• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Recensioni > Una pericolosa eredità in Egitto. Polvere di diamante di Ahmed (...)

Una pericolosa eredità in Egitto. Polvere di diamante di Ahmed Mourad

Lo scrittore egiziano Ahmed Mourad con Polvere di diamante, sua seconda prova letteraria, affronta non solo il complesso rapporto tra egiziani musulmani e ebrei, ma soprattutto l’idea di giustizia e la vita in una Cairo dai forti contrasti, sullo sfondo una sessantina d’anni di storia dalla presidenza Mohammed Naguib degli anni ’50 ai nostri giorni, con l’ingombrante presenza dei militari.

Una presenza, quella dei militari che ha influenzato la quotidianità dell’Egitto dove il golpe nasseriano ha reso controllore di chi doveva essere accettato come membro della comunità e chi era bollato come traditore e nemico.

I governanti che ci sono succeduti dopo Mohammed Naguib hanno operato nella paranoia dei nemici che tramano nell’ombra, revocando le libertà personali per consolidare il potere, ma dietro ai diversi personaggi è sempre e solo l’esercito a tirare le fila, imponendo alle persone “a udire un solo tipo di melodia …”, come nel Caffè dei misteri di Naghib Mahfuz, dove il narratore che ha una sua opinione, osservando gli eventi, lascia che tutto prosegua come deve continuare. Gli eventi scorrono fuori dal caffè, nelle vie cairote tra le tragiche scelte nazionalistiche e la ricerca di ruolo guida per l’Egitto nel mondo arabo.

Leggendo Ahmed Mourad si percepisce l’idea di narrazione fortemente legata ad un luogo che, come nei libri di Naghib Mahfuz e Ala Al Aswani, può essere un caffè o un palazzo, magari un intero quartiere dove si intrecciano le vite delle persone, ma quello che fa Mourad rende consequenziali le azioni dei singoli sull’esistenza di molti altri.

In una piazza i giovani si incontrano, ragazzi e ragazze si lanciano messaggi come avveniva nella provincia italiana, non solo meridionale, di trenta/quarant’anni fa, e si affacciano le abitazioni di un politico affarista, di un alto funzionario di polizia e il palazzo che ha visto giorni più gloriosi, ma riesce ancora a custodire la vita degli inquilini e la morte di uno in particolare che fa entrare nel vivo della storia dove il mistero della Polvere di diamante comincia a dipanarsi.

Il padre paraplegico di Taha viene massacrato in casa, un’immobilità che lo costringeva su di una sedia a rotelle per una malattia, che passava le giornate tra i ricordi di ex insegnate e l’hitchcockiano scrutare dalla finestra la vita dei vicini. Spiare la vita della piazza con il binocolo, insinuandosi nei vizi e scorrettezze anche dei frequentatori, forse è la causa del suo assassinio o forse bisogna indagare nel suo passato, di certo la Polizia non trova alcun indizio, ormai impegnata a contenere le manifestazioni e proteggere i corrotti potenti, più che affermare la legalità.

Taha, nel rinvenire tra le sue carte un libricino, scopre un padre che ignorava e che involontariamente gli lascia una scomoda eredità.

Tutta la storia è una pennellata sulla società, con le sue ipocrisie, che non ha subito forti cambiamenti in decenni di repubblica, il grosso lo aveva fatto la monarchia guardano al futuro, ma trova dei rallentamenti nelle descrizioni stereotipate dei personaggi femminili.

Le problematiche sociali e le prospettive politiche fanno capolino in un crescente senso d’insicurezza che alcuni personaggi del libro esternano per l’inattività della Polizia impegnata più a eludere possibili accuse di infrangere i diritti che difendere i cittadini.

La matassa del mistero sarà sbrogliata, ognuno per suo conto, da Taha e Sara, l’affascinante vicina di casa e blogger a caccia d’inchieste sulla moralità, così tra i veleni e le oscurità della polvere di diamante la corruzione s’insinua lentamente nella vita egiziana come una letale serpe, rivelando il danno causato solo quando è troppo tardi.

Attraverso il racconto si tratteggia l’Egitto alle soglie della destituzione di Mubarak e, nel “vecchio” come nel nuovo, le prospettive appaiono pessimistiche per l’autore. I “potenti”, dopo migliaia d’anni, hanno acquisito una capacità natatoria che gli permetterà di rimanere a galla in ogni mare di cambiamento. L’Egitto descritto da Ahmed Mourad non basterà far scomparirne uno o due prepotenti, in qualsiasi situazione politica, sono numerosi e altri sono in attesa di prenderne il loro posto, in un paese musulmano che non ha archiviato le sue ritualità scaramantiche dei Faraoni e cerca una via laica di democrazia.

 

**********************************

Titolo: Polvere di diamante

Titolo originale: Tourab al-mass

Autore: Ahmed Mourad

Traduttore: Barbara Teresi

Editore: Marsilio (Farfalle / I GIALLI), 2013

Prezzo: € 18,50

Pagg.: 384

Disponibile anche in eBook a € 13,99

ISBN 978-88-317-1561-4

****************************************

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares