• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Mimmo Lucano riceve la cittadinanza onoraria da Sgarbi: in volo da Riace a (...)

Mimmo Lucano riceve la cittadinanza onoraria da Sgarbi: in volo da Riace a Capranica e Oriolo passando per Sutri

Stamattina sono andata a piedi da casa,a Capranica, che tanto non faceva così freddo e un po' in anticipo che è un mio vizio congenito. Davanti al Teatro Capranica ho trovato solo tanti Carabinieri, compresi quelli del paese dove risiedo da 16 anni e dentro nel cortile i vigili urbani.E il sindaco Pietro Nocchi di Capranica nonchè anche Presidente della Provincia di Viterbo con quello di Oriolo Emanuele Rallo. E mia sorella Daniela che non è nessuno come me, ma siamo fan entrambe di Mimmo Lucano.

Era la prima volta che entravo nel teatro Francigena Tef di Capranica, oggi non c'era uno spettacolo mattutino o un evento artistico ma la consegna della cittadinanza onoraria a Domenico Mimmo Lucano da parte di Vittorio Sgarbi sindaco di Sutri, unitamente a Pietro Nocchi sindaco di Capranica, ed Emanuele Rallo sindaco di Oriolo Romano: siamo nella Tuscia.

Il vetro all'entrata era tutto sporco di colla che ci vorrà olio di gomito di molti per togliere; aveva lasciato il suo marchio CasaPound Viterbo con un enorme striscione con la scritta a caratteri maiuscoli con muscoli "Sgarbi: ma che "onoraria" a Lucano cittadinanza senza maggioranza" come fece a Sutri il 2 novembre 2018, fotografata dalle forze dell'ordine che prontamente hanno tolto tutto e neanche mi hanno dato la possibilità di ricopiare cosa avessero scritto...Ma loro CasaPound Viterbo hanno subito informato la stampa locale che si è affrettata questa volta a rendere omaggio alla dichiarazione di costoro, dando tutto lo spazio mediatico che era importante e basta.
 
Sarà stato questo il motivo per cui noi comuni mortali di Capranica non sapevamo niente di questo importante incontro? Forse non sarebbero venute lo stesso i giovanissimi, la parrocchia, le associazioni e le Confraternite del volontariato che animano tantissimo la vita capranichese?
Ma veniamo puttosto a lui, commenta su Fb Raffaella che era a Capranica di Sutri: "Carissima Doriana! È stata una di quelle giornate che rimangono scolpite nell'anima! Lucano è una persona straordinaria, limpida, di una purezza quasi infantile. Un uomo con eloquio un po' impacciato ma che trasmette una carica di umanità gigantesca. Sono felice di poter dire: io c'ero!"
 
Vi assicuro che c'erano tutti gli invitati tranne Nicola Zingaretti, sostituito da una bellissima giovane signora, l'Assessore Alessandra Troncarelli , e mancava Alba Parietti che ha inviato un video che abbiamo tutti visto e condiviso: “...Lucano ci ha insegnato l’umanità, la fratellanza, il rispetto e la partecipazione. Sono una tifosa di Lucano, a cui vanno riconosciuti i valori cristiani”.
 
Lo stesso schermo ci ha mostrato lo splendido commovente film Il Volo di Wim Wenders del 2010, regista che ha annunciato nei giorni scorsi, con una telefonata all’ex primo cittadino Mimmo Lucano ora sotto inchiesta, che tornerà nella Locride per il prosequio dell'opera: “La vera utopia non è la caduta del muro di Berlino, ma quello che è stato realizzato in alcuni paesi della Calabria, Riace in testa”.
 
Alle 11.30, ma anche prima, è arrivato Sgarbi e Mimmo Lucano, che hanno rilasciato interviste alle tv -compreso il tg3 e stampa nazionale- all'ingresso del teatro ed ecco sulla sua pagina FB un video

Io non sono una giornalista ma una cittadina che oggi si è sentita orgogliosa di avere le proprie radici nell'umanità e avere potuto abbracciare Mimmo Domenico Lucano che nel 2016 era entrato nella Lista della rivista americana Fortune dei 50 leader più influenti al mondo, tanto da fargli dire che "Con Riace vince l’Italia che resiste".
Siccome aveva anche dichiarato ai 4 venti certi fatti incontestabili come "La mia è una comunità felice, perché l'inclusione conviene a tutti. Ne godono i residenti, qui riaprono scuole e ristoranti. La natalità supera la mortalità. Ne gioiscono i rifugiati che trovano case e botteghe. Tessono, ricamano, lavorano il vetro, il legno, il cioccolato. Così è rinato il centro storico. E io sono felice di sentirmi utile: non voglio poltrone, ma solo fare il bene della mia gente" è stato arrestato dalla Guardia di finanza e posto ai domiciliari su disposizione della Procura di Locri, per poi passare al divieto di dimora a Riace, dove ha casa e la sua famiglia.
Riace è tornata nel silenzio...Ora Riace è vuota. Noi avevamo dato una speranza anche sbagliando. Che ruolo vuole avere lo Stato? Come vuole combattere la criminalità? Come vuole ripopolare Riace? Riempiendola di poliziotti?
Tutta la registrazione video di questa manifestazione della durata di 2 ore e 44 minuti, la trovate integralmente su Radio Radicale: https://www.radioradicale.it/scheda/560901/vittorio-sgarbi-conferisce-la-cittadinanza-onoraria-a-mimmo-lucano Un altro video riassuntivo dell'intera giornata su Repubblica. Per altre notizie vi consiglio di leggere il resoconto giornalistico di Tuscia web, e un buon resoconto de Il Dubbio, aggiungo solo che siamo usciti dal Teatro di Capranica alle 14.30.
 
Grazie Mimmo Lucano e grazie Vittorio Sgarbi per avere reso possibile questo incontro felice e di grande importanza politica e culturale, umana.
Doriana Goracci
Capranica 16.12.2018

 

Commenti all'articolo

  • Di Finiamola (---.---.---.17) 17 dicembre 2018 12:22

    Quante eccellenze d’Italia sprecate!

  • Di gilda (---.---.---.26) 17 dicembre 2018 17:57

    Abbiamo bisogno di persone come Mimmo Lucano. Riace è un esempio di grande civiltà e umanità. Mimmo Lucano ha anche dato una grande ed intelligente opportunità di sopravvivenza per la stessa Riace. AMMIREVOLE

    • Di Doriana Goracci (---.---.---.166) 17 dicembre 2018 18:09
      Doriana Goracci

      grazie Gilda, forse vale la pena ricordare a chi non lo sapesse, perchè questo post l’ho scritto esattamente 2 mesi dopo: Mimmo Lucano ha lasciato Riace all’alba. Il Tribunale del riesame, accogliendo il ricorso della difesa, ha revocato nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari, sostituendola con quella più tenue del divieto di dimora nel paese del Reggino. La compagna etiope di Lucano, Tesfahun Lemlem, a cui il gip aveva imposto proprio il divieto di dimora, ha ottenuto l’obbligo di firma: resterà quindi a Riace, portando avanti insieme ai volontari l’assistenza ai 150 migranti rimasti. Il Governo, attraverso il ministro dell’Interno Salvini, ha decretato la fine del “modello Riace“, disponendo l’uscita dallo Sprar: “Siamo noi che vogliamo uscire, non voglio più avere a che fare con questo governo che non rispetta i diritti umani. Riace non finisce”, ha detto Lucano dopo l’udienza di riesame. 16 ottobre 2018

      Anche i comuni di Stignano e Caulonia insieme a Riace durante la crisi umanitaria di Lampedusa del 2009 diedero disponibilità di 200 posti a confronto di Milano che si rese disponibile per 20.

      Il “metodo Riace” è una sorta di riciclo nobile, il riutilizzo dell’enorme risorsa umana derivante dai drammatici sbarchi sulle coste italiane: TRASFORMARE UN PROBLEMA IN UNA SOLUZIONE
      "I migranti a Riace smettono di essere un peso per diventare motore di un’economia moribonda; non vengono ospitati in casermoni fatiscenti o in quei famosi hotel facile argomentazione di una certa parte, ma in case abbandonate di un borgo diventato presto una meravigliosa oasi di interculturalità.Il metodo Riace è geniale proprio nella gestione socioeconomica dei migranti, resi cittadini impegnati e produttivi. I 35 euro procapite destinati al sostentamento di profughi e richiedenti asilo vengono trasformati in cosiddette “borse lavoro” che vengono girate a cooperative, di cui fanno parte anche riacesi, che danno la possibilità a questi uomini e donne di imparare un mestiere che gli assicuri un piccolo stipendio. Si è creata anche una rete di esercizi commerciali convenzionati che permette ai migranti di provvedere personalmente con quello stipendio alle spese domestiche..."ABITANTI 1.605 nel 2001 , 2.238 nel 2016 2.309 nel 2017 SAPETE QUANTI SONO OGGI ?
      http://italia.indettaglio.it/ita/calabria/riace.html

  • Di Finiamola (---.---.---.125) 17 dicembre 2018 20:18

    Economia malata. Un’altra versione dell’assistenzialismo con i soldi di tutti. Pratica molto diffusa nel nostro sud. Non per nulla c’è la fila di comuni che si propongono. Lo mettiamo assieme ai contributi per l’agricoltura rubati ed ai finti dipendenti delle aziende agricole. Lo ribadisco "finiamola"! La misura è colma.

    • Di Kocis (---.---.---.238) 17 dicembre 2018 21:20

      La libertà è assolutamente prioritaria. Quindi, leggo tutti i commenti, compresi quelli articolati dal sig. “ Finiamola”. Sostiene che al sud l’economia è malata. Vero, verissimo! Bisognerebbe in particolare chiederne conto all’ “allegro” trio politico-affaristico-mafioso ( e all’enorme cricca di compari storicamente loro sostenitori, professionisti del trasformismo) che hanno condannato il sud al disfacimento sociale e territoriale, arricchendosi spudoratamente alla faccia della stragrande maggioranza dei cittadini residenti.. Tra l’altro, praticando alla grande l’evasione fiscale, sempre alla faccia dei lavoratori dipendenti e pensionati.

      In particolare si è ammalata l’ “economia umana”, a partire dai milioni di meridionali che nel corso dell’ultimo quindicennio ( in aggiunte a quelli storici che hanno abbandonate i loro luoghi nativi a decine di milioni) sono stati costretti ad emigrare: al centro nord, in Europa, nel mondo intero. ….. Sono Loro i profughi condannati a fuggire dalla propria terra.

      Sì…….la misura è proprio colma, considerato che da queste vere e drammatiche questioni, c’è Chi ( al plurale) vuole scientificamente sviare l’attenzione……sui poveri, ancora più poveri e disperati che fuggono da altre parti del mondo. In Italia i Diritti Umani sono sanciti dalla Costituzione. Già, Quella ( la Costituzione), che prima non c’era….dato ( si suppone) la conoscenza sulle ben note precedenti questioni in essere.

  • Di Finiamola (---.---.---.125) 17 dicembre 2018 20:50

    Importante è avere una disponibilità di denaro ed un pretesto per spenderlo, poi ci pensano loro come fare. Se poi il tutto lo ammantiamo di finalità benefiche il capolavoro è fatto. Ricordatevi di mafia capitale. Il massimo dell’ipocrisia.

  • Di Finiamola (---.---.---.125) 18 dicembre 2018 00:27

    Assolutamente d’accordo sulla vergogna dell’evasione fiscale e della criminalità dilagante in tutto il sud (e non solo lì). Ma non è aggiungendo problemi a quelli che abbiamo che risolviamo la situazione. Anzi, innestando fondi senza controlli di spesa, si finisce di foraggiare ulteriormente quella criminalità che infesta il nostro mezzogiorno. Senza contare che migliaia di soggetti che necessitano di tutto vanno a fare concorrenza ed a sottrarre ai nostri concittadini più poveri (specialmente al sud) quel poco di welfare state che è rimasto (casa e sanità in primis).

    Non è giusto!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità