• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Riccardo Magherini. Come morire tra le mani dei Carabinieri

Riccardo Magherini. Come morire tra le mani dei Carabinieri

Tre marzo, l'una di notte. Si sentono urla e sirene lungo via Borgo san Frediano a Firenze. C'è chi si affaccia dalla finestra, arrivano i Carabinieri e bloccano un uomo, Riccardo Magherini, in evidente crisi di panico. Cosa sia successo quella notte non è chiaro, fatto sta che quando arriva il medico dopo mezz'ora dal fermo da parte dei militari non si può far altro che constatare la morte del quarantenne.

La ricostruzione dei fatti, o quantomeno quello che si è riusciti a comprendere fino ad oggi: Andrea Magherini, sposato e con un figlio di due anni, era un volto noto nel suo quartiere, una persona per bene. La sera del 3 marzo gira a piedi a tarda notte, dopo una cena con degli amici, in evidente stato di confusione dovuto all'assunzione di cocaina. L'uomo urla frasi sconnesse del genere "mi sparano" e chiede aiuto. Entra in una pizzeria e prende il cellulare ad uno dei dipendenti per chiamare la Polizia.

Una volta tornato in strada le forze dell'ordine arrivano davvero, chiamate dagli abitanti della zona preoccupati per il trambusto. Vede arrivare una pattuglia di Carabinieri e fugge; ne arriva una seconda ed i due militari lo bloccano a terra ammanettandolo. Magherini continua a urlare e ad invocare aiuto per un po', poi ad un tratto smette. I due agenti continuano a tenerlo bloccato a terra fino a quando, cinque minuti dopo, non arriva l'ambulanza (a bordo della quale non c'è un medico). Gli operatori sanitari scendono ed appurano che l'uomo respira; dopo un quarto d'ora arriva il medico che ne constata il decesso.

Cosa è successo? L'inchiesta aperta dalla magistratura ancora non ha dato riposte. Dall'autopsia la morte risulta esser stata causata dalle conseguenze di una prolungata asfissia. Il sospetto è che a causarla sia stato proprio il fatto che i militari abbiano tenuto Magherini per oltre un quarto d'ora prono con le mani ammanettare, bloccandolo di peso. Questo trattamento, che ne avrebbe ridotto le capacità respiratorie, sarebbe stato fatale date le sue condizioni già precarie (crisi di panico e sotto effetto di cocaina).

La questione si complica ancor di più nel momento in cui alcuni testimoni dicono di aver visto calci e violenze da parte dei due agenti. Il corpo di Mangherini presentava anche dei segni alla tempia e allo zigomo. Altri però negano e difendono l'operato degli agenti. Nei giorni scorsi è stato diffuso un video in cui si vede abbastanza chiaramente la scena e si sentono le grida disperate dell'uomo mentre viene immobilizzato dagli agenti. Difficile dire quanto fosse padrone di sé in quel momento. A due mesi dall'accaduto ancora risposte chiare su quello che è avvenuto non ci sono.

L'avvocato della famiglia della vittima si sta muovendo per portare i due agenti in tribunale con l'accusa di omicidio preterintenzionale ed omissione di soccorso. Quello che non si riesce a capire è come sia stato possibile che un uomo ormai tranquillizzato e calmo sia potuto morire sotto gli occhi delle forze dell'ordine e dei paramedici prontemente accorsi con l'ambulanza.

Per far chiarezza sul caso si è mosso anche il senatore Luigi Manconi con un'interrogazione parlamentare ai ministeri competenti e con la proposta di una nuova autopsia che stabilisca l'entità delle percosse subite quella notte da Magherini. L'unica certezza, comunque non avallata dalla magistratura, è che evidentemente qualcosa nel protocollo d'azione seguito da parte degli agenti non abbia funzionato. Il tutto, è bene ricordarlo, lungo la strada di un quartiere popolare e sotto gli occhi di alcuni residenti, presenti sulla via e affacciati alla finestra.

 

 

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.227) 6 maggio 2014 17:12

    si chiamava riccardo avete scritto andrea

  • Di (---.---.---.93) 6 maggio 2014 19:11

    Scusate, io non sono molto brava ad usare il computer. Ci provo.Questa vicenda mi ha molto coinvolto. Un po’ perchè sono nata proprio nella casa di fronte al luogo dove è morto quel povero ragazzo e ci ho vissuto fino a 30 anni fa. Un po’ perchè questo fatto mi ricorda troppo altri casi. Se fosse stato il San Frediano di una volta,. alle finestre si sarebbero affacciati tutti gli abitanti eD sarebbero scesi per la strada e ci sarebbero più testimoni.
    Ecco, io pregherei, se non l’hanno già fatto, tutti quelli che hanno visto o sentito o che hanno registrazioni, di presentarsi alle autorità perchè è nostro dovere aiutare a fare chiarezza su questa vicenda.
    Il fatt che fosse sotto gli effetti di stupefacenti aggrava la cosa perchè in tal caso va fatta più attenzione a come si agisce.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità