• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca Locale > La supercazzola da Messina

La supercazzola da Messina

Se pensavate di averle sentite tutte, dopo Razzi, Renzo Bossi, Vendola, Di Pietro, Renzi e Fassina, ad irrompere quatta quatta nella classifica delle Supercazzole politiche arriva Emilia Barrile (Partito Democratico), presidente del consiglio comunale di Messina.

In pratica, la Corte dei Conti ha recentemente bocciato il bilancio del Comune di Messina del 2012 e dei primi sei mesi del 2013 (n.b.: l'attuale sindaco, Renato Accorinti, è stato eletto a fine giugno 2013). La conseguenza è che il Comune non può sborsare un euro, se non per interventi urgenti.

Gli effetti negativi si stanno principalmente riversando sulla raccolta rifiuti (notizia di questi giorni è anche l'attentato ai danni di Leonardo Termini, consulente a titolo gratuito di Messinambiente) e sul rinvio della Notte della Cultura.

La Barrile, intervistata dal tg locale TCF, nel tentativo di rimpallare le responsabilità al sindaco e alla giunta, si impappina e... riportiamo testualmente:
 
Io sto, più che rispondendo alla Corte dei Conti, sto scrivendo al signor Sindaco, di tutte le sue competenze in cui versa nella qualità delle sue funzioni, perchè loro sono l'organo esecutivo e proponente dell'amministrazione. Quindi, nostra competenza è solo di deliberare sulle loro proposte. Quindi, leggendo il decreto della Corte dei Conti, in cui ci dice che anche se c'è stata la proroga sul previsionale 2014, possiamo – diciamo - usufruire della possibilità di preparare un bilancio previsionale provvisorio, e che a tutt'oggi non è stato avviato nessun iter preced... prociud... di procedura alla... all'avvio di questa richiesta della Corte dei Conti. Quindi io, nella competenza... nella mia competenza di organo di controllo sto dando delega sia al segretario generale, sia alla funzione di direttore generale insieme di tutti i dirigenti, di... di... di portare avanti tutti i rilievi fatti che sono molto critici della Corte dei Conti, dove più volte sottolinea appunto la criticità e la possibilità di fare al più presto i rilievi che loro ci espongono, senza andare a giustificare che l'amministrazione nel primo semestre 2013 non è di competenza di questa amministrazione.

Nel dicembre del 2010, allora consigliere comunale per la lista "Genovese sindaco", venne indagata dalla Guardia di Finanza, accusata di ricattare politici e imprenditori in cambio di voti e posti di lavoro. 

Nel luglio del 2013, il consiglio comunale a maggioranza PD (con appoggio di Megafono, DR e il suo ex partito, UDC) la elegge Presidente. Il primo presidente comunale donna a Messina.

 

Foto: Wikimedia

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità