• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Fame&Tulipani > Un tofu ecosostenibile, responsabile e... fatto di insetti: (...)

Un tofu ecosostenibile, responsabile e... fatto di insetti: C-fu

La popolazione mondiale è in aumento e le risorse del pianeta diminuiscono. Si parla di ridurre il consumo di carne ma la soia non è la soluzione. E gli insetti?

JPEG - 106.5 Kb
Come si presenta "prima"

Nel 2030 saremo 9 miliardi e non ci sarà abbastanza da mangiare tutti, animali compresi. La soluzione prospettata dalla Fao è, già da qualche anno, è l'entomofagia, ovvero il consumo di insetti. (Vedi il documento della Fao: "Il contributo degli insetti per la sicurezza alimentare, l'economia e l'ambiente"

Perché?

Gli insetti hanno un tasso di riconversione, ovvero di una crescita elevata e alto tasso di consumo; sono altamente proteici e ricchi in sali minerali; hanno un baso impatto ambientale e, inoltre, gli insetti posso essere consumati interi oppure sotto forma di pasta o polvere incorporandoli in altri, racconta Le Monde

Forti di questi suggerimenti alcuni ricercatori americani hanno pensato di provare a creare un alimento ricco in proteine e micronutrienti: il risultato somiglia al tofu. Ma è fatto di vermi da farina. Il nome che è stato dato a questo "super tofu" è C-fu, da "tofu" e "califera", la cavalletta. 

JPEG - 61.4 Kb
il C-fu pronto da consumare.

A partire dal C-fu si possono fare molte cose, proprio come con la carne, il formaggio o il tofu: "Non si tratta di un semplice prodotto ma di una materia prima alimentare a base di insetti" ha spiegato Lee Cadesky, uno dei ricercatori al giornale dell'università di Cornell. La resa di questo prodotto è enorme: se l'intero stato del Rhode Island, che si estende per circa 3 140 km2, fosse utilizzato per coltivare vermi da farina potrebbe sfamare 2 miliardi di persone. 

Per raccontare la loro esperienza i ricercatori hanno aperto un blog, tffchallenge.com, dove hanno spiegato e provato il C-fu, declinandolo il diverse ricette

Il C-fu verrà presentato al Thought For Food Summit il prossimo 13 e 14 febbraio dove si discuterà di come sfamare 9 miliardi di persone nel 2030. 

Il C-fu alla prova del gusto: 

Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.53) 6 febbraio 2015 05:51
    Damiano Mazzotti

    Si, certo... Mettiamola così...
    E se fossimo noi gli insetti, per qualcun altro?
    Magari la terra è solo una grande riserva di caccia per una grande civiltà aliena.
    La civiltà aliena si sta spostando da pianeta a pianeta, prima di spolparli del tutto.

    O magari non ci vogliono mangiare, ma ci vogliono solo fare lavorare come schiavi.
    Forse qualcuno ha già iniziato a vendere cibo agli alieni (in cambio di che cosa?).
    E forse hanno già iniziatoa prenderci l’oro, il platino e i metalli preziosi a livello tecnologico che si trovano nelle profondità della terra. E appena lo tiriamo fuori tutto loro fuggiranno con la cassa (magari, così si tolgono di mezzo e noi forse la smetteremo di perdere la testa per del metallo che luccica come succede ai bambini ritardati).

    E se esistono gli alieni, allora ci saranno i più buoni o ci saranno i meno cattivi, come tra gli uomini, e diventerà molto importante distinguere la differenza. Ma siccome non sappiamo nemmeno scegliere i nostri politici, dubito che riusciremo a distinguere i più affidabili.

    Chi vivrà si divertirà e soffrirà... Come sempre...
     

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità