• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Ti porto nel Quora

Ti porto nel Quora

 

Mamma mia, neanche qualche settimana di hype e Quora fa paura a Google e Qualcomm? Dài, siamo seri.

Ogni nuovo social network ha una grossa spinta iniziale e dopo un po’ rallenta (per chi studia la network analysis sarebbe interessante valutare una serie di fattori come tempo, quantità, relazioni). Non bastano i blogger famosi, gli opinion leader, la venuta di VIP (come per Twitter e Facebook), gli articoli dei magazine più famosi. Quora non è Yahoo Answers e viceversa, c’è chi lo usa per aumentare la reputazione (non sarebbe meglio usare LinkedIn Answers o altri sistemi?) o perchè serve veramente a ricevere riposte utili.

C’è sempre chi non si fida dell’hype, del nuovo servizio online del momento: se non è abbastanza robusto finisce per diventare un triste tormentone televisivo. Internet non è la tv, la fanno le persone, le buone idee, le telco.

E invece no: pare che i social network ci rendano meno umani, litigi continui, invidie, soprusi lavorativi, web opera. Dare un’opportunità a Quora, Diaspora e tutti gli altri dimostra apertura mentale, spirito di curiosità, non dedicargli tempo significa fare una scelta.

Sono entrambi comportamenti coraggiosi. L’intelligenza collettiva non è strettamente indispensabile: lo è invece quanto siamo disposti ad accettare di essere ignoranti, di poter prendere e da donare anche online, magari in un servizio che morirà tra 1 mese. Perché siamo fatti così: in fondo ci affezioniamo, ci portiamo tutto e tutti, chi più chi meno, din’t'o’core.



Read more: http://www.dariosalvelli.com/#ixzz1CKWgJaHm

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.80) 29 gennaio 2011 11:39

    Di cosa stai parlando? Non ho capito niente dell’articolo. Meno tecnicismi e più parole alla portata di tutti sarebbe una cosa apprezzata. La parte più adatta agli "smanettoni" va bene se poi insieme c’è una parte divulgativa.
    Ciao

  • Di Dario Salvelli (---.---.---.131) 29 gennaio 2011 13:44
    Dario Salvelli

    Smanettoni? Ma non c’è neanche una riga di codice! La prima parte mi focalizzo su come partano alcune startup, sui titoloni dei media, sul meccanismo di adozione ed utilizzazione di nuovi prodotti da parte di professionisti o esperti. 


    Poi parlavo di questi nuovi servizi che nascono quasi ogni giorno e del nostro atteggiamento ad utilizzarli e abbandonarli. Mi spiace non essere stato chiaro ma spesso scrivo i post di getto, è pur sempre un blog personale. smiley

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares