• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Open Arms, situazione disperata

Open Arms, situazione disperata

La pagina Facebook e il profilo Twitter di Open Arms mostrano oggi l’evoluzione sempre più drammatica della situazione a bordo. “Non riusciamo più a contenere la disperazione. Non riusciamo più a spiegare. 

Le parole mancano. Siete dei vigliacchi” ha accusato la Ong, dopo che vari migranti si erano gettati in acqua nel tentativo di raggiungere a nuoto Lampedusa, per venire poi recuperati dai membri dell’equipaggio.

Il premier spagnolo Sanchez ha offerto la disponibilità del porto di Algeciras, nel sud del paese, ma Open Arms ha rifiutato: Dopo 26 giorni di missione, 17 in attesa con 134 persone a bordo, un ordine del tribunale a favore e 6 paesi disposti a ospitare, volete che navighiamo per 950 miglia, circa 5 giorni in più, verso Algeciras, il porto più lontano del Mediterraneo, con una situazione insostenibile a bordo?” ha scritto su twitter il suo fondatore Oscar Camps.

Concetto ribadito da Laura Lanuza, direttore della comunicazione della ong – “Non accettiamo la Spagna come porto. Non possiamo mettere a rischio la sicurezza di tutte queste persone, devono essere sbarcati subito” – e da Mediterranean Hope, il programma per i rifugiati della Federazione delle Chiese Evangeliche italiane, secondo cui “la Open Arms, i suoi naufraghi e l’equipaggio non possono sostenere altri 5 e più giorni in mare per raggiungere il porto di Algeciras”. La Federazione si è inoltre offerta di assistere i migranti ancora a bordo della nave.

La posizione di Open Arms è riassunta in un nuovo messaggio comparso su Facebook e Twitter: “Inviata una richiesta urgente per poter entrare nel porto di Lampedusa e sbarcare le 107 persone a bordo da 17 giorni. Le loro condizioni psicofisiche sono critiche, la loro sicurezza è a rischio. Se accadrà il peggio, l’Europa e Salvini saranno responsabili”.

Ieri sera intanto 57 persone pare di origine tunisina sono arrivate a Lampedusa con un barchino, a dimostrazione che i porti sono chiusi solo per le navi delle Ong, come del resto ribadito più volte dal sindaco Martello; soccorsi dalla Guardia di Finanza vicino all’isolotto di Lampione, i migranti sono stati poi trasbordati a terra. Tra loro due donne, una delle quali incinta e un ragazzo malato, che è stato portato al Poliambulatorio. Tutti gli altri sono stati trasferiti nell’hotspot dell’isola.

(Foto di Open Arms Italia)

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità