• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Francesco Rossolini

Francesco Rossolini

Storico. In libreria il saggio: " La Questione della Terra in Sudafrica, Ridistribuzione e Democratizzazione. Carocci Editore" Acquistabile anche direttamente dal sito www.carocci.it
Appena uscito il mio nuovo saggio: "L'Ultimo Impero" http://www.smashwords.com/books/vie...
 

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 09 Settembre 2008
  • Moderatore da venerdì 09 Settembre 2008
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 293 206 857
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 297 285 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Francesco Rossolini (---.---.---.247) 2 agosto 2009 12:39
    Francesco Rossolini

     Purtroppo tranne che qualche capro espiatorio non è stato punito nessuno di coloro che hanno deliberatamente derubato milioni di risparmiatori.

    Non faccio nessuna confusine, la questione dei gruppi bancari è la stessa in Europa come in America, hanno un potere enorme e quindi i top manager rimangono sempre impuniti.

    Con questo non voglio spingere ad un qualunquistico senso di rivalsa indiscriminata nei confronti di tutti i gruppi bancari. Il corretto funzionamento degli istituiti di credito è essenziale e vitale per uno Stato. 

    Però tutti sanno delle circolari che arrivavano ai dirigenti di filiale per spingerli a disfarsi dei titoli spazzatura scaricandoli ai risparmiatori, tutti sanno che sul sito dell’Abi ci sono stati gravi ritardi nel segnalare i titoli tossici, lo stesso Oscar Giannino, uno dei non molti giornalisti veri che abbiamo in Italia, ha denunciato questa cosa.

    Comunque prendo nota della critica e la prossima volta cercherò di far meglio. 

  • Di Francesco Rossolini (---.---.---.247) 2 agosto 2009 12:22
    Francesco Rossolini

     Caro Fatboy, in tutte le epoche precedenti le comunità erano indubbiamente più piccole, rispetto alla comunità globale odierna della comunicazione istantanea, ma i legami erano più stretti ed il senso di appartenenza ad una comunità più forte. 

    Tutti quegli elementi sociali, ovvero la famiglia, i legami parentali, le comunità intermedie e così via erano molto più sentiti ed influenti che non oggi.

    Basti pensare che la sola rivoluzione industriale è potuta avvenire grazie al surplus accumulato proprio dalle comunità e dalla fortissima solidarietà tra famiglie, parenti e comunità.

    Mai nella storia l’individualismo, il rifiuto della tradizione e la perdita di legami reali sono stati così forti come nella società contemporanea occidentale.

    E con questo non voglio asserire che la mitizzazione di un’epoca passata, e la sua emulazione, fenomeno che è in corso nel mondo islamico sia un’alternativa migliore. 

    L’alternativa migliore è rispettare le proprie origine, rispettare i gruppi sociali, sentirsi parte della comunità, operare per il bene comune e non solo per il bene personale e guardare al futuro ricordandosi però sempre e comunque da dove siamo venuti. 

    Migliorare le proprie condizioni di vita senza ledere quelle altrui non è un’utopia. Poi sul fatto che un modo perfetto e bucolico non sia mai esistito concordo con te, ma la situazione attuale è un’aberrazione della struttura sociale che per millenni ha caratterizzato il genere umano.



  • Di Francesco Rossolini (---.---.---.247) 30 luglio 2009 13:10
    Francesco Rossolini

    Molti Paesi emergenti bussano alle porte del benessere, bisognerà vedere se sapranno organizzarsi.

    Comunque il declino dell’Occidente nel medio periodo è una questione molto seria. 

  • Di Francesco Rossolini (---.---.---.247) 30 luglio 2009 07:28
    Francesco Rossolini

    hai proprio ragione, molto meglio l’assordante silenzio della stampa tradizionale...


  • Di Francesco Rossolini (---.---.---.247) 20 luglio 2009 19:28
    Francesco Rossolini

     Pur essendo un sostenitore del social lending, devo però riconoscere che nel caso specifico Zopa ha commesso un illecito rispetto alla normativa in materia.

    Ovvero a Zopa ed affini è permesso solo ed esclusivamente dare in prestito all’utente A il denaro offerto da un utente B in tempo reale (o da più utenti chiaramente). 

    Zopa ed affini non possono in nessun caso far raccolta di denaro presso conti (o altri strumenti di raccolta) della società stessa.

    Zopa ha violato la normativa vigente facendo raccolta di denaro messo a disposizione dagli utenti prestatori, che in tal modo non avevano più alcuna garanzia sul denaro stesso perché non ancora trasferito agli utenti debitori.



Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità