preferiti in assoluto sono i fantasy: Christopher Paolini o Licia Troisi o i classici libri della Rowling. Testi capaci di offrire evasione, una piacevole distrazione; amo quel momento in cui riesco ad immergermi completamente in quelle storie e tutto il resto diventa nulla. E' come un viaggio, un momento magico.

Grazie per la passeggiata all'interno di Cigierre e per la chiacchierata! Alla prossima iniziativa, al prossimo piatto!

Grazie a voi e vi aspetto all'Old Wild West.

 

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità